Helena Christensen, adesso come nel 1991: sexy magnetica a 49 anni

Credits: Getty Images
/5
di

Alessia Sironi

Lascia senza fiato la modella danese alla soglia dei 50 anni: l'ex top model fotografata da Matthew Sprout racconta a InStyle che oggi, come 27 anni fa, il bikini dello stilista francese Thierry Mugler, le va stretto

Helena Christensen, nata a Copenaghen il 25 dicembre 1968 è una delle  supermodelle dei tempi d'oro: i mitici anni Novanta, quelli in cui i poster in camera erano delle top amate e venerate da tutti; quelli in cui non c'era  bisogno di essere troppo magre per essere belle, anzi, un corpo formoso e  tonico era indispensabile; quelli che ancora oggi tutti rimpiangono.

Un post condiviso da Helena (@helenachristensen) in data:

Di madre peruviana e padre danese, Helena Christensen è giunta sotto i  riflettori, vincendo il concorso di bellezza di Miss Danimarca nel 1986 e  rappresentando il suo Paese nel concorso Miss Universo 1986. Ma è nel 1991  quando compare nel video musicale della canzone Wicked Game di Chris Isaak che  Gianni Versace la nota e la "spedisce" in passerella - per la cronaca, il  videoclip filma la modella che corre seminuda tra le onde mostrando il suo  corpo statuario. È per l'amico pigmalione Gianni che il 22 settembre 2017 è  tornata a sfilare alla settimana della moda di Milano, per rendergli omaggio nel ventennale della sua scomparsa, insieme alle colleghe Carla Bruni, Claudia  Schiffer, Cindy Crawford e Naomi Campbell. E, dobbiamo ammetterlo, la danese (come anche le altre top) non ha davvero perso un briciolo di sensualità.

Un post condiviso da Helena (@helenachristensen) in data:

Occhi magnetici, zigomi pronunciati, labbra carnose e un fisico stratosferico.  Oggi come a 20 anni. Tanto che alla soglia dei 50, sono moltissimi i fotografi  di successo, tra cui Peter Lindbergh, Bruce Weber, Irving Penn e Herb Ritts,  che la acclamano per i loro set. A soli 22 anni guadagna la copertina di Vogue Uk, e da allora è un susseguirsi di copertine patinate e successi.

Un post condiviso da Helena (@helenachristensen) in data:

Christensen non è solo sinonimo di top model: dal 1999 al 2004 lascia le  passerelle per dedicarsi a suo figlio, avuto dall'attore Norman Reedus, poi  fonda una rivista, Nylon, che unisce due sue grandi passioni, la fotografia e  il design. Non è finita perché insieme a una sua amica storica apre a New York  un negozio di antiquariato e di abbigliamento, Butik Christensen & Sigersen,  ospitando esclusivamente desinger danesi. Helena è annche fotografa e cura un  progetto dedicato ai cambiamenti climatici pubblicato in un libro, Meltdown,  in cui mostra attraverso una serie di scatti le disastrose trasformazioni  della Terra. La top è attenta anche alla salute: ha ideato e lanciato la  campagna di beneficenza Fashion Targets Breast Cancer dove attraverso la  vendita di T-shirt create da celebri designer ha raccolto fondi per la Irish Cancer Society.

Un post condiviso da Helena (@helenachristensen) in data:

Oggi Helena Christensen indossa lo stesso costume in metallo con cui aveva posato nel 1991, e lascia senza fiato: si rimette in gioco per il magazine InStyle di agosto che celebra le donne dello showbiz che hanno raggiunto importanti obiettivi nella loro vita. Fotografata da Matthew Sprout, racconta che, in questo ultimo servizio come 27 anni fa, il bikini dello stilista
francese Thierry Mugler, le andava stretto.

Un post condiviso da Helena (@helenachristensen) in data:

Ma qual è il segreto della sua invidiabile silhouette? La pole dance, che  pratica cinque volte a settimana, ma anche il suo approccio olistico alla  bellezza e il dry brushing, ossia l'antica pratica di spazzolare il corpo per  accelerare il drenaggio linfatico e la circolazione sanguigna. Che da ora  proveremo tutte, c'è da scommetterci!

Un post condiviso da Helena (@helenachristensen) in data:

Scelti per te