Kim Kardashian torna a New York: “Ero convinta mi uccidessero”

Un bottino ricco quello della rapina parigina alla socialite: oltre a gioielli per 9 milioni di euro, tra cui il prezioso anello di fidanzamento regalatole da Kanye West, ci sono due telefoni con tante foto e segreti. E c'è già chi scommette che presto online spunteranno foto compromettenti.

Kim Kardashian è stata vittima di un sequestro nella sua lussuosa residenza dell'ottavo arrondissement al numero 7 di rue Tronchet, all'interno dell'Hotel de Pourtale's, una villa lussuosa senza insegne e per questo molto amata dai vip gelosi della loro privacy - hanno soggiornato qui nel più totale riserbo Zlatan Ibrahimovic, Madonna, Prince e Leonardo DiCaprio - ma evidentemente questa volta, l'ostentazione della star è stata talmente plateale che ha scatenato i malviventi. 

Dopo aver rinchiuso la Kardashian, le hanno sfilato l'anello di nozze da 4 milioni di euro e diversi gioielli del valore totale di 9 milioni di Euro: nemmeno nella gioielleria più chic di Place Vendome il bottino sarebbe stato tanto succulento! Non solo. Le sono stati anche rubati due telefoni cellulari e c'è da scommettere che se e vedranno (online) delle belle nelle prossime settimane. 

E pensare che il tutto è avvenuto poco dopo il post che vedeva protagonista la guardia del corpo della star: "Quest'uomo è in tutti i miei scatti", avvertiva Kim nel cinguettio rivolto ai quasi 50 milioni di follower di Twitter. Se voleva essere un modo per mettere in guardia futuri potenziali aggressori (dopo l'assalto per strada di cui era stata vittima quando l'ucraino Vitalii Sediuk tentò di addentarle il sedere) è evidente che non è servito a molto.

Alcune volte, forse, ostentare non è così indispensabile!

Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Riproduzione riservata