donna fa gli addominali

Gli errori di allenamento che sabotano i tuoi addominali

Fit
Ci sono alcuni errori di allenamento che possono mettere a rischio i tuoi addominali (e che forse non conosci)

Sicura di svolgere bene il tuo workout? Forse non lo sai, ma esistono alcuni errori di allenamento che sabotano i tuoi addominali, mettendo a rischio i risultati. I crunch sono fondamentali per avere una pancia tonica e piatta. Ma gli esercizi per gli addominali non sono così semplici come possono sembrare. Un’esecuzione sbagliata, così come una postura errata, non solo limitano i risultati, ma possono provocare anche mal di schiena, contratture e strappi addominali. Non vuoi sabotare la tua pancia piatta? Gli errori da non compiere.

Non “ascoltare” i muscoli

La concentrazione, quando si eseguono gli addominali, è essenziale. Ciò significa ascoltare i tuoi muscoli e ciò che raccontano. Quando realizzi un crunch a terra, ad esempio, concentrati sulla muscolatura dell’addome che sta lavorando. Se noti che a muoversi sono anche collo, bacino, schiena o spalle ciò significa che non ti stai allenando bene. Almeno le prime volte, soprattutto se ti trovi in palestra, chiedi aiuto a un istruttore per correggere l’esecuzione.

Indirizzare male lo sguardo

Se esegui male gli addominali la zona che avrà problemi peggiori sarà quella del collo e delle spalle. Durante il crunch infatti potresti incorrere in infiammazioni e contratture del collo che potrebbero rallentare la tua strada verso addominali perfetti. Ricordati di non incassare il tuo collo. Come? Indirizzando nel modo esatto lo sguardo. Guarda bene in alto nel corso dell’esercizio, tenendo le spalle ben aperte. Solo così eviterai qualsiasi fastidio.

Non solo: nel corso dei crunch fai attenzione alla zona del corpo che sollevi da terra. Fai bene leva sull’addome, evitando che a lavorare sia solamente il busto. Oltre al crunch, lo sguardo è importante pure nel plank.  Quando ti dedichi a questo esercizio non girare in alcun modo la testa, mantenendola in asse col corpo e contraendo i muscoli dell’addome.

Alzare il bacino da terra

Un altro errore piuttosto frequente è quello di sollevare da terra il bacino nella fase di sollevamento. Ricordati sempre che, per far lavorare gli addominali al massimo, l’area lombo-sacrale dovrà restare ben attaccata al pavimento. Come fare? Per ottenere questo risultato schiaccia la zona dell’ombelico a terra, provando ad appiattire il buco che va crearsi fra il terreno e l’osso sacro. Un consiglio: usa un rialzo per poter appoggiare durante l’esercizio le gambe.

Non variare esercizi

Gli esercizi per gli addominali, come per qualsiasi allenamento, richiedono dedizione e tempo, ma soprattutto un lavoro di crescita. La fretta di avere una pancia super piatta subito infatti potrebbe portarti a commettere un errore: non variare gli esercizi. Ascolta il tuo corpo, variando gli esercizi del tuo workout per realizzare una crescita.

Respirare male (o trattenere il fiato)

Durante l’allenamento concentrati non solo sui muscoli che lavorano e sui movimenti, ma anche sulla respirazione. Quando fai gli addominali infatti coinvolgi la muscolatura del diaframma che utilizzi solitamente per respirare. Per questo motivo potresti avere difficoltà nel controllare la tua respirazione. Inspira quando i muscoli sono rilassati ed espira durante la contrazione. Mantieni il ritmo costante per un risultato eccezionale!

Allenarsi troppo

Anche se desideri avere in fretta degli addominali scolpiti, ricordati che allenarsi troppo è sempre un errore. Dopo uno sforzo intenso infatti la muscolatura ha bisogno di riposarsi per poter recuperare le energie, ma soprattutto per svilupparsi nel modo esatto.

Nel tuo programma di allenamento includi una giornata di riposo e una di recupero attivo. Prova inoltre a variare gli esercizi per gli addominali ogni giorno, coinvolgendo di volta in volta dei gruppi muscolari nuovi per sviluppare equilibrio e forza.

Esagerare

Se chiederai troppo al tuo corpo si ribellerà. Quando pensi a come vorresti i tuoi addominali prova a non seguire modelli irrealistici ed eccessivi, magari basandoti su Instagram. Potrebbero infatti essere fuorvianti e costringerti a puntare su un workout che non fa per te, con un allenamento estenuante ed eccessivo. Cerca, al contrario, di essere realistica e di optare per un programma che sia graduale e creato su misura per te.

Non calcolare il tempo di recupero fra le serie

Calcolare il tempo di recupero fra le serie è fondamentale. I muscoli addominali infatti sono caratterizzati da un recupero piuttosto veloce in seguito a uno sforzo. La pausa però dovrebbe essere esattamente di 45 secondi, non uno di più. Uno stop particolarmente lungo infatti potrebbe far svanire lo stimolo allenante.

Non curi l’alimentazione

Se la dieta che segui non è corretta manderai a monte il tuo allenamento. Gli addominali infatti diventeranno visibili solamente se il grasso corporeo sarà poco. Un risultato che si può ottenere tramite un’alimentazione studiata ad hoc.

Ricordati di consumare cinque pasti al giorno e cura particolarmente la colazione per attivare il metabolismo. A pranzo punta sui carboidrati, sommati con le proteine magre. Questo piccolo segreto infatti permette di modulare gli zuccheri nel sangue, consentendoti di avere una pancia piatta.

Riproduzione riservata