Addio a Franca Sozzani, la signora della moda

Se ne va all'improvviso e con l'eleganza che la caratterizza da sempre: la moda saluta Franca Sozzani, alla guida di Vogue Italia da 28 anni

Si è spenta a 66 anni Franca Sozzani, lo storico direttore di Vogue Italia: se ne va così l'instancabile signora della moda italiana, esile ma determinatissima, conosciuta per il suo stile discreto e la ferrea dedizione al lavoro. Oggi ne celebrano il ricordo i colleghi giornalisti e tutti coloro che da lei sono stati lanciati e sostenuti durante la sua lunga e fruttuosa carriera. Ha diretto l'edizione italiana di Vogue per 28 anni, diventando negli anni il punto di riferimento della moda del nostro Paese: con il suo incessante lavoro di ricerca e promozione, ha contribuito a scoprire designer, modelle e fotografi. Questi ultimi, in particolare, hanno sempre ricoperto un ruolo speciale nella rivista da lei immaginata: Vogue Italia ha infatti ospitato il lavoro di alcuni dei più grandi fotografi di moda al mondo, da Peter Lindbergh a Steven Meisel, da Tim Walker a Paolo Roversi, ai quali la signora Sozzani ha sempre lasciato la possibilità di esprimersi liberamente, convinta che la moda potesse essere molto più che scarpe e borsette. 

Franca Sozzani

Crediti Getty Images

Franca Sozzani 

Crediti Getty Images

Franca Sozzani

Crediti Getty Images

Franca Sozzani 

Crediti Getty Images

Franca Sozzani con il figlio Francesco Carrozzini

Crediti Getty Images

Franca Sozzani con il figlio Francesco Carrozzini

Crediti Getty Images 

Franca Sozzani con Valentino

Crediti Getty Images

Franca Sozzani 

Crediti Getty Images

Franca Sozzani con Pierpaolo Piccioli e Maria Grazia Chiuri

Crediti Getty Images


Una vita dedicata alla moda

Classe 1950, di orgine mantovana, Franca Sozzani è entrata a Vogue Italia nel 1988, nello stesso periodo in cui Anna Wintour arrivava a Vogue America. Insieme, diventeranno gli arbitri del gusto e dei suoi cambiamenti nel corso degli anni, contribuendo alla selezione di stilisti e look che finiranno nella storia della moda. Laureata in Filologia romanza, Sozzani ha da subito un approccio all'editoria che predilige la contaminazione delle arti e ama sperimentare con la fotografia e la grafica del giornale.

La direttrice, che non ha mai tagliato i lunghi capelli biondi e ondulati, ha un unico figlio, il fotografo e regista Francesco Carrozzini, che alla scorsa Mostra del cinema di Venezia ha presentato un documentario a lei dedicato. In Franca. Chaos and Creation, la schiva Sozzani si racconta senza mai sbilanciarsi troppo, mentre importanti fotografi, artisti e registi testimoniano com'è stato lavorare con lei.

In linea con il suo stile votato alla discrezione, ha tenuto nascosta fino all'ultimo la sua malattia: all'inizio di dicembre, è volata a Londra con Anna Wintour per ricevere un premio durante i Fashion Awards organizzati dal British Fashion Council e subito dopo è andata alla sfilata di Chanel a Parigi. «Per sostenere Karl [Lagerfeld, direttore creativo di Chanel ndr]», aveva detto all'amica Wintour, che oggi la ricorda con un delicato articolo su Vogue.com.

Su Instagram, Donatella Versace ha scritto come didascalia di una foto bellissima che le ritrae insieme: «Ciao Franca, mia amica carissima. Ti porterò sempre nel mio cuore». 

Un magazine unico

Nelle mani di Sozzani, Vogue Italia è stato per davvero la Bibbia dello stile. Invece di cedere alle lusinghe dello spettacolo e mettere solo celebrity in copertina, come il corrispettivo americano, la versione italiana di Vogue ha sempre puntato sulla creatività di fotografi e stylist e non ha mancato, negli anni, di provocare anche reazioni polemiche per il modo in cui ha raccontato la bellezza femminile. Ogni anno, il direttore sceglieva un tema di attualità e vi dedicava la copertina e un lungo servizio fotografico. 

Tra quelli più citati in queste ore c'è il Black Issue del luglio/agosto del 2008, con Naomi Campbell in copertina e dedicato alla bellezza delle donne di colore, pubblicato nello stesso anno in cui Barack Obama diventò il primo presidente nero degli Stati Uniti d'America. E non è che un esempio fra tanti: sulle pagine del giornale diretto da Sozzani hanno trovato spazio tutti i più importanti fotografi di moda del mondo, lì hanno debuttato le modelle più conosciute e amate, sempre lì ha fatto bella mostra di sé il meglio della moda italiana e internazionale.

Se n'è andata così, con la stessa eleganza che l'ha caratterizzata in vita, e ci lascia in eredità 28 anni di ricerca sulla bellezza femminile in tutte le sue forme. 

LEGGI ANCHE: Franca Sozzani, un ricordo di Orsina Baroldi

Franca Sozzani, un ricordo

VEDI ANCHE

Franca Sozzani, un ricordo

Riproduzione riservata