La tua vita in un libro: la terza prova di Giusy

  • 20 11 2017

Le concorrenti del talent “La tua vita in un libro” affrontano la terza prova: dare corpo alla propria voce. Ecco la prova di Giusy

TERZA PROVA: INDIVIDUARE LA PROPRIA VOCE

Il mormorio dell’orologio sulla brulla parete di fronte mi rende nervosa. Dovrei smetterla di tormentare la collanina con le mani. La faccio scorrere sul mento, mentre tengo le labbra serrate. I miei grandi occhi a mandorla, neri e curiosi, roteano qua e là a esaminare la stanza. Laura prende appunti sulla sua scheda medica. Lo fa sempre quando affrontiamo argomenti importanti. Chissà cosa scrive. Mi sorride e cerca il mio sguardo schivo, in attesa che io prosegua. Ecco, ha intuito i miei pensieri! Il rossore sarà ormai evidente. Anche le mie occhiaie lo sono. Nascoste da un velo di fondotinta. Ho le mie consuete tre ore di sonno alle spalle. Tossisco, sistemandomi alla meglio sulla grande poltrona che sembra inghiottire il mio fisico esile. E se mi viene da sbadigliare? Ma è mai possibile che io non riesca a fare a meno di crucciarmi per qualsiasi cosa? Mi inumidisco le labbra. Temo che non mi vengano le parole. Perché è con le parole che oggi conto di colmare un deserto sterile che tenta di rifiorire da anni.

Da sempre sono alla ricerca di risposte. Volevo essere io la risposta a tutto. Dentro il cuore, una costante paura del vuoto. Un funambolo improvvisato, in equilibrio su una fune troppo lunga. Ritorno oggi al significato originario di me stessa attraverso le parole. Chi l’avrebbe mai detto? Rinnovata e riscoperta. Riacquisto vigore e mi getto la zavorra alle spalle. Parlo a Laura della mia vita. Accettando le mie emozioni più disparate. Affezionandomi alle mie paure.

Il commento della editor Nina

Il rumore dei pensieri di fondo: non c’è niente di più personale e, al contempo, più confuso. Giusy riesce a mettere ordine in quelli della sua protagonista, sfruttandoli bene per raccontare diversi aspetti di lei.

Funziona La scelta di inserire un’interlocutrice muta, che funge da specchio della protagonista, enfatizzando così la gran mole di pensieri che si inseguono nella sua mente.

Vai allo speciale "La tua vita in un libro"

Riproduzione riservata