La dieta della fertilità

Secondo uno studio recente, mangiare cibi ricchi di zinco, vitamine e ferro favorisce il concepimento. Ecco dove trovi queste sostanze preziose

<p><b>UOVA</b></p><p>«Insieme a latte, germe di grano, lievito di birra, ostriche e legumi sono una fonte di <b>zinco</b>, minerale importante per favorire l’impianto dell’ovocita nell’utero e lo sviluppo del<b> feto</b>» spiega Alessandra Bosetti, dietista clinico dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano.</p><p><b>Come gustarle</b></p><p>Preparale con la cottura più rapida, per esempio alla coque: così assimili meglio lo zinco.</p><p><b>Quante volte </b></p><p>Fino a <b>tre</b> alla settimana.</p> Credits: Corbis

UOVA

«Insieme a latte, germe di grano, lievito di birra, ostriche e legumi sono una fonte di zinco, minerale importante per favorire l’impianto dell’ovocita nell’utero e lo sviluppo del feto» spiega Alessandra Bosetti, dietista clinico dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano.

Come gustarle

Preparale con la cottura più rapida, per esempio alla coque: così assimili meglio lo zinco.

Quante volte

Fino a tre alla settimana.

Ti sei mai chiesta se quello che mangi può influire sulla possibilità di restare incinta?

Infertilità e intolleranze alimentari, secondo alcuni ricercatori, potrebbe essere un binomio strettamente legato.

Lo stile di vita corretto per la donna in attesa di un bambino.

<p>Secondo uno studio della Harvard school of public health, tutti i cibi che contengono grassi <b>monoinsaturi</b> e <b>polinsaturi</b> come l’avocado, i semi di zucca e l’olio d’oliva aumentano le chance di restare incinta, persino nel caso si ricorra all’inseminazione artificiale. «Queste sostanze favoriscono il corretto funzionamento dell’<b>apparato riproduttivo</b>, perché mantengono il giusto equilibrio ormonale» spiega Alessandra Bosetti.</p><p><b>Come gustarlo </b></p><p>Fai il pieno di grassi buoni preparando un’insalata con olio d’oliva, avocado e semi di zucca.</p><p><b>Quante volte </b></p><p>Almeno <b>tre</b> alla settimana.</p> Credits: Olycom

Secondo uno studio della Harvard school of public health, tutti i cibi che contengono grassi monoinsaturi e polinsaturi come l’avocado, i semi di zucca e l’olio d’oliva aumentano le chance di restare incinta, persino nel caso si ricorra all’inseminazione artificiale. «Queste sostanze favoriscono il corretto funzionamento dell’apparato riproduttivo, perché mantengono il giusto equilibrio ormonale» spiega Alessandra Bosetti.

Come gustarlo

Fai il pieno di grassi buoni preparando un’insalata con olio d’oliva, avocado e semi di zucca.

Quante volte

Almeno tre alla settimana.

<p>«Scegli i carboidrati a basso <b>indice glicemico</b> (che limitano i picchi di glicemia) come la pasta, il riso e il pane integrali. Evita invece quelli raffinati, perché stimolano la produzione di insulina, cosa che si ripercuote negativamente sulla funzione delle <b>ovaie</b>» sostiene l’esperta.</p><p><b>Come gustarli </b></p><p>«Cuoci i cereali a vapore: così, oltre a ridurre i tempi, salvi le vitamine e la fibra solubile che altrimenti andrebbero perse nell’acqua di cottura».</p><p><b>Quante volte </b></p><p>Almeno <b>quattro porzioni</b> a settimana.</p> Credits: Olycom

«Scegli i carboidrati a basso indice glicemico (che limitano i picchi di glicemia) come la pasta, il riso e il pane integrali. Evita invece quelli raffinati, perché stimolano la produzione di insulina, cosa che si ripercuote negativamente sulla funzione delle ovaie» sostiene l’esperta.

Come gustarli

«Cuoci i cereali a vapore: così, oltre a ridurre i tempi, salvi le vitamine e la fibra solubile che altrimenti andrebbero perse nell’acqua di cottura».

Quante volte

Almeno quattro porzioni a settimana.

<p>Danno <b>energia</b> e, se consumati nelle dosi giuste, poche calorie. «Questi alimenti sono molto ricchi di <b>ferro</b>, una sostanza preziosa che favorisce la fertilità e limita il rischio di <b>aborti spontanei</b>» spiega Alessandra Bosetti.</p><p><b>Come gustarli </b></p><p>Nello yogurt o come snack spezzafame.</p><p><b>Quante volte </b></p><p>30 grammi <b>3-4</b> volte a settimana.</p> Credits: Olycom

Danno energia e, se consumati nelle dosi giuste, poche calorie. «Questi alimenti sono molto ricchi di ferro, una sostanza preziosa che favorisce la fertilità e limita il rischio di aborti spontanei» spiega Alessandra Bosetti.

Come gustarli

Nello yogurt o come snack spezzafame.

Quante volte

30 grammi 3-4 volte a settimana.

<p>In una dieta mirata per favorire il concepimento, non possono mancare la vitamina <b>B12</b> (presente nel pollo, ma anche in vongole, cozze e gamberi), la <b>B6</b> (che trovi in patate, piselli e lenticchie) e la <b>B9</b>, quest’ultima conosciuta più comunemente come <b>acido folico</b>. «Tutte e tre regolano il metabolismo del ferro e la sintesi del Dna, proteggendo il feto da eventuali <b>malformazioni</b>» spiega l’esperta.</p><p><b>Come gustarli </b></p><p>Cuoci il pollo alla piastra e le patate al forno con la buccia: così non perdi le vitamine con l’acqua di cottura.</p><p><b>Quante volte </b></p><p>Sono sostanze che elimini con urina e sudore: devi farne scorta <b>tutti i giorni.</b></p> Credits: Olycom

In una dieta mirata per favorire il concepimento, non possono mancare la vitamina B12 (presente nel pollo, ma anche in vongole, cozze e gamberi), la B6 (che trovi in patate, piselli e lenticchie) e la B9, quest’ultima conosciuta più comunemente come acido folico. «Tutte e tre regolano il metabolismo del ferro e la sintesi del Dna, proteggendo il feto da eventuali malformazioni» spiega l’esperta.

Come gustarli

Cuoci il pollo alla piastra e le patate al forno con la buccia: così non perdi le vitamine con l’acqua di cottura.

Quante volte

Sono sostanze che elimini con urina e sudore: devi farne scorta tutti i giorni.

Riproduzione riservata