Bambini vivaci o iperattivi?

Credits: Corbis
1 8

Finalmente si dedica spazio, e non solo in campo medico, all’Adhd (la sindrome provocata da un deficit dell’attenzione e da un eccesso di attività nei bambini). In autunno esce in Italia il film Mommy, presentato al Festival di Cannes. E all’argomento è dedicata Disordini, una fiction trasmessa su Rai educational (si scarica dal sito specchioriflesso.net).

«Tutte queste iniziative sono utilissime per parlare di un problema che colpisce tra il 3 e il 5 per cento dei piccoli, soprattutto maschi» spiega Stefano Vicari, primario di Neuropsichiatria all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma e autore del libro di storie che ha ispirato la fiction (Il bambino iperattivo. Sconfiggere l’Adhd senza farmaci, ed. Conchiglie).

/5

Un neuropsichiatra ha appena scritto un libro sull’Adhd, la sindrome da deficit dell’attenzione. E qui ti spiega come riconoscerla e affrontarla

Il documentario Adhd-Rush hour (che trovi in dvd) mette a confronto le esperienze di medici, genitori e figli alle prese con questo disturbo. E denuncia la scelta, frequente soprattutto negli Usa, di compensare con i farmaci i ritardi di questi bambini nell’apprendimento. Soluzioni chimiche “miracolose” che, avverte la pellicola, finiscono per condizionare in modo incisivo lo sviluppo dei ragazzi.

Per i bambini che soffrono della sindrome da deficit dell'attenzione, fare i compiti può essere un'impresa. Ma anche per chi non soffre di Adhd, riuscire a concentrarsi mentre si è in vacanza può non essere così semplice. Ecco qualche consiglio per aiutarli

C'è anche un corso su misura per loro

Un’idea utile per aiutare i piccoli con disturbi dell’attenzione? Iscriverli a un laboratorio di scrittura creativa.

«Che sia divertente e studiato ad hoc» spiega George Maag, scrittore e autore di un metodo illustrato nel manuale Se all’improvviso la luna e le stelle (Harmattan). «Perché inventare e, poi, scrivere una storia insegna al bambino a mettersi in ascolto di se stesso, a raccogliere le idee e a collaborare con i compagni, visto che il racconto viene costruito in modo collettivo». Finalmente, potrà lasciare andare a briglia sciolta la sua fervida fantasia. Per trovare il corso più vicino a casa: www.piccoliscrittori.it.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te