Titanic: Trama, cast e curiosità sul film

Credits: Twentieth Century Fox Film/Paramount Pictures
Credits: Twentieth Century Fox Film/Paramount Pictures
Credits: Twentieth Century Fox Film/Paramount Pictures
Credits: Twentieth Century Fox Film/Paramount Pictures
Credits: Twentieth Century Fox Film/Paramount Pictures
Credits: Twentieth Century Fox Film/Paramount Pictures
Credits: Twentieth Century Fox Film/Paramount Pictures
Foto

Diretto nel 1997 da James Cameron, Titanic è un grande film d’intrattenimento che ancora oggi riesce a commuovere ed entusiasmare attraverso la storia d’amore tra Jack (Leonardo DiCaprio) e Rose (Kate Winslet).

Film autentico e realistico, Titanic è curato nei minimi dettagli: nella sceneggiatura e nei dialoghi tra i personaggi che, fin dalle primissime battute, fanno presagire l’arrivo dell’immediata tragedia, nella ricostruzione scenica e scenografica degli ambienti, nella spettacolarità visiva delle immagini, nel ricercato uso degli effetti speciali. Ne viene fuori un film intenso, arricchito dalla presenza personaggi di contorno ma fondamentali per la narrazione, verso i quali si nutre ammirazione o profondo disprezzo.

Tutte caratteristiche positive che hanno trasformato questo film in quello che è oggi: un capolavoro intramontabile. Film magico e visivamente impressionante, ha il merito di aver lanciato la carriera di Leonardo DiCaprio e Kate Winslet.

Ad arricchire la storia, la staordinaria voce di Celine Dion, sulle note "My heart will go on".

Vi sveliamo tutto quello che c’è da sapere su questo film intramontabile, raccontandovi anche un paio di storiche curiosità.

La trama

Dopo il ritrovamento di alcune reliquie, tra cui il ritratto del nudo femminile, tra i resti del Titanic, un’anziana donna di 100 anni di nome Rose DeWitt Bukater racconta a sua nipote e ad alcuni ricercatori la storia della sua vita e in particolar modo quella del famoso viaggio affrontato 84 anni prima proprio sul Titanic. Catapultati indietro negli anni, facciamo la conoscenza di una giovanissima Rose mentre sale a bordo della nave insieme alla madre Ruth DeWitt Bukater e al promesso sposo Caledon Hockley. Nel frattempo, un giovane artista squattrinato di nome Jack e il suo miglior amico, Fabrizio De Rossi, vincono due biglietti di terza classe durante una partita a poker e salgono, proprio come Rose, sulla “nave del sogno”. Inizia così l’appassionante relazione tra due giovani appartenenti a due classi diversi che sfidano ostacoli e convenzioni di ogni genere pur di coronare un sogno proibito. Un’amore che finisce il 15 aprile 1912 quando la nave, definita da Rose in una delle prime scene del film “inaffondabile”, colpisce un iceberg, trasformando tutto in un vero incubo.

L’uscita in America e in Italia

Titanic arriva nelle americane il 19 dicembre 1997 e in quelle italiane il 16 gennaio 1998. Il film fu subito un grandissimo successo e riuscì, in un solo mese, a ripagare attarverso i primi incassi l’eccessivo costo di produzione. Il successo fu in parte dovuto alle presenza di Leonardo DiCaprio, attore lanciato nei primi anni ’90 dalla sit-com televisiva Genitori in Blue Jeans e reso ben presto celebre grazie a ruoli, per nulla banali, in film come Buon Compleanno Mr. Grapes, La stanza di Marvin e Romeo + Giulietta di William Shakespeare. La breve ma intensa fama di quel ventitrenne dal viso angelico, convinse il regista James Cameron a lanciare il film con la tagline “Romeo e Giulietta sul Titanic”. Una mossa che si rivelò davvero vincente. 

Leonardo DiCaprio non fu la prima scelta

Ebbene sì! Difficile oggi immaginare Titanic senza il volto di Leonardo DiCaprio. Eppure, l’attore non fu proprio la prima scelta della produzione. Tra i vari nomi di grandi star saltati fuori all’epoca ci furono quello di Matthew McConaughey (che reciterà con DiCaprio molti dopo in The Wolf of Wall Street), quello di Brad Pitt e persino Stephen Dorff. Per nostra fortuna, queste star furono tutte scartate e a bordo del Titanic, per iniziare quel tragico viaggio in bilico tra la prima e la terza classe, salì proprio DiCaprio. Di certo non siamo dispiaciuti. L’attore regala al personaggio di Jack spessore, credibilità e il fascino del bello senza tempo e il feeling con Kate Winslet è tale da non far rimpiangere l’assenza di nessun altro.

