Palette Autumn: istruzioni per l’uso. I colori amici dell’Autunno per un armadio a prova di Armocromia

Hai una pelle calda e molto ambrata? Secondo l’Armocromia potresti essere una bellissima Autunno! Scopri tutte le caratteristiche e la palette amica di questa stagione

È arrivato il momento dell’Autunno!
No, non siamo impazziti: sappiamo perfettamente che le foglie sono saldamente sugli alberi e che i fiori stanno sbocciando e non sfiorendo. Semplicemente non ci riferiamo al periodo dell’anno in cui arrivano i primi freddi, ma alla stagione dell’Armocromia più calda che ci sia. E no, non siamo impazziti nemmeno ora!

La teoria sulla quale si basa la moderna Color Analysis divide le persone in quattro macro-categorie, le quattro stagioni appunto, che definiscono la palette amica di ogni individuo, ovvero una nicchia cromatica particolarmente azzeccata per le caratteristiche individuali e da utilizzare nel guardaroba e nel beauty.
I nomi dei gruppi sono stati scelti sulla base dei colori che la natura offre nei suoi diversi cicli, va da sé che la palette Autunno comprende colori caldi e avvolgenti.

Tra le quattro stagioni è statisticamente meno presente di altre qui da noi, l’avresti mai detto? Probabilmente no, perché molti accostano su due piedi il castano (colore di capelli frequente nella categoria) al gruppo Autumn, ma di fatto abbiamo molte più probabilità di incontrare un Winter (in molti casi castano, ma con sottotono freddo) rispetto a un Autunno DOC.

Quali sono le caratteristiche di questo gruppo dunque? Gli Autumn sono persone con sottotono caldo, valore medio-basso e intensità medio-bassa.
Tradotto: chi appartiene a questa stagione ha un incarnato dal colorito invidiabile, sempre ambrato e dorato in ogni momento dell’anno a di là dell’abbronzatura. Ma lo abbiamo detto più volte, non di sola pelle vive l’Armocromia e le altre caratteristiche di un Autunno comprendono l’essere mediamente scuro e l’avere poca brillantezza e scarso contrasto nel proprio mix di colori.
Parola d’ordine: calore.

Ovviamente sappiamo già che la faccenda non finisce qui, anzi!
Come abbiamo visto in precedenza infatti non si può catalogare la totalità dei possibili mix cromatici in soli quattro gruppi: l’umanità è bella perché è varia! Ne consegue che ogni stagione ha la sua versione “assoluta” (ovvero bilanciata in tutte le caratteristiche) e tre sottogruppi, definiti da una variabile (valore, sottotono, intensità) dominante rispetto alle altre.

Quali sono le tre sottocategorie della stagione Autumn? Deep, Warm e Soft. Se ti sei riconosciuta nella descrizione delle caratteristiche principali dell’Autunno, scopri con noi come orientarti nella tua stagione di appartenenza e – soprattutto! – su quali colori puntare per il tuo guardaroba e da quali stare invece alla larga.

Autunno Assoluto

Occhi nocciola con pagliuzze dorate nell’iride o verde bosco intenso e caldo, incarnato sempre dorato o ambrato (abbronzatura sì o abbronzatura no) e capelli di un castano medio, anche lui ovviamente dorato (ma mai cenere): ecco l’identikit di una Autumn DOC, aka Autunno Assoluto.

Si è stagioni assolute (o pure) quando tutte le caratteristiche tipiche della categoria sono perfettamente bilanciate tra loro, ovvero nessuna caratteristica intrinseca della stagione prevale sull’altra e senza nessun tipo di eccezione.
In questo caso dunque le peculiarità del gruppo Autunno – sottotono caldo, valore medio-scuro e brillantezza medio-bassa – sono assolutamente equilibrate.

Nelle Autumn abbiamo quindi un mix cromatico senza “picchi” particolari, che si assesta su valori intermedi, con poco contrasto e decisamente caldo.

