Bradley Cooper e l’amore per Huma Abedin: ecco chi è la fidanzata del divo

A tre anni dalla fine della storia d'amore con la modella Irina Shayk, da cui ha avuto la figlia Lea De Seine, Bradley Cooper sta frequentando Huma Abedin, ex braccio destro di Hillary Clinton. Ecco chi è la donna che ha rotto gli schemi del cuore dell'attore

Chi è Huma Abedin

Americana di discendenza indiana e pachistana, 46 anni tra pochi giorni, Huma Abedin è conosciuta soprattutto per essere stata a lungo il braccio destro di Hillary Clinton e vicepresidente della sua campagna elettorale nel 2016. Ma se negli Stati Uniti è una donna molto conosciuta e influente, in Europa il suo nome è arrivato solo in queste ore a circolare: Huma Abedin infatti è la nuova fidanzata dell'affascinante divo hollywoodiano Bradley Cooper. L'attore ha iniziato a frequentarla a tre anni dalla rottura con la modella Irina Shayk, da cui ha avuto la figlia Lea De Seine.

Bradley Cooper e Huma Abedin: «Perfetti insieme»

Secondo Page Six, la storia tra il protagonista di A star is Born (per cui si era vociferato un flirt con Lady Gaga) e Huma Abedin sarebbe cominciata per merito di una cupido speciale, nientemeno che la signora della moda americana Anna Wintour, grande amica di entrambi.

Stando a quanto riporta il magazine, al Met Gala dello scorso maggio, l'attore e la politica si frequentavano già da un paio di mesi ma si sarebbero presentati separatamente (Huma Abedin affiancata da Hillary Clinton, non era passata inosservata con il suo lungo abito giallo a fascia, con maniche a palloncino, firmato Jason Wu) per depistare i fotografi.

La misteriosa ma affidabile fonte che ha rivelato a Page Six tutte queste informazioni ha anche definito Bradley Cooper e l'attuale compagna Huma «Perfetti insieme, entrambi impegnati nella politica e nelle questioni umanitarie».

L'amicizia con Hillary Clinton e Anna Wintour

Quelli con Anna Wintour e con Hillary Clinton sono rapporti molto più profondi di semplici collaborazioni lavorative. Hillary Clinton considera Huma Abedin addirittura una seconda figlia: presa sotto la sua ala ai tempi in cui era First Lady alla Casa Bianca la politica democratica è stata una mentore e quasi una mamma per la consigliera Huma Abedin. Già nel 2010, quando Huma Abedin sposò l'ex deputato alla Camera dei Rappresentanti di New York Anthony Weiner in un cerimonia officiata da Bill Clinton, Hillary disse: «Ho solo una figlia, ma se ne avessi una seconda, sarebbe Huma».

Huma Abedin: un matrimonio, tanti scandali

Purtroppo il matrimonio della politica e scrittrice Huma Abedin (la sua opera autobiografica Both/And è appena stata pubblicata ed è già tra i 10 best seller inseriti nella lista del New York Times) è stato travolto da numerosi scandali sessuali. Una prima volta nel 2011 quando è circolata una foto hard del marito sui social costringendolo alle dimissioni. E poi nel 2016 quando il marito, Anthony Weiner, è stato accusato e condannato a due anni di reclusione per sexting con una minorenne. Quell'episodio è stato la fine di quello che lei stessa aveva più volte definito un matrimonio da favola.

Per Bradley Cooper e Huma Abedin questa sembra essere la svolta decisiva nella loro vita sentimentale: un principe azzurro (se paragonato all'ex marito) per lei, e una donna impegnata per lui.

Getty Images
1 di 13 - Qui le foto di Bradley Cooper con la ormai ex: la modella Irina Shayk.
Getty Images
2 di 13
Getty Images
3 di 13
Getty Images
4 di 13
Getty Images
5 di 13
Getty Images
6 di 13
Getty Images
7 di 13
Getty Images
8 di 13
Getty Images
9 di 13
Getty Images
10 di 13
Getty Images
11 di 13
Getty Images
12 di 13
Getty Images
13 di 13
Bradley Cooper: Irina Shayk o Katie Holmes?

VEDI ANCHE

Bradley Cooper: Irina Shayk o Katie Holmes?

È ufficiale: Bradley Cooper e Irina Shayk si sono lasciati

VEDI ANCHE

È ufficiale: Bradley Cooper e Irina Shayk si sono lasciati

Irina Shayk, quando mi dicevano che non potevo sfilare e non avevo soldi per mangiare

VEDI ANCHE

Irina Shayk, quando mi dicevano che non potevo sfilare e non avevo soldi per mangiare

Riproduzione riservata