David_Garrett_Timelss_1__copy_Andreas_Hosch

David Garrett: il violinista bello come Brad Pitt

Ha i capelli biondi come Brad Pitt e seduce come James Bond. Mescola rock e classica ed è amato dai direttori d'orchestra e dalle donne. Stasera suona a Milano, ma potete vederlo anche in tv. E in un film

Se siete a Milano questa sera non perdetevi il concerto in piazza del Duomo. C'è David Garrett, star del violino, insieme alla Filarmonica della Scala, dirige il maestro Riccardo Chailly. Il concerto è gratuito (in collaborazione col Comune di Milano e il sostegno di Unicredit e Allianz) ed è una bella occasione per cambiare idea se pensate che la musica classica sia una cosa per vecchi.

Garrett ha 34 anni, i capelli lunghi e biondi come Brad Pitt, la barba da modello, un tatuaggio sul braccio con la scritta Rock'n'Roll, un anello col teschio, e qualche volta si mostra sul palco con lo chignon da hipster. Mescola sacro e profano, rock e classica, talento e bellezza. Come in questo video, dove reinterpreta Viva la vida dei Coldplay.



 

Stasera suonerà Bruch e Paganini, davanti a una folla da concerto rock e tantissime fan. Perché ormai è diventato un mito per le donne, complice un film del 2013: Il violinista del diavolo di Bernard Rose, dove recita nei panni di Niccolò Paganini. E fa il seduttore.



Da dove viene tutto questo talento? Il padre è un avvocato tedesco, la madre una ballerina americana. A 11 anni già suonava con la Filarmonica di Amburgo e a 15 ha firmato il primo contratto con la Deutsche Grammophon. Mica bazzecole. Il suo è un nome d'arte (quello vero è David Bongartz), e come tutte le star di oggi ha un profilo Twitter che cura personalmente e dove posta immagini dei suoi viaggi, gli alberghi, i teatri, le prove, gli incontri.

Seducente e bravissimo, Garrett è pure nel Guinness dei Primati per la più veloce esecuzione de Il volo del calabrone di Rimskij-Korsakov, ha vinto due Echo Awards (gli Oscar tedeschi) e ha venduto 3 milioni di dischi, riuscendo a far appassionare alla musica classica anche i più scettici e i giovanissimi.

Ascoltarlo è un'esperienza, ma se non siete a Milano non disperate, potete vederlo in diretta anche su Rai5. Guardatelo, e poi ditemi cosa ne pensate.

 

Riproduzione riservata