La palette di riferimento della Autunno Assoluto si muove trasversale su tutta la stagione, ovvero è l’intera nicchia di colori a disposizione dei guardaroba delle colleghe Autumn.
Include tonalità avvolgenti, come tutte le sfumature a base aranciata – dal terracotta al rosso corallo - i verdi più intensi – dal bosco all’oliva - ma anche tutte le sfumature tostate delle spezie, dai marroni ai gialli meno brillanti, come il senape.
La nuance-jolly sulla quale costruire il guardaroba di una Autunno DOC? Tutta la palette Autumn è perfetta: dal marrone tabacco, al verde foresta (ottimi sostituti del blu), fino ad arrivare al becco d’oca o al più formale color cammello. Si ha solo l’imbarazzo della scelta!

Tra le fantasie, sono perfetti i pied de poule o le stampe check su base tostata, i tartan a base calda e gli animalier leopardati che si muovono sulle nuances dei marroni.
Alla larga invece da color block troppo brillanti, da contrasti spiccati di black and white (le classiche righe ad esempio) e in generale da tutte le sfumature fredde e cupe, a partire proprio dal nero, dal bianco ottico (a cui preferire un bianco burro più morbido) e da quasi tutti i blu.

Protettrici delle Autunno Assolute sono due splendide celeb dall’incarnato caldo e ambrato, dai capelli castano medio dorato e dagli occhi nocciola come Olivia Palermo e Leighton Meester.

Getty Images
Olivia Palermo: Autunno Assoluto
Getty Images
Leighton Meester: Autunno assoluto

Autumn Deep

Incarnato caldo e dal valore scuro - perennemente colorito per via di una massiccia presenza di melanina che fa sì che non ci siano mai tracce di rossori di nessun genere - e sia occhi che capelli di un castano scuro, intenso e vellutato. Abbiamo appena fatto il ritratto di una Autunno scuro, al secolo Autumn Deep.
In questo caso abbiamo una cosiddetta dominante tra le caratteristiche tipiche della stagione: il valore basso (o scuro), of course!

Ovviamente avere una variabile che prevale sul resto non significa che le altre peculiarità del gruppo spariscano o cambino. Nel caso della Autunno Deep avremo comunque sottotono caldo e intensità medio-bassa, ma il fatto di avere colori particolarmente scuri colloca chi ha questo tipo di color mix direttamente nella sottocategoria “profonda” dell’Autunno, che può avere qualche nuance in comune con la palette dello stesso sottogruppo della stagione Winter (ovvero le tonalità più scure, come il rosso ciliegia e il color petrolio).

I colori su cui puntare per questo sottogruppo fanno ovviamente il paio con la dominante che lo caratterizza: dovranno essere le nuances più scure e profonde della palette Autunno.
Perfette tutte le tonalità di marrone più intense e calde, ma anche alcune sfumature di viola come il vinaccia o di verde profondo come il sottobosco.

La sfumatura-base perfetta per il guardaroba di una Autumn Deep è senza dubbio il rosso corallo, che può rivelarsi centratissimo e provvidenziale in più di un outfit.

Tra le Autunno che tengono alta la bandiera Deep troviamo more con occhi penetranti e pelle particolarmente intensa, come Zendaya e Emily Ratajkowski.

Getty Images
Zendaya: Autumn Deep
Getty Images
Emily Ratajkowski: Autumn Deep

Autumn Warm

Autumn Warm, ovvero l’Autunno più caldo che ci sia.
Il nome dice tutto: la dominante di questo particolare sottogruppo risiede proprio nel calore, accompagnata ovviamente dalle altre caratteristiche tipiche della stagione, ovvero brillantezza medio-bassa (ma più alta rispetto alle altre sottocategorie) e valore medio-scuro (ma mediamente più alto rispetto alle altre Autunno).

