I nuovi modi di fare spesa

01 02 2010 di Simona Santoni
Credits: Flickr

SPESA ECOLOGICA
Essere ecologiche pure andando a far spesa? Certo che è possibile. Basta aver un occhio diverso, green!
Privilegiate quindi quei supermercati dove potete trovare lo sfuso di alimentari e detersivi, produzioni equosolidali e biologiche, articoli a basso consumo energetico e quelli 100% in fibre naturali.
Di realtà attente ne stanno nascendo qua e là, si veda il Simply Sma "verde" di Milano (che ha anche accessori d'arredo in materiali riciclati e fornitura elettrica da fonti rinnovabili), o la Regione Piemonte che dal 2006 promuove la distribuzione dei detersivi alla spina (risparmiando finora circa 550 mila bottiglie di plastica).
E occhio anche al pesce! Greenpeace ci offre la "Guida ai consumi ittici" per sapere quali prodotti si "possono" mangiare e quali no per evitare di depredare i mari.

(Foto da Flickr di Adam_d_)

Credits: Flickr

RISPARMIARE IN MODO ECOLOGICO
Ecco dei consigli che uniscono risparmio ed ecologia.
Evitare le confezioni voluminose. I prodotti confezionati con package voluminosi e colorati sono fatti per spingere all'acquisto emozionale. Non danno nulla in più in qualità ma riempiono in pochi minuti il secchio dell'immondizia.
Non acquistare d'impulso. Se un prodotto costoso e particolare vi piace, evitate di comprarlo subito. Datevi 24 ore di tempo: se dopo lo vorrete ancora, allora significherà che lo desideravate veramente.
Riciclare bottiglie con vuoto a perdere. Acquistare bottiglie con vuoto a perdere favorisce il riciclaggio del vetro e crea minore quantità di bottiglie di plastica nei rifiuti.
Evitare imballaggi di verdure. Frutta e verdura comprata sfusa e senza imballaggio consente di toccare con mano il prodotto e risparmiare sull'imballaggio.

(Foto da Flickr di whitneyinchicago)

Credits: Ansa

GRUPPI DI ACQUISTO
Un modo intelligente per risparmiare sulla spesa è creare un gruppo di acquisto.
Il nostro potere da consumatore è ben più grande di quanto ci aspettiamo. Ma da soli siamo deboli. Per questo potete provare a formare un gruppo di consumo di 15-20 persone, coinvolgendo ad esempio i condomini, con cui è più facile vedersi periodicamente per discutere anche altri argomenti.
Contattate gli esercenti sotto casa, quelli dovete andate abitualmente, o anche i piccoli supermercati chiedendo una convenzione o uno sconto sulla spesa offrendo loro in cambio di praticare gli acquisti presso la loro attività. Vedrete che il loro interesse sarà immediato. A vostro vantaggio.

Credits: Ansa

SPESA A KM ZERO. SÌ O NO?
Acquistare prodotti e alimenti a chilometri zero, dai produttori vicino casa, è uno degli inviti più recenti per ridurre le emissioni di CO2.
I pro? Le merci prodotte in luoghi lontani richiedono lungo trasporto generando quindi inquinamento. I prodotti locali sono invece molto vicini al consumatore e favoriscono anche l'occupazione locale. Infine comprare da Paesi con basso costo della manodopera incentiva sfruttamento minorile e bassa tutela dei lavoratori.
Ma non è tutto oro quel che luccica. La CIA, Confederazione Italiana Agricoltori, boccia l'idea di una spesa a km zero definendola frutto di "un ambientalismo retrogrado" che farebbe sprofondare il Made in Italy.

Credits: Ansa

FARMERS MARKET
Per chi comunque crede a un'idea di acquisto diretto da produttore, ecco un sito interessante: Farmersmarket.it, che rimanda al più italiano Mercatidelcontadino.it.
Di che si tratta? Un sito no profit che punta alla filiera corta, per mettere in contatto le aziende agricole e il consumatore senza ulteriori intermediazioni.
Con pochi click, regione per regione, si potrà individuare il mercato contadino più vicino a casa.

Credits: iStockphoto

COMPRARE ON LINE
Acquistare in Rete può essere un risparmio di tempo e soldi. E di certo una comodità. Ma ecco alcuni accorgimenti da tenere.
Innanzitutto meglio proteggere il computer con un antivirus aggiornato.
Optare per un sito conosciuto, che offra transazioni sicure: in tal senso controllare che la pagina su cui si digitano i propri dati sia protetta da protocolli di sicurezza. L'indirizzo deve essere preceduto da https:// invece che http:// e in basso nello schermo deve comparire l'icona di un lucchetto o di una chiave.
Se si paga tramite carta di credito, per la massima garanzia di privacy e sicurezza meglio adottare il sistema PayPal o una carta prepagata.

Foto

Ecco come comprare in maniera ecologica. Spesa a chilometri zero? Sì! O no? E alcuni trucchi per risparmiare...

Riproduzione riservata