Gli occhi dicono tutto: un corto emozionante firmato Salmoiraghi & Viganò

<p>Gli occhi dicono tutto, il nuovo emozionante spot di Salmoiraghi & Viganò</p> Credits: Ufficio stampa Salmoiraghi & Viganò

Gli occhi dicono tutto, il nuovo emozionante spot di Salmoiraghi & Viganò

In occasione della Giornata Mondiale della Vista (10 ottobre), Salmoiraghi & Viganò lancia "Gli occhi dicono tutto", un viaggio emozionale e un inno alla vista, diretto da Federico Brugia 

“Aprire gli occhi, alzare gli occhi al cielo, occhio ranocchio, stare all’occhio, rifarsi gli occhi, sognare a occhi aperti, a perdita d’occhio, non essere visti di buon occhio, luce dei miei occhi… Quante volte chiamiamo in causa i nostri occhi? E allora prendiamocene anche cura.”

Sono queste le parole che accompagnano Gli occhi dicono tutto, il cortometraggio al centro della nuova campagna di comunicazione di Salmoiraghi & Viganò, lanciata in occasione della Giornata Mondiale della Vista, che cade il 10 ottobre. A ispirarla il desiderio di promuovere e sensibilizzare le persone sul tema della prevenzione della vista.

Il risultato è visivamente splendido. Più che uno spot, un micro film, che diventa “un inno alla vista”. A dirigerlo con grazia e mestiere è stato Federico Brugia, uno dei più apprezzati registi pubblicitari a livello internazionale, che ha presenziato all’anteprima per la stampa, tenutasi l’8 ottobre in una cornice significativa: l’Istituto dei Ciechi di Milano. Qui, da diversi anni, è possibile vivere l’esperienza unica del percorso sensoriale Dialogo nel buio, accompagnati da guide non vedenti o ipovedenti. Un modo per “riscoprire” anche gli altri sensi e, al tempo stesso, rivalutare quello che forse si dà più per scontato: la vista.  

Un messaggio di cui il brand ha voluto farsi portavoce, attraverso questa campagna, come spiegato da Leonardo Maria Del Vecchio, Head of Retail Italy di Luxottica (di cui Salmoiraghi & Viganò fa parte): “Credo che noi, come azienda e come leader mondiale e catena di riferimento italiana nell’ottica, abbiamo il dovere di fare campagne per sensibilizzare le persone sul tema della prevenzione di quello che reputo essere il senso più importante: la vista. Sono sicuro che con questo progetto riusciremo a parlare sia agli occhi che al cuore della gente”.

Credits: Ufficio stampa Salmoiraghi & Viganò

Un manifesto della contemporaneità

Sguardi innamorati, affranti, disperati, fieri. Sono quelli catturati con poesia e intensità dall’obiettivo di Federico Brugia, attraverso i volti dei tanti protagonisti che popolano lo spot. Una moltitudine di piccole storie capaci, in pochi istanti, di raccontare le tante sfaccettature delle emozioni e degli stati d’animo. “Non è il classico spot che si vede in onda. È un manifesto della contemporaneità”, spiega il regista, che si è detto onorato di girare questo film per l’azienda. “Per chi fa il mio mestiere - ha sottolineato - lo sguardo è la cosa più importante. Quello che permette di dare codici visivi alle cose. E proprio a partire dallo sguardo abbiamo voluto parlare di vita e di cose che non è solito vedere in pubblicità. C’è una ragazza con un occhio pesto, coppie non etero, un trans…”.

Personaggi diversi, con sguardi diversi, a volte chiari, a volte enigmatici.

“Ci piace l’idea che le persone possano identificarsi in una di queste storie e, al tempo stesso, che ognuno possa dare una diversa interpretazione delle immagini”, spiega Leonardo Maria Del Vecchio. “Abbiamo inserito anche dei sottilissimi fil rouge, che magari non tutti colgono, o che si notano solo in successive visioni. Volevamo che fosse una pubblicità che non stanca, ma che, anzi, hai voglia di rivedere, perché ogni volta noti qualcosa di nuovo”.


Credits: Ufficio stampa Salmoiraghi & Viganò

Uno spot “cinematografico”

“Quando abbiamo finito di montarlo mi sono sentito molto orgoglioso del risultato”, ammette il regista, “In quel momento ho pensato: ‘Se alla fine ci fosse scritto ‘Dal 14 ottobre su Netflix’ sarebbe credibile!’. E questa era proprio la meta a cui volevamo arrivare: dare vita a una sorta di micro film, in cui viene spontaneo chiedersi: ‘Perché la ragazza incinta sta piangendo?’, ‘Chi è la ragazzina che ha preso un pugno? Sarà lei la pugile?’, ‘E chi è quell’uomo in bagno e cosa guarda?’. Noi abbiamo delle risposte, perché ci piace pensare che dietro a questi personaggi ci siano delle vite che vanno oltre l’inquadratura, proprio come accade guardando il trailer di un film”.

Frutto di un articolato lavoro di squadra, lo spot ha richiesto due giorni di lavoro e coinvolto una troupe di 90 persone. Una produzione “cinematografica”, realizzata insieme all’agenzia Quiqueg, al direttore creativo Francesco Guerrera e con un sottofondo musicale che ci accompagna “fuori dallo spazio e dal tempo”, composto da Matteo Milleri, dei Tale of Us, che spiega: “Il messaggio dello spot è molto forte ed emotivo. Il pianoforte é uno strumento che trasmette le emozioni dell’artista in modo diretto e senza compromessi, lo ritengo quindi adatto per creare una composizione minimale che accompagna le immagini del girato e ne accresce la drammaticità”.

Credits: Ufficio stampa Salmoiraghi & Viganò

“È solo un inizio”

Gli occhi dicono tutto sarà in onda sulle reti di Publitalia per una settimana e il debutto avverrà a reti unificate su Mediaset il 10 ottobre alle 21,00. “Una cosa non comune quella di vedere uno spot di 60 secondi in tv”, ha commentato il regista.

In questo e in altri formati da 30 secondi potremo rivederlo anche sui social e sui led wall dei negozi di tutto il mondo. 

Una campagna che per l’azienda segna “solo un inizio”, nelle parole di Leonardo Maria Del Vecchio, che ha sottolineato come la sensibilizzazione per la prevenzione della vista sia “un impegno non solo di Salmoiraghi & Viganò, ma di tutto il gruppo Luxottica”.

Il messaggio, insomma, è chiaro: “Oltre a scegliere begli occhiali, dobbiamo tutti prenderci più cura della nostra vista”.


Riproduzione riservata