Denim mania: tutti i modelli di jeans

Credits: Getty Images

Slim fit e regular fit, skinny e slim straight e ancora boot cut e bell bottom. E non solo. I pantaloni in denim non sono tutti uguali. Sai davvero riconoscerli tutti?

Certi amori non finiscono mai. Come quelli per i jeans, of course! Gli intramontabili pantaloni in denim possono essere bootcut, regual e straight. E se poi sono a vita alta, tanto meglio.

Non tutti i jeans sono uguali certo e, cosa ben più importante, non hanno gli stessi nomi. Ad esempio i pantaloni in denim skinny non sono esattamente la stessa cosa degli slim straight, e ancora gli slim fit sono l’opposto dei regular fit. Per non parlare poi dei modelli boot cut e bel bottom, i boyfriend e i girlfriend, i cropped e i jeans culotte. Tanti nomi per un’infinità di modelli.

E allora come puoi riconoscerli e adattarli con disinvoltura alla tua silhouette? No problem! A questo ci pensiamo noi. Tu sei pronta a lasciarti ispirare dal capo di abbigliamento più democratico di tutti?

High waisted - Low waisted

Lunga vita ai jeans high waisted. Sì, ma esattamente che cosa sono? Sono i classici pantaloni in denim a vita alta. La risposta a chi desidera un capo di abbigliamento comodo e che calzi a perfezione: stanno bene a tutte. Il motivo? Sono strategici se sei formosa perché hanno l’incredibile capacità di slanciare la tua silhouette. Senza contare che si adattano a qualsiasi look, dal comfy-chic con le sneakers all'elegante con un paio di décolleté o di sling-back. Li portava finanche Marilyn Monroe. Dall’altro lato, però, ci sono i low waisted: i pantaloni in denim con la vita bassa. Sono particolarmente indicati alle più giovani, magari sdruciti oppure dall'effetto acid-wash.

Slim fit - Regular fit

Ci sono jeans e jeans, dunque, come gli slim fit e i regular fit. Anche in questo caso la differenza è sostanziale e bisogna capirla bene per adattarla al proprio fisico. Gli slim, sono aderenti, certo, ma non quanto gli skinny. Hanno un taglio più asciutto e una linea più dritta, perfetta per chi è più slanciata. Sono versatili e si adattano ai look, per inifiniti mix & match di stile (e di eleganza). I regular fit, invece, scendono dritti sulla gamba e hanno una vestibilità meno aderente. Sono un grande classico, si portano con un paio di stivali.

Skinny - Slim Straight

Sembra ieri quando Kate Moss ha calcato le passerelle, indossando un paio di jeans skinny. Stretti, a volte fin troppo e di certo non il massimo della comodità. Sono ormai passati di moda a favore dei modelli più larghi così da indossarli per tante ore al giorno. I jeans skinny sono come una seconda pelle e delineano alla perfezione la silhouette. Se sei alta e magra, e non vuoi comunque rinunciare a indossarli, puoi farli entrare nel tuo guardaroba. Gli slim straight, invece, non sono esattamente la stessa cosa. Sono i classici jeans a sigaretta. Dal taglio dritto, si adattano con più facilità.

Boot cut - Bell bottom

La formula stile vintage = comodità assoluta è la vincente. Per questo motivo è necessario che tu sappia scegliere il jeans che fa per te. Dopotutto ce ne sono tanti che è semplice adattare alle caratteristiche fisiche e al gusto personale. Gli anni 70 sono tornati in auge, più forti di prima. Un esempio? I jeans boot cut - of course! - che sono leggermente più larghi sotto e sposano alla perfezione gli stivali e gli stivaletti di tendenza. I bell bottom, invece, sono i super famosi jeans a zampa di elefante. Esagerati. Sceglili se sei alta e magra, al contrario il rischio è di vederti accorciare ancora di più la silhouette. Lunga vita ai Seventies.

Boyfriend - Girlfriend

Sono una vera e propria tendenza e insieme ai mom jeans formano un trio perfetto. Sì, ma qual è la loro differenza? I boyfriend jeans, come suggerisce il nome, sono i denim pants rubati dall’armadio del proprio lui. Il punto vita tende a scendere e hanno il cavallo basso, la gamba invece è dritta e larga. A chi stanno bene? Prediligi questo modello se ami la comodità. I girfriend jeans non sono poi così diversi dai boyfriend. Sono solo una versione più “slim”. Hanno il cavallo non troppo basso e sembrano più dei jeans a sigaretta.

Cropped - Capri

Parola d’ordine, comodità e per farlo bisogna tirare fuori dall’armadio un paio di jeans e abbinarlo alle sneakers più cool. Via libera, dunque, ai modelli cropped. Questi pantaloni in denim non sono altro che il modello letteralmente tagliato alla caviglia e hanno una vestibilità ampia. Per questo motivo sono confortevoli, ma senza rinunciare allo stile. I capri lasciano sempre la caviglia scoperta. E allora qual è la differenza? Hanno una vestibilità slim – l’opposto dunque dei jeans cropped – e si sfoggiano con un paio di décolleté. Per essere glam.

Riproduzione riservata