Greta &Co. 10 green influencer da seguire su IG

Credits: Shutterstock

Il cambiamento climatico è senz'altro l'argomento più "caldo" del momento. Anche Instagram ha detto la sua e sta condizionando - in positivo - l'opinione di tutte noi. Ecco i 10 profili Instagram più "green" per una vita a impatto zero. 

Green Influencer da seguire su Instagram

Se dovessimo dire già da ora per cosa saranno ricordati questi anni Dieci del Duemila, non potremmo non citare l’emergenza ambientale. Oceani invasi dalla plastica, specie animali in via d'estinzione, aumento delle temperature e conseguente scioglimento dei ghiacciai, in due parole la crisi climatica più sconvolgente a memoria d'uomo.

Sia personaggi pubblici che persone comuni si stanno muovendo per fermare quella che ha tutta l'aria di una catastrofe annunciata. Soprattutto attraverso i social, e in particolare Instagram, i cosiddetti green influencer hanno iniziato a condividere non solo opinioni e informazioni, ma soprattutto le loro scelte quotidiane nel segno della sostenibilità che possono realmente aiutare l'ambiente.

La tematica è cara a moltissimi di noi e alcuni di questi account verdi sono diventati in preve tempo fra i migliori profili Instragram da seguire.

Al di là di profili storici come @natgeo, @greenpeace e altri più recenti come @mindbodygreen (bellissimo) e @greenmatters, scopriamo insieme quali sono i 10 green influencer da seguire su Instagram subito per capire come invertire la rotta. 

Leggi anche: come diventare travel blogger su Instagram

10 Profili Green per chi ama l'ambiente

@gretathunberg

Ormai arrivata a 2,4 milioni di follower (ancora troppo pochi), è l’ambientalista più social e famosa al mondo. A soli 16 anni è riuscita a far scioperare migliaia di scuole nel mondo per il cambiamento climatico e ha tenuto un comizio in Piazza San Pietro alla presenza del Papa. Il fatto che una ragazza così giovane sia arrivata in soli due anni ad essere leader mondiale con la sola forza della sua motivazione, è un esempio per tutte noi.

@leonardodicaprio

La sua fondazione ha donato 20 milioni per l’ambiente e salvato recentemente la foresta del Guatemala, il suo documentario “Before the flood” ha denunciato la diffusione incontrollata di coltivazioni di palma da olio in Indonesia. È l’unico divo di Hollywood che sul suo profilo Instagram non mette la sua faccia (zero selfie, oltre che impatto zero), ma quella di tigri, orsi polari, popoli indigeni e... Greta Thunberg.

Leggi anche: Turismo responsabile, il Principe Harry lancia Travalyst

@jameswhitlowdelano

Ha fondato @everydayclimatechange, un collettivo di sei fotografi che ogni giorno documenta gli effetti del cambiamento climatico in giro per il mondo. In realtà è un fotoreporter, ma la natura è in assoluto il suo soggetto preferito.

@zerowastehome

Ovvero Bea Johnson, una delle prime influencer in assoluto ad aver promosso una vita-zero sprechi, dal come risparmiare l'acqua in poi. È l’autrice del bestseller “Zero Waste Home”, tradotto in 26 lingue e ispirato alla pagina Instagram omonima che propone soluzioni domestiche a impatto zero ambientale per risparmiare tempo, denaro ed energie. Conta 233.000 follower.

@edkashi

Anche @edkashi è un fotoreporter, regista ed educatore che si serve del potere dei social per affrontare temi politici e ambientali. Lavora per il National Geographic e il suo profilo Instagram è uno dei più seguiti tra quelli ecosostenibili con 303.000 follower.

Leggi anche: Le frasi per Instagram

@ecowarriorprincess

Attivista, ambientalista, femminista e proprietaria di un’azienda agricola biologica certificata, Jennifer Nini si concentra su eco-bellezza, tecnologia verde, moda sostenibile, benessere e politiche sociali. Una vera paladina del senso civico con un profilo molto completo che tocca diversi temi.

@carotilla_

Camilla Mendini si definisce “un’ambasciatrice dell’eco-sostenibilità”, ma il suo focus è la moda. Il suo progetto più recente è Amorilla, una linea interamente realizzata in cotone organico e fibre naturali. Oltre ai materiali, informa su sfruttamento, delocalizzazione e greenwashing, cioè l’utilizzo del tema “verde” a soli scopi di marketing.

@deliciouslyella

La sostenibilità passa anche dalle scelte alimentari: essere vegetariani non significa solo amare gli animali, ma cercare alternative all'allevamento intensivo, ritenuto tra le prime cause al mondo di inquinamento ambientale. Il profilo di Ella Woodward, con i suoi 1,6 milioni di follower, è tra i più seguiti al mondo in ambito vegan e healthy.

@andreamariesanders

Insegna mindfulness, posta solo di martedì e tiene conferenze su TED su come condurre una vita senza sprechi. I post sono ancora pochi, eppure è già arrivata a 83.000 follower. Perché dalle sue didascalie c’è molto da imparare.

I green influencer in Italia

Anche gli italiani non se la cavano affatto male. A parte Camilla Mendini, di cui abbiamo già parlato prima, i profili più impegnati in fatto di sostenibilità sono Storie_Sfuse, Tessa Gelisio, Lisa Casali, Luca Talotta e un insospettabile, Alessandro Gassmann, che dai tempi dell’emergenza rifiuti a Roma non si è più fermato. Interessante anche il profilo di Leonardo Caffo, docente di filosofia a Torino, saggista per Einaudi e co-fondatore a Milano di un caffè 100% vegan.

Riproduzione riservata