In acqua con il pancione

  • 1 4
    Credits: Luca Donato

    Per le gambe

    Innanzitutto, procuratevi un tubo galleggiante e un paio di manubri (li trovate ormai in tutte le piscine ben attrezzate). E, per evitare di scivolare, indossate le specifiche scarpe da acquagym: sono nei negozi di sport.

    Partiamo con gli esercizi. Bisogna prendere confidenza con l’acqua. Niente di meglio che iniziare a camminare sul posto (sollevando le gambe verso il petto), in avanti, di lato, in cerchio. Continuate così per 5-10 minuti. E il tubo galleggiante vi farà da supporto quando, divaricate le gambe alla larghezza delle spalle, le piegherete, immaginando di sedervi su una sedia posta un po’ lontana da voi. Eseguite 2 serie da 12 ripetizioni. A trarne vantaggio saranno i muscoli di gambe e glutei.

  • 2 4
    Credits: Luca Donato

    Per le braccia

    Ora impugnate i manubri, con i palmi verso l’alto. Gambe divaricate alla larghezza delle spalle, braccia distese, ma non del tutto, lungo i fianchi, gomiti aderenti al busto. Espirando, flettete le braccia verso le spalle ed, espirando, ritorno. Fate 2 serie da 10 ripetizioni. Ripetete l’esercizio con l’acqua all’altezza del petto.

  • 3 4
    Credits: Luca Donato

    Per le spalle

    In ginocchio, gambe un po’ divaricate, braccia lungo i fianchi, impugnate i manubri. Espirando, alzate le braccia fino, e non oltre, l’altezza delle spalle (per non affaticare i muscoli del collo), inspirando tornate piano alla posizione di partenza. Fate 3 serie da 10 ripetizioni

  • 4 4
    Credits: Tips

    Illumina il viso con l’energia dei cristalli

    Dopo una giornata faticosa anche la pelle è stanca. Per rinforzare i tessuti e prevenire le rughe, niente di meglio di un trattamento con l’apposito set di cristalli (nei negozi specializzati). «Dopo la pulizia della cute, si appoggiano due pietre di calcedonio sugli occhi e il quarzo sulla fronte, poi si passano piano le punte grosse degli stili di ametista lungo le rughe della fronte e ai lati della bocca, disegnando dei raggi dal naso ai lati del viso» spiega Claudia Perillo, cristalloterapeuta.

/5

Al mare o in piscina, se il ginecologo ha dato l’ok, alla futura mamma un po’ di ginnastica tra le onde non può fare che bene

 

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te