Spettacolare primavera! Ecco i giardini fioriti e le fioriture più belle d’Italia

Credits: Shutterstock
Credits: Shutterstock
Credits: Shutterstock
Credits: Shutterstock
Foto

Giardini fioriti, orti botanici e fioriture primaverili piuttosto che estive per deliziare gli occhi in itinerari di viaggio reali oppure tour virtuali.

Tanto più si è costretti per lungo tempo a restare chiusi in casa (può essere per il maltempo in inverno come una quarantena sanitaria forzata) tanto più si sente il bisogno a di ritrovare il contatto con la natura e la necessità di vivere all’aria aperta, in mezzo a prati e boschi, recuperando le energie vitali dalla Terra stessa. Non sempre questo è possibile, accontentiamoci allora di viaggiare almeno con il pensiero.

Ecco allora che la primavera, la stagione della rinascita e del risveglio della natura, diventa una occasione anche solo virtuale per sentirsi rinnovati ammirando tulipani, camelie, ciliegi, azalee, rododendri, violette, narcisi e molte altre specie di fiori. Uno spettacolo di colori e sfumature che incanta per la sua effimera bellezza.

Parchi e giardini fioriti oltre che orti botanici possono diventare così vere e proprie destinazioni di viaggio oggetto di visite organizzate reali (quando ovviamente si può!) come tour virtuali. Navigando su Instagram si possono ammirare da casa fioriture spettacolari!

Giardini fioriti d'Italia

Le camelie sono la specialità floristica di uno dei giardini fioriti più belli d'Italia. Il giardino di Villa Carlotta, incastonato sulle rive del lago di Como, a Tremezzo. Nel cuore della primavera la fioritura delle camelie crea un quadro cromatico incantevole spazzando via il freddo della pausa invernale. A loro si affiancano azalee, rododendri, piante di papiro, agrumi e numerose rose. Villa Carlotta è una delle dimore storiche più affascinanti e suggestive del Lario. Una location che incanta per profumi e colori oltre alla sua architettura e bellezze artistiche.

Nei giardini Hanbury, situati a Ventimiglia in provincia di Imperia, il passato si fonde con la modernità in un tripudio di profumi e colori. Questi giardini botanici sono una delle attrazioni naturali più spettacolari della regione Liguria. Nel momento della fioritura il fascino delle varietà botaniche assai rare lascerà incantati i visitatori. La mitezza del clima mediterraneo ha infatti permesso la coltivazione di piante esotiche portate nell’Ottocento dall’Inghilterra e da tutto il nord Europa. Questo spazio è presto diventato un monumentale giardino botanico con 5800 specie di piante ornamentali, officinali e da frutto. Nel giardino si trovano la Foresta Australiana, le aree delle piante succulente, il Giardino dei Profumi, i Giardinetti con antiche varietà di rose e di peonie, il Frutteto Esotico, gli Agrumeti con antiche varietà di agrumi. Le palme delle isole Mauritius, le felci arboree delle foreste australiane, le piante della flora subtropicale di Nairobi, oltre alle collezioni di piante esotiche dalle scintillanti fioriture invernali.

Ad Alassio, in provincia di Savona, si può ammirare la splendida fioritura di 32 diverse specie di glicini e oltre 350 esemplari di agapanti. I glicini di Villa della Pergola erano particolarmente amati dalla famiglia Hanbury, proprietaria della tenuta per quasi tutto il Novecento, tanto che Ruth Hanbury era solita organizzare la “Festa del glicine” alla quale partecipavano scrittori, giornalisti e tutta l’aristocrazia britannica che viveva in Liguria.

Orti botanici per gli amanti dei fiori

Nei 12 ettari presenti nel Centro Botanico Moutan a Vitorchiano, Viterbo, si possono trovare 250000 esemplari di peonie che creano un ventaglio di colori incredibile durante il periodo della fioritura tra maggio e giugno. Contestualmente, all’interno del giardino, ci sono molti angoli suggestivi dedicati alla fioritura di viburni, prunus, glicini, rose rampicanti.

In provincia di Verona, presso il Parco Giardino Sigurtà, si ha infine la possibilità di ammirare un vero e proprio tappeto di tulipani (sono ben 300 le varietà) insieme a coloratissime altre specie botaniche come giacinti, muscari e narcisi. Questo parco è secondo nella classifica delle aree verdi più belle del Vecchio Continente, con eccezionali varietà di piante, 18 specchi lacustri fioriti per un totale di 60 ettari di superficie.

Fioriture spettacolari

Ma per immergersi nel caleidoscopico di colori e profumi che solo una fioritura è capace di offrire non è necessario per forza pagare un biglietto o contemplare una bellezza naturale "costretta" tra mura o cancellate, ci sono luoghi in Italia dove poter godere delle fioriture nel loro ambiente naturale. Ecco le mete consigliate a tutti gli appassionati.

1. Fioritura dei crochi a Campo Imperatore

Man mano che la neve si scioglie e lascia scoperto il terreno ancora brullo, sono migliaia di crochi a formare un nuovo manto sulla piana abruzzese di Campo Imperatore. Questi esili ma combattivi fiorellini, tipici di tante zone di montagna, offrono al visitatore uno straordinario spettacolo nei toni del viola e del bianco.

