Gianfranco Ferré: la camicia bianca secondo me

  • 1 8
    Credits: Archivio Fondazione Gianfranco Ferré

    Nuvole e terra, sogno e realtà per disegnare e creare.

    Questo il filo conduttore della mostra La camicia bianca secondo me. Gianfranco Ferré, frutto dell'estro creativo di uno dei più grandi e noti stilisti-artisti della moda italiana.

    All'interno della Sala delle Cariatidi, a Palazzo Reale a Milano, dal 10 marzo fino al 1 aprile, in un luogo di arte e silenzio dove il tempo sembra essersi fermato si trovano così le numerose creazioni dello stilista artista che ha reso la camicia bianca protagonista indiscussa della scena, oltrepassando i confini del modello convenzionale e rendendola capo di stile al di là della divisione uomo-donna.
    La mostra infatti si articola in un percorso espositivo dove creazione e ricerca convivono prendendosi per mano.

    Disegni preparatori, bozzetti, fotografie e capi sartoriali rendono così la camicia bianca, vera e propria protagonista e icona dello stile di Ferré.

    Il fulcro della mostra è costituito da ventisette camicie (appartenenti a collezioni dal 1982 al 2006) veri e propri capolavori sartoriali che simili a nuvole leggere rievocano atmosfere oniriche.

    Il visitatore si trova così sospeso tra sogno e realtà di fronte alle plurime e affascinanti interpretazioni, frutto di vera e propria poetica sartoriale.

    Sogna con noi lasciandoti ispirare dai capolavori dello stilista-architetto del made in Italy.

  • 2 8
    Credits: Archivio Fondazione Gianfranco Ferré

    Ventisette sono le camicie di Gianfranco Ferré esposte nella mostra selezionate fra le creazioni comprese in un arco temporale di 20 anni.

    Estro creativo e cura attenta per i materiali, i tagli e le geometrie dei modelli si fondono in un gioco prezioso, celebrando la moda come vera e propria arte.

    In foto il modello Origami, look 78, appartenente alla collezione primavera estate del 2004 in tulle di nylon chiffon e seta.

  • 3 8
    Credits: Luca Stoppini

    Nel lessico contemporaneo dell’eleganza mi piace pensare che la mia camicia bianca sia un termine di uso universale.
    Che però ognuno pronuncia come vuole.

    Gianfranco Ferré

  • 4 8
    Credits: Archivio Fondazione Gianfranco Ferré

    In foto e nella foto precedente, la camicia bianca Contrappunto, in piqué di cotone appartenente alla collezione prêt-à-porter primavera estate di Gianfranco Ferré del 1987.

  • 5 8
    Credits: Luca Stoppini

    Taffetas di seta e tulle di nylon come una nuvola per il modello scomposta della collezione autunno inverno del 1994 di Gianfranco Ferré.

    La camicia bianca è diviene segno dello stile del grande stilista-architetto Gianfranco Ferré.

  • 6 8
    Credits: Luca Stoppini

    In foto la camicia bianca Classic Glamour appartenente alla collezione prêt-à-porter autunno inverno del 1990 di Gianfranco Ferré, in organza di seta.

  • 7 8
    Credits: Archivio Fondazione Gianfranco Ferré

    In passerella il modello Sailor Glam, della collezione prêt-à-porter primavera estate di Gianfranco Ferré 1982 in organza di seta e piqué di cotone a nido d'ape.

  • 8 8
    Credits: Archivio Fondazione Gianfranco Ferré

    Classic Glamour appartiene alla collezione autunno inverno prêt-à-porter di Gianfranco Ferré 1990.

    Una nuvola in organza di seta per sognare ad occhi aperti.

La camicia bianca è punto di partenza e il segno dello stile del grande stilista Gianfranco Ferré. A Milano una mostra celebra le creazioni dello stilista-architetto del made in Italy

 

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te