Goggia, Brignone, Fanchini e le altre regine italiane delle nevi

Credits: Pinterest
5/5
di

Alessia Sironi

Che Italia quella di Bad Kleinkirchheim. Che orgoglio. E che valanga azzurra. Anzi, rosa. Oro, argento e bronzo e in un attimo il podio è targato Italia e piazza una storica tripletta in discesa libera. Insomma, puoi anche non aver mai visto un paio di sci in vita tua, ma questa è una notizia che mette i brividi tanto quanto 'Fratelli d'Italia' cantata a squarciagola alla finale dei Mondiali. Tanti i i rischi, molta anche la grinta sfoggiata e un gioco di gambe che hanno fatto la differenza. Comanda Sofia (Goggia), al secondo posto Federica (Brignone), l’unica a provare a stare sulle code della bergamasca, e il trionfo azzurro è completato dal terzo posto di Nadia (Fanchini), eccellente in un momento non particolarmente felice legato ai problemi di salute della sorella Elena.

Storica vittoria dunque per le azzurre che mai prima d’ora in discesa nei 50 anni della Coppa del mondo erano riuscite a salire in tre sullo stesso podio (in gigante era invece accaduto due volte, l’ultima ad Aspen dove erano salite sul podio nello stesso ordine!).
E non è finita per le bellissime italiane perché in decima posizione c'è una bravissima Marta Bassino partita con il pettorale 45. E poi ci sono le altre azzurre: Johanna Schnarf, 24eseima, Anna Hofer, 31esima e Federica Sosio, 37esima, fuori invece Nicole Delago e Verena Stuffer.

Ora restiamo in attesa che la 'nostra valanga rosa' arrivi in Italia per la tappa di Cortina d’Ampezzo dove da venerdì 19 a domenica 21 gennaio sono in programma due discese libere (la prima è un recupero di quella cancellata a Val d’Isere a dicembre) e un superG.
Poi l'immensa grandezza tecnica di queste ragazze, che si sono dannate l’anima e il fisico durante l’estate per prepararsi a questo momento, volerà alle Olimpiadi in Corea del Sud, che prenderanno il via il 9 febbraio: il sogno a cinque cerchi è appena iniziato!

Sfoglia la gallery per scoprire chi sono le splendide ragazze che rappresentano il nostro Paese sulla neve!

  • 1 7
    Credits: Pinterest

    Sofia Goggia è nata a Bergamo il 15 novembre 1992. Ha iniziato a sciare a Foppolo all’età di 3 anni e da allora non si è più fermata (nonostante alcuni gravi infortuni). 

  • 2 7
    Credits: Pinterest

    Federica Brignone è nata a Milano 25 anni fa ma abita, da quando ha 6 anni, a La Salle, in Valle d’Aosta. È figlia d’arte: la madre, Ninna Quario, è stata una delle componenti della Valanga Rosa a cavallo tra anni Settanta e Ottanta. 

  • 3 7
    Credits: Pinterest

    Nadia Fanchini è nata il 25 giugno 1986, abita a Montecampione di Artogne in Val Camonica e fa parte della Nazionale Italiana di sci alpino dal 2003. 

  • 4 7
    Credits: Pinterest

    Marta Bassino, nata a Cuneo il 27 febbraio 1996 è una sciatrice alpina italiana ed è stata avviata allo sci alpino all'età di due anni dal padre, maestro di sci e suo allenatore fino all'età di 14 anni. 

  • 5 7
    Credits: Pinterest

    Johanna Schnarf, detta Hanna, è nata a Bressanone il 16 settembre del 1984. Residente a Valdaora e tesserata per il gruppo sportivo Fiamme gialle, è specialista della combinata e delle prove veloci.  

  • 6 7
    Credits: Pinterest

    Anna Hofer (Brunico, 28 febbraio 1988) è entrata nel giro delle squadre nazionali italiane nel 2006. 

  • 7 7
    Credits: Pinterest

    Originaria di Bormio, classe 1994, Federica Sosio è nata in una famiglia fortemente legata allo sci alpino: il padre Eugenio, la madre Roberta e i fratelli sono tutti maestri di sci. E Federica è in grado di competere ad alto livello in tutte le discipline dello sci alpino.

Scelti per te