Gli altri membri del cast

Ad affiancare DiCaprio nel ruolo di Rose c’è Kate Winslet, all’epoca sicuramente meno nota -tra i suoi film Ragione e Sentimento per la regia di Ang Lee e Hamlet dove viene diretta da Kenneth Brannagh-, ma decisamente molto più tenace. Tra i corridoio hollywoodiani gira una curiosa leggenda. Si racconta, difatti, che pur di ottere il ruolo femminile nel film, l’attrice si procurò persino il numero personale del regista per chiamarlo e convincerlo personalmente ad accettare la sua candidatura. Tra gli altri membri del cast figurano Billy Zane nel ruolo di Cat Hockley, arrogante fidanzato e promesso sposo di Rose, Kathy Bates in quelli di Molly Brown, Victor Garber nel ruolo di Thomas Andrews e Gloria Stuart in quelli di Rose da anziana. L’attrice, all’epoca del film 87enne, è passata alla storia perché l’unica tra i membri del cast ad essere realmente esistita durante l’incidente del Titanic. La sua interpretazione di Rose, seppure breve, fu talmente profonda e intensa da meritarle la candidatura all’Oscar come miglior attrice non protagonista. Un caso curioso dato per lo stesso ruolo, nella categoria miglior attrice protagonista, fu candidata anche Kate Winslet.

Record di Oscar e di vittorie

La 70ª edizione della cerimonia di premiazione degli Oscar fu dominata da Titanic. Il film ricevette ben 14 nomination e conquistò 11 statuette, facendo così la storia. Titanic fu premiato come miglior film, miglior regia, per il montaggio, per le scenografie e in molte altre categorie, contribuendo in questo modo ad aumentare il successo della pellicola. Quello degli Oscar non fu il solo record passato alla storia. Tra le varie curiosità sul film, spicca quella sul costo di realizzazione e produzione: Titanic è costato circa 200 milioni di dollari, ai quali vanno aggiunti i costi di promozione pari a 85 milioni, investimento ben presto ripagato dagli incassi dato che la pellicola ha scalato ben presto la classifica dei film che hanno incassato di più nella storia del cinema, posizionandosi subito tra i primi posti.

La scena finale

A quanto pare, alla fine, anche James Cameron ha dovuto ammettere la verità: su quel pezzo di legno c’era posto anche per Jack e sia lui che Rose si sarebbero potuti salvare. Ovviamente vien da chiedersi: e la storia? Sarebbe davvero stata così forte? Tutte le volte che vediamo un film ci interroghiamo sulle infite possibilità che il corso della vicenda può prendere, ma forse in questo caso non c’era finale migliore per garantire il successo del film. Se Jack si fosse salvato, il film sarebbe risultato molto meno incisivo e il bello del cinema è proprio questo: far vivere forti emozioni e regalarci storia universali che, se scritte bene, conservano intatta la loro bellezza, nonostante il corso degli anni. Titanic è sicuramente una di queste.

Uno tra tanti errori del film

In una scena del film, Rose sta ammirando diversi quadri dipinti da artisti divenuti poi molto celebri, come quello di Picasso. I quadri tornano anche in un secondo momento, poco prima della famosa scena in cui Jack fa il ritratto a Rose, con il protagonista che viene catturato dalla presenza nella stanza delle “Ninfee” di Claude Monet. Il quadro compare nel film, ma Monet cominciò a lavorare su quelle opere tra il 1916 e il 1923. In realtà, nessuno dei quadri mostrati fu mai trasportato a bordo del Titanic e le scene sono il frutto di licenze poetiche e narrative degli sceneggiatori. 

La mano di James Cameron

È ormai da tempo noto che le mani inquadrate nella scena in cui Jack fa un ritratto a Rose non sono quelle di Leonardo DiCaprio, ma quelle del regista James Cameron. Oltre ad essere un grande regista e uno scrittore notevole, Cameron ha anche un discreto talento come artista.

La scena cancellata

Come spesso accade, durante il processo di lavorazione di un film e soprattutto in fase di montaggio, alcune scene vengono eliminate. È successo anche con Titanic e in particolar modo con una scena ritenuta dai realizzatori di pessimo gusto e che ha per protagonista Molly l’inaffondabile. La scena in questione la vede al centro dell’inquadratura, mentre chiede un po’ di ghiaccio proprio poco prima dello schianto della nave contro l’iceberg. Ritenuta decisamente indelicata, fu giustamente cancellata.

Quanta tenerezza quella coppia

Il personaggio di Leonardo DiCaprio è frutto della fantasia del regista. Il caso ha però voluto che, in seguito a una serie di ricerche, si scoprisse dell’esistenza di un certo Dawson, un passeggero di Dublino, realmente salito a bordo del Titanic. Se i due protagonisti principali e molti altri personaggi sono inventati, nel film compaiono anche molti altri personaggi ispirati a persone realmente esistite. Tra i tanti merita di essere ricordata la tenera coppia inquadrata verso la fine del film. I due anziani restano uniti nonostante la tragedia finale. I personaggi si ispirano a Ida e Isidor Straus, proprietari del Macy’s di New York. A Ida fu offerto un posto su una scialuppa di salvataggio, ma la donna rifiutò per restare accanto al marito fino alla fine.

Riproduzione riservata