730 precompilato: cosa contiene e come funziona

02 03 2017 di Maria Picone
Credits: Shutterstock

Dal 18 aprile 2017 è disponibile il modello 730 precompilato online: ecco le nuove detrazioni che troverete e come correggere gli errori

Sono diverse le novità per chi presenta la dichiarazione dei redditi utilizzando il modulo 730 precompilato online.

Dove si trova il 730 precompilato?

Il modulo 730 sarà scaricabile dal sito agenziaentrate.gov.it, accedendo col codice Pin dell’Inps o con lo Spid, a partire dal 18 aprile 2017.

Paolo Conti, direttore del Caf Acli (caf.acli.it), ci spiega cosa è cambiato.

Quali detrazioni sono già inserite nel 730 precompilato

Da quest’anno farmacie, strutture sanitarie e amministratori di condominio devono inviare le informazioni in loro possesso sulle spese dei contribuenti al sistema informatico dell’Agenzia delle entrate. Sul precompilato troverete quindi già indicate negli appositi campi le spese che avete sostenuto per visite mediche, veterinarie, sedute psicologiche, farmaci (anche quelli da parafarmacia) e per l’acquisto di occhiali e lenti a contatto. Troverete anche i dati riguardanti i pagamenti sostenuti per i lavori condominiali che danno diritto all’ecobonus. Queste informazioni si aggiungono a tasse universitarie, servizi funebri e bonifici per ristrutturazioni edilizie e acquisto di mobili, già presenti l’anno scorso.

Se i dati sono sbagliati

Nel modulo online troverete tutti conteggi delle spese, ma dovrete comunque avere a disposizione scontrini e ricevute per verificare che le informazioni siano esatte e, in caso contrario, modificare il precompilato utilizzando le istruzioni che trovi su infoprecompilata.agenziaentrate.gov.it. Scontrini e ricevute vanno conservati per 5 anni.

Le spese da aggiungere

Nel modello 730/2017 trovate anche le caselle per i benefici fiscali introdotti con la Legge di stabilità, che però dovete compilare. Tra questi, lo School bonus (la detrazione del 65% sulle donazioni agli istituti scolastici), lo sconto del 19% sul leasing per l’acquisto della prima casa, la tassazione agevolata del 10% sui premi di produttività aziendali, la deduzione del 20% sulle donazioni agli enti di beneficenza.

Se non vuoi usare il precompilato

Puoi scegliere il 730 ordinario e rivolgerti a un Caf o a un commercialista che dovranno compilarlo e presentarlo all’Agenzie delle entrate. In tutti i casi la scadenza per la presentazione della dichiarazione è fissata al 23 luglio.

Riproduzione riservata