Olio di mandorle dolci, un alleato contro le smagliature in gravidanza

Credits: Shutterstock
di

Alessandra Montelli

È l'ingrediente "star", ideale per mamme, future mamme e non solo, per prevenire le antiestetiche strisce che possono formarsi a causa di una pelle non molto elastica. Scopri le sue proprietà

Nei nove mesi di gravidanza, la pelle deve adattarsi continuamente alle nuove forme che il corpo prende via via che il nascituro cresce. La pelle si tende, si secca, si allenta. Fino a perdere elasticità. Possono così comparire le smagliature, vere e proprie striature che indicano una rottura delle fibre elastiche della cute. È stato osservato che il 90% delle donne in gravidanza possono essere soggette alle smagliature. Solo pochissime, quindi, sono esenti dal rischio di vedersi la pelle segnata da strisce (inizialmente sono rosse, ma poi diventano bianche).

Diventa pertanto fondamentale prevenire la comparsa delle smagliature, rinforzando l'elasticità della pelle. In questo modo, sarà in grado di modellarsi ai cambiamenti che subisce il corpo (in primis, pancia, seno e parte bassa della schiena) senza segnarsi.

Olio di mandorle, il numero uno contro le smagliature

I rimedi più indicati per prevenire le smagliature in gravidanza sono rappresentati dagli oli vegetali, poiché sono ricchi di acidi grassi polinsaturi, sostanze che modificano la componente lipidica della pelle, rinforzandola intensamente. E una pelle nutrita vuol dire una pelle meno a rischio di smagliarsi, perché più elastica.

Tra gli oli vegetali, si distingue l'olio di mandorle o olio di mandorle dolci (quello di mandorle tostate è destinato esclusivamente alla cucina). Nella sua versione pura, viene usato come preventivo delle smagliature, perché è particolarmente emolliente: contiene infatti sostanze dette gliceridi che nutrono intensamente la pelle, rendendo le fibre elastiche meno propense a perdere la loro elasticità, appunto. 

L'ideale da usare in gravidanza è quello puro al 100% ottenuto dalla spremitura a freddo delle mandorle: si trova in erboristeria e nei reparti erboristici di farmacie e grandi profumerie.

Quante volte va usato?

La consistenza piuttosto corposa dell'olio di mandorle lo rende adatto al massaggio. Per facilitare l'operazione e conseguentemente favorire l'assorbimento dell'olio vegetale, applicalo tutti i giorni sulla pelle inumidita, eseguendo lievi movimenti circolari. Per evitare irritazioni, è importante che l'olio di mandorle sia massaggiato a temperatura ambiente.

E quando iniziare a massaggiarlo?

Già dal quarto mese di gravidanza, cioè quando la pancia inizia ad aumentare. Poi è bene sospendere verso le ultime settimane.

Eventuali controindicazioni?

L'olio di mandorle è molto ben tollerato e sicuro in gravidanza proprio perché è un olio naturale eudermico, cioè con componenti affini alla pelle. È essenziale però che sia puro al 100% e ottenuto dalla spremitura a freddo delle mandorle. Quindi, a meno di non essere allergiche alle mandorle, lo si può massaggiare sulla propria pancia che cresce, in tutta tranquillità!

Alternative anti smagliature in gravidanza

Ti piace cambiare e provare prodotti diversi? Opta allora per miscele di oli naturali che, oltre all'olio di mandorle comprendano quello di karitè e di cocco. Sono tutti ricchi di vitamina E e di acidi grassi, potenti elasticizzanti per la pelle e dalle proprietà antiradicali liberi. Se preferisci le creme antismagliature, assicurati che sulla confezione sia indicato l'uso in gravidanza. Per legge i cosmetici non possono barare su tematiche così delicate.


Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te