Stare attente alla propria alimentazione in gravidanza è fondamentale per evitare rischi e patolog

Stare attente alla propria alimentazione in gravidanza è fondamentale per evitare rischi e patologie sia per la madre che per il bambino. Un'alimentazione corretta in gravidanza non è così tanto diversa da una sana alimentazione che una donna dovrebbe comunque seguire, ma con qualche accorgimento in più.
L'attenzione ai cibi spesso è sottovalutata e molte donne non affrontano questo argomento insieme alla propria ostetrica e ginecologa. Invece è fondamentale seguire una dieta sana ed equilibrata. In questo modo si può anche evitare l'assunzione di integratori: i cibi giusti evitano stanchezza, stitichezza e gonfiore tipici della gravidanza.

Sfoglia la gallery per scoprire quali sono i cibi corretti da assumere in gravidanza, quelli dannosi e quelli che potrebbero darti fastidio.

Alimentazione in gravidanza

Seguire una dieta corretta è fondamentale per evitare rischi e patologie per mamma e bebè. Ecco quali sono i cibi consigliati e quelli da evitare

E per quanto riguarda l'apporto calorico giornaliero in gravidanza? Un vecchio detto delle nostre mamme e nonne raccomandava di "mangiare per due", in realtà dovresti assumere 2.200-2.400 calorie, cioè appena 350-400 in più rispetto a quelle che dovrebbe assumere una donna che svolge una vita moderatamente attiva.

Sarà poi il tuo medico a darti indicazioni su un adeguato aumento di peso, in base alla tua costituzione e al tuo stile di vita. Le calorie assunte in una giornata dovrebbero poi essere suddivise così: non oltre il 60% dell'energia dovrebbe provenire dai carboidrati, il 25% dai grassi e il 15% dalle proteine.

I cibi sì per una corretta alimentazione in gravidanza

I cibi da consumare in gravidanza

- Alimenti freschi: se apportati nel giusto modo evitano alla donna di prendere integratori (molto spesso non digeribili e costosi).
- Verdura e frutta di stagione, ben lavata con amuchina o bicarbonato. Dovrebbe essere il componente principale di ogni pasto.
- Carni magre ben cucinate per evitare la toxoplasmosi. Evitare la carne rossa e gli insaccati.
- Pesce e frutti di mare: Evita il pesce crudo e il pesce grande perché contiene metilmercurio. Via libera a sogliola, merluzzo, nasello e dentice cucinati al vapore, al forno o in umido. Non mangiare più di due porzioni di pesce a settimana.
- Uova: sempre cotte e non più di due a settimana. Preferire l'albume al tuorlo ricco di ormoni e testosterone.
- Latte e yogurt sempre pastorizzati e possibilmente non di origine animale.

I cibi da evitare in gravidanza

I cibi da non assumere in gravidanza

Gli alimenti da evitare assolutamente perchè il bambino e la mamma potrebbero risentirne sono due:
- Alcool: se assunto dalla madre passa nella placenta e in casi di assunzione ricorrente può portare dei danni al feto.
- Carne e pesce crudo a causa della presenza del virus del toxoplasma e della salmonellosi. Molte donne in gravidanza congelano i salumi per poterli consumare: questo è possibile ma vanno congelati per almeno 48 ore.

Sarebbe poi consigliabile:
- Evitare tutti i cibi non sani, come i fritti, le farine bianche, i cibi elaborati e molto lavorati contenenti conservati (cibi pronti, surgelati e in scatola).
- Limitare il sale, lo zucchero bianco e il caffè.
- Evitate i formaggi che fanno muffa come il gorgonzola o quelli con la crosta morbida.

 

I cibi che possono dare fastidio in gravidanza

Ci sono poi una serie di cibi che possono dare fastidio in gravidanza, perché si potrebbe soffrire di reflusso gastroesofageo e bruciore di stomaco. Evitia quindi bibite gasate, caffeina, cioccolata, agrumi, pomodoro, aceto, cibi piccanti, fritti e molto grassi. Cerca di mangiare almeno un paio d'ore prima di coricarti la sera.

Riproduzione riservata