Collateral Beauty: la trama, i personaggi e una clip esclusiva

  • 1 9
    Credits: Warner Bros

    La locandina del nuovo film del Premio Oscar® David Frankel, nei cinema dal 4 gennaio

  • 2 9
    Credits: Warner Bros

    Will Smith interpreta Howard, manager e pubblicitario newyorkese, che non riesce a riprendersi dalla morte della figlia di sei anni e si chiude completamente in se stesso

  • 3 9
    Credits: Warner Bros

    Whit (Edward Norton) è il fedele braccio destro di Howard e mente creativa della compagnia che dirigono, oltre ad essere il suo più caro amico

  • 4 9
    Credits: Warner Bros

    Kate Winslet interpreta Claire, la saggia amministratrice della compagnia di Howard, che deve fare i conti con il desiderio di diventare madre

  • 5 9
    Credits: Warner Bros

    Howard scrive lettere arrabbiate ed appassionate all’Amore, al Tempo e alla Morte, nella speranza di trovare un senso al suo dolore

  • 6 9
    Credits: Warner Bros

    Helen Mirren, Keira Knightley e Jacob Latimore, i tre misteriosi personaggi che vengono a far visita al protagonista

  • 7 9
    Credits: Warner Bros

    Will Smith (Howard) incontra Keira Knightley, un personaggio che forse potrà fare luce su alcuni dei dubbi che affliggono il protagonista

  • 8 9
    Credits: Warner Bros

    Simon (Michael Peña), il generoso consulente generale della compagnia, alle prese con un incontro alquanto bizzarro

  • 9 9
    Credits: Warner Bros

    Come affrontare la più grande perdita, quella di un figlio? Howard si troverà a dover rispondere alla più tragica delle domande

Dal regista Premio Oscar® David Frankel, un dramma provocatorio con protagonista Will Smith, insieme ad un cast stellare, dal 4 gennaio al cinema

“Tempo, amore e morte. Queste tre cose mettono in contatto ogni singolo essere umano sulla Terra.  Desideriamo l’amore. Vorremmo avere più tempo. E temiamo la morte”.

Collateral Beauty: la trama

Di fronte ad una grave perdita, ognuno reagisce nei modi più disparati, tentando di metabolizzare il dolore ed elaborare il lutto in maniera personale. Non è sempre facile, alle volte il senso di sconfitta prende il sopravvento e viene meno ogni speranza nei confronti di ciò che il mondo ha da offrire.

È proprio quello che succede a Howard (Will Smith), manager e pubblicitario newyorkese, che, paralizzato dal dolore per la morte della figlia di sei anni, perde ogni interesse per la vita che conduceva. Sempre più solo e senza contatti con gli altri, la sua unica forma di comunicazione sono le lettere accusatorie ed arrabbiate che scrive all’Amore, al Tempo e alla Morte, nella speranza di trovare dall’universo le risposte ai più profondi interrogativi umani.

Quando le sue annotazioni ricevono risposte inaspettate e personali, inizia a comprendere come ogni vicenda nasconda in sé significati collaterali e nascosti, e di come anche la perdita più triste possa rivelare momenti significativi e di bellezza.

Accanto al protagonista, i colleghi, da sempre una seconda famiglia per un uomo in carriera come Howard, interpretati da un cast stellare: Whit (Edward Norton), il fedele braccio destro; Claire (Kate Winslet), la saggia amministratrice e Simon (Michael Peña), il generoso consulente generale della compagnia. Sinceramente preoccupati per il capo e amico, cercano disperatamente di stabilire un contatto con lui ed escogitano un piano drastico per spingerlo al limite, per il suo bene e per quello della compagnia.

Guarda il trailer di Collateral Beauty qui

Ambientato nel calore, nell’energia e, a volte, dolce amaro periodo delle vacanze natalizie a New York City, “Collateral Beauty” cerca di rispondere ad una domanda cruciale: come riprendersi la propria vita e ritrovare l’amore, dopo aver subito una gravissima perdita? E in questo viaggio emotivo e spirituale profondamente personale alla ricerca di un senso e di una ragione per continuare a vivere, si nascondono inaspettati momenti di speranza, di significati e di legami – il proverbiale lato positivo – che sono la luce del percorso che attraversa anche i momenti più oscuri.

La bellezza collaterale del titolo si riferisce proprio a “tutte quelle cose che diamo spesso per scontate, o di cui addirittura neanche ci accorgiamo, ma che sono presenti ogni giorno, come un tramonto…oppure da cogliere al volo, come il sorriso di un bambino”, dice il regista David Frankel.  “Esistono milioni di esempi di bellezza collaterale; ognuno di loro è unico e ognuno di noi ha la sua idea di come potrebbe essere. Sono il motivo che ci spinge ad andare avanti e penso che ciò che renda avvincente questa storia, è il fatto che ci ricorda di godere di quei brevi frammenti di vita brillante, che la rendono interessante da vivere”. Nonostante la consapevolezza che ci saranno sempre alcune cose che vanno aldilà della nostra comprensione.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te