Trudeau fa impazzire il web: il primo ministro canadese giovane è virale

02 03 2017 di Alessia Sironi
Credits: Facebook

Camicia aperta, capelli corti e ciuffo ribelle. L’affascinante primo ministro canadese è stato definito il politico più sexy di sempre dopo gli scatti di lui giovanissimo. E intanto ha già "sedotto" Ivanka Trump e la bella Kate Middleton.  

Nè Justin Timberlake, né tantomeno Justin Bieber. A scatenere i social questa volta è un altro Justin: il bel primo ministro canadese Trudeau. Sono bastati alcuni scatti che lo ritraggono da giovane per dar vita a un vero e proprio tormentone.

Torso nudo, capelli al vento e sorrisetto malizioso, non sorprende affatto che le foto siano diventate virali contribuendo a confermare la fama da sex symbol che accompagna il premier. 

L'attenzione mondiale per la politica canadese non è mai stata così alta da quando il fascino e la popolarità del suo premier hanno varcato i confini nazionali e l'ultimo tassello alla consacrazione a celebrity di Justin Trudeau è stato messo con l'apparizione in rete di questi scatti della sua giovinezza.

In un attimo il passaparola è diventato mondiale e i fan (o meglio, le fan) si sono scatenate: per qualcuno è il premier della porta accanto, per altri il principe azzurro della Disney, per altri ancora assomiglia a Richard Gere mentre per alcuni è addirittura meglio! Un anno dopo aver guidato il Partito Liberale a un'inaspettata vittoria alle elezioni, il 44enne capo dello Stato continua ad attraversare il suo Canada tenendo discorsi e prestandosi a selfie. E pare che questa sua formula stia funzionando tanto che viene sempre più spesso paragonato a John F. Kennedy aumentando così i consensi e, i ben informati dicono, anche qualche scenata di gelosia da parte della moglie.

Internauti di tutto il mondo siete pronti a sventolare la foglia d'acero e trasferire la residenza in Canada?

Credits: Facebook
Credits: Facebook
Credits: Facebook
Credits: Facebook
Credits: Facebook
Credits: Facebook
Credits: Facebook
Credits: Facebook
Foto
Riproduzione riservata