Fanno parte di questa sottocategoria per lo più persone dalla chioma fulva, di un bel rosso scuro naturale, oppure di un castano particolarmente caldo con riflessi ramati naturali. Gli occhi variano dal castano al verde scuro e la carnagione può essere anche abbastanza chiara.
Il calore intenso viene dato in questo caso per lo più dai capelli, che a volte fanno coppia con lentiggini dorate sul viso.

Come per il sottogruppo Warm della Primavera, si tratta di una delle pochissime eccezioni alla regola numero uno dell’Armocromia: “la pelle comanda sempre e comunque”. In questo caso invece non è l’incarnato a tirare le fila della situazione (non del tutto almeno!) ma l’elemento capelli, che porta con sé troppo calore per essere ignorato.
Possiamo dunque concludere che le rosse naturali sono sempre o Primavera o Autunno, Warm of course!

Come riconoscerle quindi? A differenza della Spring Warm, l’Autunno Caldo ha un valore complessivo più scuro - nonostante spesso l’incarnato possa essere mediamente più chiaro rispetto a quello delle altre colleghe Autunno – dato da occhi dal valore più basso, da capelli più ramati e da una pelle un po’ più dorata.
La vera partita però si gioca sul piano della brillantezza: le Primavera sono nettamente più radiose e dall’intensità più spiccata, mentre le Autumn Warm hanno colori più morbidi e avvolgenti.

Alle Warm viene naturale indossare con più frequenza tonalità neutre come il cammello o i beige più caldi e luminosi, e questo vale sia per le Spring che per le Autumn.

Per il resto le Autunno preferiranno tonalità meno sature e più profonde come il verde muschio o i marroni intensi, come il tabacco. Stupendi per questo sottogruppo sono anche i colori a base aranciata come il pesca, i rossi caldi o il color bronzo.
La tonalità-jolly ideale per le Autumn Warm? Un bel terracotta, provare per credere!

A portare alta la bandiera delle Autumn Warm ci sono una rossa ramata intensa con occhi verde scuro come Julianne Moore e un’icona castana ramata con occhi nocciola come Julia Roberts.

Getty Images
Julia Roberts: Autumn Warm
Getty Images
Julianne Moore: Autumn Warm

Autumn Soft

Carnagioni calde e intense, dal valore a volte anche medio-chiaro, ma sempre con un non so che di ambrato a contraddistinguerle. Capelli castano chiaro con riflessi caldi oppure biondo miele dorato e occhi che possono variare dal nocciola, al verde oliva, fino ad arrivare alle rarissime tonalità color ambra. Sono le Autumn Soft, lo spicchio più delicato della palette Autunno (molto raro qui da noi).
La loro dominante risiede proprio nella bassa intensità e nell’essere particolarmente omogenee nel mix pelle-occhi-capelli, che presenta un bassissimo contrasto.

Come riconoscerle? A loro donano le tonalità killer, ovvero quelle off-limits praticamente per tutto il resto del mondo!
Quali? Indossano con disinvoltura nuances particolari, dai beige a tutti i colori più polverosi della terra - come il marrone bruciato - fino ad arrivare ai verdi riconosciuti universalmente come “particolarmente difficili” - come l’oliva.

Sono le tonalità che muoiono su chiunque altro, ma rinascono su una Autunno Soft che - proprio grazie a questo suo super potere di indossare ciò che per gli altri non è portabile – diventano particolari e uniche nel loro genere.
Parlando di fantasie, per queste Autunno è particolarmente consigliato l’animalier leopardato, in quanto si muove su tonalità per loro particolarmente congeniali.

La tonalità-jolly ideale per le Autunno Soft? Un giallo a bassa intensità, come il senape, o vagamente speziato, come il curry. Ma occhio (è davvero il caso di dirlo!): se si ha l’iride verde scuro, il verde oliva può essere la scelta più furba!

Le celeb a cui ispirarsi se si è Autumn Soft sono bionde scure con carnagioni dorate come Nicole Richie e Drew Barrymore.

Getty Images
Nicole Richie: Autumn Soft
Getty Images
Drew Barrymore: Autumn Soft
Riproduzione riservata