Raffreddore, naso chiuso, tosse, mal d’orecchie: sai come fare?

  • 1 7
    Credits: Fotolia
  • 2 7
    Credits: Photoshot

    Il Dottor Federico Marolla, pediatra, ci ha fornito qualche consiglio su come comportarci in caso di raffreddore, mal di gola, tosse e mal d’orecchie dei nostri bambini. Abbiamo scoperto, che, spesso è sufficiente fare lavaggi nasali con soluzione fisiologica…

  • 3 7
    Credits: Photoshot

    Abbiamo chiesto al Dottor Marolla qualche suggerimento per aiutare i nostri bambini quando hanno il naso chiuso. Ci ha spiegato che “è bene fare solo lavaggi nasali con soluzione fisiologica (i decongestionanti nasali sono vietati nei bambini fino a 12 anni). Sarà il vostro pediatra a decidere se prescrivere dei farmaci. A volte è utile umidificare l'aria nelle ore notturne”.

  • 4 7
    Credits: Photoshot

    In caso di tosse, poi,bisogna avere ben chiaro che la tosse non è la malattia e non bisogna combatterla; infatti è un riflesso utilissimo e indispensabile per tenere libere le vie respiratorie. Certamente è antipatica, soprattutto quando disturba il sonno del bambino, ma è importantissimo non sedarla. Bisogna anche ricordare che tutti i farmaci mucolitici e fluidificanti sono stati vietati nei bambini fino a 2 anni di età e questo significa che anche nel bambino più grande non trovano spazi di efficacia”.

  • 5 7
    Credits: Photoshot

    Un altro consiglio importante che ci dà il pediatra: “è molto utile offrire spesso da bere e tenere pulito il naso, cambiare l'aria della stanza per evitare che sia insalubre, non tenere la temperatura elevata (si dorme con aria fresca, a 18-20°C). Quando la tosse è secca, stizzosa, disturba molto il sonno, si associa ad affanno o a febbre molto elevata, deve essere consultato il pediatra”.

  • 6 7
    Credits: Istockphoto

    Nel caso di otite poi, spesso “i bambini piangono per il dolore all'orecchio, soprattutto quando hanno molto raffreddore e muco denso nasale. Il 95% dei bambini soffre di almeno un'otite (infiammazione dell'orecchio interno) entro i 5 anni di vita e molti ne soffrono svariate volte”.

  • 7 7
    Credits: Fotolia

    “In caso di otite, se il bambino è piccolo bisogna sentire il pediatra” - raccomanda il nostro esperto – “se è più grandicello, oltre 2 anni, si può sedare il dolore con l'antidolorifico e tenere sotto stretta osservazione l'andamento del dolore e dello stato generale; infatti è stato dimostrato che 7 volte su 10 le otiti, anche febbrili, passano da sole, senza bisogno di antibiotici”.

/5

Raffreddore, naso chiuso, tosse, mal d’orecchi, mal di gola: il nostro esperto ci consiglia come affrontarli, senza perdere il sorriso.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te