10 rimedi naturali per il raffreddore del bambino

Credits: Corbis
1 10

Miele, limone, farina di semi di lino e di avena, ananas, bicarbonato, liquirizia e olio d'oliva... Non è la lista della spesa ma sono tanti ingredienti utili per minimizzare i sintomi del raffreddore e accorciare i tempi della malattia. Sono tutti rimedi dolci a misura di bambino! Scopri come utilizzarli per renderli efficaci nella cura di raffreddore e lievi malattie da raffreddamento che colpiscono spesso i bambini nella stagione fredda.

Miele e limone
Un cucchiaino di succo di limone addolcito con il miele è un ottimo rimedio per calmare la tosse, soprattutto quando rende difficoltoso il sonno del tuo bambino. Il limone possiede una naturale azione antisettica e battericida, che lo rende molto efficace contro tonsilliti e faringiti. Il miele ha invece proprietà espettoranti, fluidificanti del muco, antibiotiche, antivirali e cicatrizzanti. I due ingredienti uniti insieme sono efficaci per alleviare i fastidiosi sintomi del raffreddore.

(Sfoglia la gallery per scoprire tutti i rimedi dolci per il tuo bambino...)

/5

Occhi rossi e nasino che cola? Le cure dolci per alleviare i fastidiosi sintomi delle malattie da raffreddamento

I pediatri lo ripetono in continuazione: i lavaggi nasali sono l'arma più efficace per prevenire e combattere le malattie da raffreddamento nei bambini sotto i 5-6 anni di età. E sono fondamentali per i neonati e i bimbi piccoli che non riescono ancora a soffiarsi il naso in modo corretto. Il risultato è un naso che diventa un ricettacolo di virus e batteri! L'unico modo che abbiamo per "pulirlo" è quindi quello di lavare le fosse nasali con normale acqua fisiologica. Oltre all'incapacità dei piccoli ad espettorare il muco normalmente c'è anche una ragione fisica che li rende più vulnerabili alle infezioni: la loro tuba di Eustachio, il tubicino che collega naso e orecchio, è stretto e orizzontale (mentre sopra i 6 anni diventa obliquo), questo fa sì che le secrezioni risalgano con facilità nell'orecchio, ristagnando e provocando dolorose otiti. Anche i bronchi però possono soffrire di un naso "poco pulito": la stagnazione può facilmente scendere dalle alte vie respiratorie a quelle basse, causando bronchiti e polmoniti.

Se qualcuno in famiglia si ammala non trascurare l'igiene degli ambienti: un'arma in più per evitare il contagio. Ecco come fare.

L'omeopatia gioca un ruolo efficace nella prevenzione. Scopri tutti i rimedi della medicina dolce per evitare raffreddori e influenze.

Come fare un lavaggio nasale efficace senza infastidire troppo il bambino?
Usare acqua fisiologica nella quantità adatta all'età: 5 ml se il bimbo ha meno di 12 mesi, fino a 20 ml se supera i 3 anni. Sdraia il bambino in posizione supina e fagli ruotare la testa da un lato. Svuota la pipetta di fisiologica (o la siringa senza ago) nella narice, direzionata verso l'orecchio. Se la posizione è corretta l'acqua non dovrebbe andare in gola ma fuoriuscire dall'altra narice. Si può aspirare il muco (con l'apposito aspiratore per neonati) o far soffiare il naso ai più grandicelli dopo l'operazione.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te