cover moda geometrica

Spigoli futuristici e buffe esagerazioni. Pennellate con colori a china. Gioco di trapezi e triangoli per “abiti d’arte”. La primavera estate 2012 sceglie il righello e il compasso!

Max Mara

Dalla sfilata primavera/estate 2012 di Max Mara.

 

Spigoli futuristici e buffe esagerazioni. Come il cappello-maschera di  Paco Rabanne per mimetizzarsi tra la folla con teatralità, abbinato a  un abito glitter dalle spalline disegnate con la precisione di un  righello. Compasso e colori a china sono gli “strumenti” usati da Krizia per la sua maglia-minidress dallo stile liberamente orientale. Se le  geometrie tribali seducono Balmain, brilla per essenzialità il  completino di Max Mara formato da tre fasce orizzontali top-maglia-  shorts. Un gioco di trapezi e triangoli fa del vestito di Chanel un  “abito d’arte”, grazie alla perfetta plissettatura, e rende il modello  di Hermès un capo particolare da portare con disinvoltura e un bel paio  di calzini bianchi.

Chanel

Dalla sfilata primavera/estate 2012 di Chanel.

Krizia

Dalla sfilata primavera/estate 2012 di Krizia.

Hermès

Dalla sfilata primavera/estate 2012 di Hermès.

Balmain

Dalla sfilata primavera/estate 2012 di Balmain.

Paco Rabbane

Dalla sfilata primavera/estate 2012 di Paco Rabanne.

Riproduzione riservata