Lavastoviglie, mon amour! Ma come scegliere quella giusta?

Lavare i piatti a mano, specie quando si è in tanti, può richiedere tempo e fatica: la soluzione è affidare l’oneroso (e un po’ noioso) compito a una buona lavastoviglie. Ecco allora qualche dritta utile per scegliere il modello che fa per te

Lavastoviglie: come sceglierla e quale comprare

Tra gli elettrodomestici a cui oggi quasi tutte faremmo una gran fatica a rinunciare c’è sicuramente la lavastoviglie. È lei infatti l’alleata numero uno in cucina, quando piatti e pentole, a fine pasto, si accumulano inesorabilmente nel lavello. E se lavare tutto a mano richiederebbe molto tempo oltre che un po’ di fatica, a levarci dall’impaccio ci pensa proprio la lavastoviglie.

La sua storia risale infatti al lontano 1887 quando l’americana Josephine Cochrane inventò il primo sistema di lavaggio automatico destinato alle stoviglie, per evitare - così si racconta - che la servitù potesse scheggiare e rovinare i suoi servizi di porcellana.

Il tempo da allora è passato e la lavastoviglie si è evoluta, fino a diventare un elettrodomestico salva-tempo insostituibile. Non a caso oggi in commercio ne esistono modelli diversi, con caratteristiche tecniche e funzionali pensate per soddisfare le specifiche esigenze dei consumatori, anche a livello di prezzo. Se ancora non ne possiedi una o se sei in procinto di cambiarla, ecco allora una guida per orientarti al meglio nella scelta.

Lavastoviglie: cosa sapere prima di comprarla

In linea di massima le lavastoviglie che trovi in commercio si dividono tra modelli a incasso, in genere vendute insieme alla cucina, e quelle a libera installazione: se devi sostituire una lavastoviglie a incasso dovrai quindi puntare su un modello analogo. Le altre caratteristiche da osservare sono queste:

  • La capacità. In genere si va dai 9/10 coperti fino ai 16. Se in casa siete in tanti, meglio puntare su una lavastoviglie capiente, purché la misura sia compatibile con lo spazio a disposizione. Se sei single o in coppia, l’ideale può essere invece puntare sui modelli mini, pensati anche per essere un’ottima soluzione salva-spazio.
  • Il cestello. La maggior parte delle lavastoviglie dispone di due cestelli, tuttavia in commercio esistono anche modelli a 3, molto pratici per sistemare e lavare un maggior numero di piatti e posate. Un altro spetto determinante, può essere la possibilità di regolare il cestello all’altezza desiderata, una caratteristica di cui non tutti i modelli dispongono.
  • Programmi. Le  lavastoviglie tradizionali offrono in genere due opzioni di lavaggio, quella standard o quotidiana, in genere più veloce, e quella eco, pensate per ridurre i consumi ma decisamente più lunga a livello di tempi. A questi programmi base i modelli più sofisticati ne aggiungono altri come il programma per i cristalli o il prelavaggio.
  • Consumi. Anche la classe energetica ha la sua importanza: si va da un A+ a un A+++ che corrisponde alle lavastoviglie che consumano meno.
  • Altri aspetti. Infine tra le caratteristiche che può essere utile valutare in fase d’acquisto, ci sono la rumorosità, la funzione di asciugatura rapida e naturalmente la durata del ciclo standard che può variare sensibilmente.

Lavastoviglie da incasso Candy

Ha un ottimo rapporto qualità-prezzo la lavastoviglie CDI 1L38-02 di Candy: la capacità è di 13 coperti e tra i vari programmi di lavaggio, offre anche quello a risparmio energetico da 170 minuti. Il ciclo rapido dura circa mezz'ora e la classe energetica è quella A+.

Lavastoviglie Whirlpool a libera installazione

Tra quelle a libera installazione la WFC 3C26 PX di Whirlpool è una delle più quotate: dotata di 8 programmi, ha una capacità di 14 coperti, un pratico cestello regolabile ed è super silenziosa. Il tutto con classe energetica A++


La mini lavastoviglie di Candy


Poco spazio a disposizione? Ecco la soluzione pratica: la mini lavastoviglie CDCP 6/E-S di Candy. Compatta sì, ma anche dotata di tutte le funzioni che ti facilitano la vita: la capacità è di 6 coperti con altrettanti programmi di lavaggio e diversi livelli di temperatura. Facile da caricare, è pensata anche per ridurre i consumi di acqua ed energia.  

Lavastoviglie Bosch a 3 cestelli


Non riesci mai a fare stare tutte le stoviglie in un solo carico? Il modello che fa per te allora potrebbe essere quello di Bosch, dotato di un terzo cestello MaxiSpace Pro ma anche di tasti rossi di abbassamento, per regolare i cestelli secondo le necessità. Non solo, oltre ad essere molto silenziosa, dispone anche di programmi diversi tra i quali quello specifico per i bicchieri di cristallo.

Lavastoviglie a scomparsa Indesit


Cerchi invece una lavastoviglie che possa aiutartia tenere sotto controllo i consumi, punta su Indesit.  Pensata per garantire i migliori risultati di lavaggio permette di risparmiare acqua ed energia, rispettando così l'ambiente.  Il design è slim e la capacità è di 10 coperti.

Migliori lavastoviglie 2020

Come abbiamo visto il tipo di lavastoviglie da scegliere può cambiare molto in base alle nostre esigenze, e per ogni categoria ti abbiamo indicato un modello. Di seguito invece diamo un'occhiata alle lavatrici più vendute in questo momento su Amazon.


Contenuto sponsorizzato: Donnamoderna.com presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Donnamoderna.com potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

Riproduzione riservata