Lorenzo Marone e il suo libro

Mi piace… La tentazione di essere felici

"Mi piace chi ama per primo. Mi piace chi sa chiedere. Mi piace chi sa amarsi. Mi piace chi combatte ogni giorno per essere felice".

Lo dice Cesare Annunziata, protagonista di uno dei casi editoriali del momento, La tentazione di essere felici (Longanesi), del napoletano Lorenzo Marone (nella foto, accanto alla copertina).

Cesare ha 77 anni, è un “vecchio egoista e rompiscatole”, ma si trova costretto a doversi occupare per la prima volta degli altri, a mettersi in pericolo e quindi a fare un bilancio della propria vita, elencando le cose che l’hanno resa migliore.

Il romanzo di Marone è in classifica, è stato venduto all’estero, sta girando molto. Quello che m’interessa qui è il gioco del “Mi piace”. Da quando ho finito di leggerlo, non faccio altro che pensarci.

Se capiamo cosa ci fa stare bene, abbiamo più possibilità di stare bene? Proviamoci.

Questo è il mio “Mi piace”:

Mi piace la cioccolata calda, fredda, come gelato, nei pasticcini, nella carta stagnola. Mi piace l’amore quando arriva e magari resta, ma questo è più difficile. Mi piace addormentarmi e svegliarmi con il sorriso. Mi piace tornare da un lungo viaggio. Mi piace togliere i tacchi. Mi piace la pizza senza mozzarella ma con i carciofini. Mi piace presentare i libri. Mi piace sentirmi piena di energia. Mi piace trasmettere energia. Mi piace il contatto fisico, ma solo con poche persone. Mi piace l’odore del mare. Mi piace pensare agli altri e che gli altri pensino a me. Mi piace la tua voce. Mi piace sentirmi a casa in ogni angolo del mondo. Mi piace scrivere. Mi piace non avere brufoli. Mi piace entrare in un vestito. Mi piace vivere con le cuffiette nelle orecchie. Mi piace la leggerezza, quando ci riesco. Mi piace non provare solitudine. Mi piace la pace nel mondo.

Scrivete anche voi i vostri “Mi piace”, condivideteli sulle vostre bacheche Facebook e sulla nostra pagina di Donna Moderna. Mandatemeli nei commenti.

Mi piacciono!

Immagina che non esista il paradiso, nessun inferno sotto di noi, sopra di noi solo il cielo.

Riproduzione riservata