coppie separate apertura

Coppie separate: chi detrae le spese mediche dei figli

L’esperto risponde alle domande delle nostre lettrici sulla compilazione del 730 per la dichiarazione dei redditi

Marina di Modena ci scrive:


“Mi sono appena separata e ho ottenuto l’affidamento di mio figlio di 8 anni. In vista della dichiarazione dei redditi, il mio ex marito sostiene che la detrazione per le spese mediche del bambino spettino a lui, come negli anni passati, perché ha uno stipendio più alto del mio. È vero?”

Ecco la nostra risposta.


Vediamo di fare chiarezza con l’aiuto del commercialista Luca Ravelli. Nel caso di una coppia separata legalmente, e in assenza di differenti accordi, la detrazione spetta
al genitore che ha l’affidamento del figlio, quindi a te, cara Marina. In caso di affidamento congiunto, invece, lo sconto fiscale va diviso al 50%. Lo prevede l’art. 12 del Testo unico delle imposte sui redditi. Attenzione: può succedere che il genitore affidatario abbia un reddito così basso da non poter detrarre la spesa. A quel punto la detrazione spetterà all’altro genitore, che però dovrà versarla interamente a chi ha l’affidamento esclusivo del figlio.
Da sapere
Per fruire delle detrazioni fiscali Irpef sulle spese mediche e sanitarie sostenute per i figli a carico, bisogna inserire le voci nel quadro E, rigo E1 della dichiarazione dei redditi. Puoi trovare tutte le informazioni sui bonus fiscali consultando il sito dell’Agenzia delle entrate all’indirizzo agenziaentrate.it oppure puoi chiamare l’848800444.

Riproduzione riservata