Impara a usare i social network con tuo figlio

Credits: Shutterstock
1 6

Il 60% dei ragazzi tra i 9 e i 16 anni ha almeno un profilo sui social network, rivela uno studio della London school of economics. Insomma i nostri figli mettono sempre più in gioco la loro identità online. E hanno sempre più bisogno di sicurezza.

Installare un sistema di parental control su tablet e smartphone può essere un primo passo ma solo il 2 per cento dei genitori sa come fare. E poi non si tratta solo di limitare l’accesso ai social: dobbiamo educare a un uso consapevole della Rete.

Abbiamo chiesto aiuto a due addetti ai lavori: uno psicologo che si occupa degli adolescenti e un esperto di nuovi media. Sfoglia la gallery per scoprire i trucchi da insegnare a tuo figlio

/5

Come difenderlo dalle insidie di Facebook e Whatsapp? Ce lo spiegano uno psicologo e un esperto di nuovi media

PRIMA OTTIENI LA SUA FIDUCIA

Come affrontare l’argomento con tuo figlio? Ecco i suggerimenti di Matteo Lancini, psicoterapeuta e autore di Adolescenti navigati (Erickson).

1 Non tagliarlo fuori Le relazioni virtuali che i ragazzi di oggi intrecciano sui social sono importanti quanto quelle che vive di persona, non sottovalutarle. Chiedergli di privarsene sarebbe come vietargli di uscire di casa.

2 Non imporre divieti Le regole vanno spiegate per essere rispettate. I nostri figli sono stati abituati fin da piccoli a comprendere perché si fa o non si fa una determinata cosa. Questa consuetudine va conservata anche quando diventano adolescenti e chiedono di andare sui social: sapere quali sono i rischi e le possibili conseguenze funziona meglio del diktat: «Su Facebook non ci vai perché lo dico io» .

3 Dimostrati interessata Il tuo atteggiamento turbato non serve a trattenere tuo figlio dall’andare in Internet: lo farà lo stesso, ma di nascosto, in modo da non farti preoccupare e da non essere sgridato. Se, oltre a domandargli: «Com’è andata la scuola?» gli chiederai: «Quali amici hai incontrato oggi su Facebook e WhatsApp?» si sentirà compreso e lo metterai nelle condizioni di condividere con te anche qualcosa che lo ha turbato, come un messaggio antipatico o una foto audace. Insieme potete correre ai ripari con le dritte che trovi in questa gallery

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te