Francesco Gabbani

Gabbani alla conquista di Eurovision

Dopo le prime selezioni, Francesco Gabbani con "Occidentali's Karma" è tra i favoriti dell'Eurovision Song Contest. La scimmia colpirà ancora?

Francesco Gabbani è pronto a salpare. Il suo nuovo album si intitola Magellano, dal nome dell’esploratore portoghese che nel 1521 fu il primo a partire dall’Europa verso ovest e a raggiungere le Indie. Fra le 9 tracce non poteva mancare Occidentali’s Karma, il brano vincitore al Festival di Sanremo, con cui il 34enne cantante di Carrara rappresenterà l’Italia all’Eurovision Song Contest, dal 9 al 13 maggio a Kiev, in Ucraina.

La sfida dell’Eurovision

Il viaggio di Gabbani alla volta del successo internazionale è già iniziato. I pre-party della manifestazione, che si sono tenuti a Londra e ad Amsterdam, sono stati un successo. La sua canzone è la più ascoltata dell’Eurovision e i bookmakers lo danno per favorito. «Porterò sul palco me stesso» si schermisce lui. Ma la domanda è: a Kiev ci sarà anche la scimmia?


L'uscita del nuovo album

Gabbani lo definisce «allegro come sound, coinvolgente, spero contemporaneo. E con testi che possano far pensare chi li ascolta. È sulla lunghezza d’onda di Occidentali’s Karma, parla della mia ricerca del senso dell’esistenza. Ne sono tormentato, credo come tutti». Francesco, dopo anni di gavetta, si gode il momento d’oro: «La musica è arrivata subito nella mia vita, perché papà era un musicista e ha tuttora un negozio di strumenti. A un certo punto, però, ho pensato di mollare. Ora mi auguro di poter continuare a fare ciò che amo».

Il tour in partenza

Parte il 19 giugno da Verona e andrà avanti fino a settembre (www.francescogabbani.com). Il 18 Francesco sarà a Milano per il Radio Italia Live. La “prova generale” è stata al Concertone del Primo Maggio, a Roma, dove ha cantato benissimo.

I record di Occidentali's Karma

Triplo disco di platino, 150.000 download e 82 milioni di visualizzazioni su YouTube, Occidentali’s Karma è sempre in testa alle classifiche. «Mi piace pensare di far musica per divertirmi e divertire, proponendo però spunti di riflessione» dice. Obiettivo raggiunto, no?

Riproduzione riservata