Lukas Rosol

I tennisti più sexy di Wimbledon 2016

Mentre per decretare il vincitore del torneo più trendy e glamour di sempre ci vogliono ore di fatica e sudore, noi abbiamo impiegato meno tempo per stilare la classifica dei giocatori più belli.

Wimbledon è da sempre il torneo di tennis più glamour della storia, non solo inglese. I protagonisti non sono solamente i giocatori che si sfidano sul prato verde perché, tra sudore, racchette, divise e ascugamani, sugli spalti ci sono fior fior di socialite e celebrity a contendersi il premio del migliore 'fuori campo'. E mentre Kate (Middleton) insieme al principe William e a quel fascinoso di Harry, scambiano opinioni con David e Victoria (Beckham), Derek Blasberg e Olivia Palermo sull'influenza che la Brexit avrà su Wimbledon, nel tempio del tennis si decreta a suon di palle giocate il vincitore.

Passata l'era dei vari Federer, Nadal, Lopez (non c'è che dire, gli spagnoli hanno davvero una marcia in più) e del 'nostro' Filippo Fognini che, non per patriottismo, ma potrebbe anche intraprendere la carriera di attore, ora puntiamo sul fascino europeo (ma poco latino) di Rosol, Mannarino, Klein, Goffin e Kohlschreiber.


Getty Images

Lukas Rosol

Getty Images

Adrian Mannarino

Getty Images

Phillip Kohlschreiber

Getty Images

Novak Djokovic

Getty Images

Denis Kulda

Getty Images

Pierre Hugues Herbert (a destra)

Getty Images

David Goffin

Getty Images

David Ferrer

Getty Images

Brydan Klein

Getty Images

Damir Dzumhur

Per la cronaca, 'quelli' vestiti in bianco e blu sugli spalti si stanno già preoccupando delle ricadute sui contratti dei tennisti già stipulati in sterline per la svalutazione della moneta. Sì, perché se a rimetterci saranno i campioni, che vedranno ridotto il ricco montepremi nel cambio dollaro-euro, noi scommettiamo che tutto ciò non intaccherà l’importanza di Wimbledon: nessuno potrà permettersi di snobbarli per qualche centinaia di migliaia di euro. Wimbledon, in fondo, è sempre stato il torneo più 'in' del mondo. Un po' come gli Oscar hollywoodiani. E tale resterà. Con o senza Europa.

Riproduzione riservata