Cosa fare se perdi i documenti all’estero

14 07 2016 di Giorgia Nardelli
Credits: Teresa Sdralevich

Chi ci è già passato lo sa: lo smarrimento (o il furto) del passaporto o della patente può mettere in crisi un viaggio di lavoro o una vacanza. Ecco cosa fare e a chi rivolgersi per limitare i danni e rientrare in Italia senza problemi

Prima di partire
Meglio essere previdenti. «Fai sempre una copia cartacea e una digitale dei documenti: faciliterai così, se ci sarà bisogno, la procedura per il rilascio di quelli provvisori» suggerisce Naiba de Bona, manager di Skyscanner Italia. «Fotografali con lo smartphone e poi inviateli per mail o copiali su una chiavetta Usb da portare sempre con te. Salva in digitale e segna su carta anche il numero dell’ambasciata o del consolato italiano nel tuo Paese di destinazione».

Passaporto: serve la denuncia
Se lo smarrisci o ti viene rubato nell’area Schengen, devi prima di tutto fare la denuncia alla polizia locale: con questa puoi proseguire il tuo viaggio e rientrare senza problemi a casa. Nelle nazioni extraeuropee devi invece farti rilasciare dal Consolato italiano (se non c’è, va bene anche quello di un altro Paese Ue) il documento di viaggio provvisorio (Etd). Informati comunque sempre sui documenti richiesti dalla compagnia aerea: alcune, come RyanAir, esigono l’Edt anche in Europa per rilasciare la carta d’imbarco. «Per avere il documento di viaggio provvisorio devi presentare al Consolato la denuncia di furto o smarrimento, due fototessera, un tuo documento (anche in fotocopia) oppure uno o più testimoni per l’accertamento della tua identità. Indispensabile anche un documento di viaggio (per esempio il biglietto aereo)» dice de Bona. Per info: esteri.it/mae/it/italiani_nel_mondo.

Patente: dove vale quella provvisoria
In alcuni Paesi puoi ottenere dal Consolato un documento sostitutivo che ti consenta di guidare, ma verifica: in Spagna e Germania, per esempio, la patente provvisoria non è riconosciuta dalle autorità, mentre in Francia sì. La maggior parte degli Stati, inoltre, non considera valide le licenze di guida provvisorie rilasciate da un altro Stato. Per conoscere le regole nei paesi Ue: europa.eu/index_en.htm, “Smarrimento e furto patente”.

Riproduzione riservata