365 GIORNI NEI LUOGHI DEL TERREMOTO

LE
AREE
PROIBITE

30 settembre 2016
Le zone rosse dei comuni colpiti dal terremoto sono inaccessibili agli abitanti. Si può entrare solo se autorizzati e accompagnati dai Vigili del fuoco.

Da fine agosto nei centri storici di Amatrice, Accumoli e Pescara del Tronto non si entra più. Troppo pericolosi. Sono stati dichiarati zone rosse, cioè aree ad alto rischio il cui accesso è ristretto ai cittadini e regolato dalle forze dell’ordine. Dopo un terremoto, o un disastro naturale, a delineare i confini di una zona rossa sono i sindaci, che emettono specifici decreti. Fino alla fine dell’emergenza chi abitava qui potrà avvicinarsi alla propria casa o a quel che ne resta solo se viene espressamente autorizzato e accompagnato dai Vigili del fuoco. Le mappe delle zone rosse sono presenti nella maggior parte degli uffici dove lavora il personale che si occupa dell’emergenza.

1AS60034
Amatrice
1AS60030
1AS60027
A sinistra Accumoli, a destra Pescara del Tronto
© Donna Moderna 2019
CAPITOLO 4 CAPITOLO 6