Campo Imperatore è un vasto altopiano all’interno dei confini del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, nel comune di L’Aquila, che va dai 2100 metri di quota dell’Osservatorio astronomico per scendere verso la valle e le terre della Baronia a 1800 metri sul mare.  

2. Fioritura della lavanda a Demonte

Demonte, situato nella Valle Stura è un piccolo comune di 2000 abitanti nella provincia di Cuneo. A giugno e luglio offre la possibilità di tuffarsi nel viola intenso e nel profumo inebriante dei campi di lavanda in fiore senza dover recarsi in Provenza.

Per ammirarli i punti di vista migliori si trovano lungo la Statale 21 tra Borgo San Dalmazzo e il Colle della Maddalena, oltre ai campi coltivati dalla distilleria per la produzione delle essenze.

Proprio la lavanda, fino alla prima metà del Novecento, costituiva una importantissima risorsa economica per l’economia del posto grazie alla produzione per l'appunto di olio essenziale.

3. Fioritura delle lenticchie a Castelluccio di Norcia

Famosissima fuori dai confini d'Italia, la fioritura delle lenticchie nella piana di Castelluccio di Norcia regala ai visitatori dell'Umbria un panorama unico al mondo in particolare nelle prime settimane del mese di luglio. In questi giorni l'altopiano alle pendici dei monti sibillini si trasforma in un vero e proprio arcobaleno profumato!

Per godere al meglio dello spettacolo vi consigliamo le zone di Pian Grande e Pian Perduto in prossimità di Norcia. A sbocciare in una sinfonia di colori in continua progressione non sono solo le piantine di lenticchie ma anche i papaveri, le genzianelle, i narcisi, la senape selvatica, le violette, i  fiordalisi, gli asfodeli, i trifogli e tante altre erbe spontanee.

4. Fioritura delle ginestre sull'isola d'Elba

L’isola d’Elba è conosciuta oltre che per il mare limpido e le belle spiagge, anche per la storia e l'arte, le tradizioni culinarie e... la natura rigogliosa e incontaminata.

La parte occidentale dell’Isola viene definita “la costa in giallo” proprio perché nel mese di maggio tutte le ginestre sbocciano e il colore giallo diventa predominante. Ecco allora che una passeggiata diventerà una esperienza rigenerante circondati dal verde e dalla rigogliosa e profumata fioritura primaverile.

5. Fioritura dei mandorli ad Agrigento

Un luogo imperdibile dove ammirare una incantevole fioritura di primavera è la Valle dei Templi, patrimonio dell’Unesco, vicino ad Agrigento. Questa area archeologica sorge in una zona circondata da numerose piante tra cui numerosi mandorli che, una volta fioriti, offrono uno spettacolo incredibile.

mandorli in fiore si stagliano accanto alle rovine degli antichi templi che vengono avvolti da una nuvola di petali rosa dal delicato profumo. Esiste anche una sagra dedicata a questo evento nelle prime settimane di manzo.

6. Fioritura dei rododendri a Biella

Nella Riserva Naturale Parco della Burcina sono i rododendri ad offrire da fine maggio una stupenda fioritura che tinge le pendici dei monti di molteplici sfumature: macchie di colore bianco, rosa, rosso e lilla si susseguono in continuità.

Anche l’Oasi Zegna, la montagna che Ermenegildo Zegna negli anni Trenta ha trasformato in un giardino apre le porte agli appassionati. Con una rilassante passeggiata nella panoramica Zegna si può godere della fioritura della vallata e qui si possono ammirare conifere, azalee, dalie, ortensie e rododendri.  

7. Fioritura del loto a Mantova

Mantova è una delle città più belle d’Italia, patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, ed è nota per i suoi monumenti e le vie storiche. È anche considerata la città dei fiori di loto che proliferano in particolar modo sulle acque del lago Superiore: durante i mesi di giugno, luglio e agosto la fioritura su questo grande specchio d'acqua non ha nulla da invidiare a quelle del lontano Oriente.

Questo fiore esotico dalle tinte vivaci e il profumo inebriante, attraverso i secoli e le civiltà ha assunto un’aura di sacralità e mistero, tanto da diventare simbolo di purezza e divinità. I barcaroli del Mincio propongono affascinanti itinerari fluviali alla scoperta della sua bellezza, un modo semplice per godere anche di una prospettiva inusuale sulla panoramica città di Virgilio.

8. Fioritura dei ciliegi a Vignola

Se siete fan dell'Hamami, ovvero l'arte di contemplare i ciliegi in fiore, e il vostro sogno è ammirare la fioritura dei ciliegi in Giappone sappiate che potete godere di questo romanticissimo spettacolo anche in Italia.

Le mete sono, in realtà, molteplici. L'appuntamento più famoso si tiene però a Vignola dove, tra fine marzo e inizio aprile, solitamente si organizza una sagra dedicata. A ricoprirsi di delicati petali sono, in questo caso, i ciliegi della Valle del Panaro

Riproduzione riservata