365 GIORNI NEI LUOGHI DEL TERREMOTO

I PRIMI GIORNI
NELLE CASETTE
DI ACCUMOLI

26 luglio 2017

Proprio mentre sto scrivendo, le prime famiglie di Accumoli si trasferiscono nelle casette. Le hanno aspettate quasi un anno. In queste ore la comunità si divide tra quelli che fanno le valigie e gli altri che restano ancora in attesa, sulla costa. Ma non più all’Hotel Relax di San Benedetto del Tronto. Da lì, alla spicciolata, con l’arrivo dei turisti i terremotati sono stati trasferiti. Adesso sono in altri alberghi più a nord, sulla costa adriatica.

In primavera i contratti stipulati dalle Regioni e dalla Protezione civile con gli albergatori non sono stati rinnovati, e le strutture hanno raccolto le prenotazioni estive. Le casette dovevano essere pronte per fine maggio o al massimo i primi di giugno; invece non è andata così. Settimana scorsa, dopo lunghe attese e incertezze, gli alloggi nella parte alta del paese di Accumoli sono stati assegnati. E agli sfollati sono stati dati 5 giorni di tempo per occuparli; allo scadere del termine la copertura economica prevista per la permanenza in albergo decade.

Ho chiamato Roberta, la cui casetta non è ancora completata e che attende a Grottammare, Alfredo che è riuscito a trasferirsi nella nuova casetta con la famiglia e Felice che resterà ospite dai parenti per organizzare il suo trasferimento. Mi raccontano che il nuovo villaggio di Accumoli è ancora un grande cantiere. E che intorno alle casette pronte, le ruspe continuano a lavorare. Nelle loro voci un misto di speranza, inquietudine, gioia e incertezza.

© Donna Moderna 2019
CAPITOLO 37 CAPITOLO 39