Come funzionano gli stick ovulatori

Come funzionano gli stick ovulatori Credits: Olycom
02/05
Foto

Gli stick ovulatori, nelle istruzioni per l'uso, sono molto simili a un test di gravidanza: si scarta lo stick, si fa la pipì sulla zona indicata e si attende il responso.
E le linee che compaiono cosa indicano? L'intensità delle linee, l'apparire di una e lo scolorirsi dell'altra, indicano quanto tempo ti separa dall'ovulazione.
L'ovulazione, come tutto il ciclo mestruale, viene comandata dagli ormoni. Infatti subito dopo che l'ormone LH raggiunge il suo picco, l'ovocita viene rilasciato e quindi ha luogo l'ovulazione.
I principali stick ovulatori, rilevano la presenza nelle urine, dell'ormone LH e la sua concentrazione.

Di solito sugli stick sono presenti due linee: una rileva l'estradiolo, l'altra l'LH e hanno un funzionamento inverso. Più è alta la concentrazione di LH nel sangue, più sarà intensa la linea, più è alta la concentrazione di estradiolo e più la linea tenderà a diventare trasparente.
Questo significa che il picco ovulatorio è proprio dietro l'angolo e pertanto è il momento più fertile del ciclo.
Se però gli stick vengono usati per cercare una gravidanza bisogna tener conto del fatto che tutto questo non è una garanzia che l'ovulazione avvenga in modo regolare.
La presenza di estradiolo e LH è una condizione necessaria ma non sufficiente, e dunque può succedere anche  che si verifichi un ciclo anovulatorio. Pertanto l'unico e inconfutabile modo per essere sicure al 100% che ci sia ovulazione è fare monitoraggi ecografici, tutto il resto lascia sempre un margine di dubbio.

Riproduzione riservata