donna-al-volante

Donna al volante, pregiudizio costante

  • 29 07 2022
Anche le donne pensano che le donne non sappiano guidare, ma è un pregiudizio. Come funziona? La mente prima identifica un’ipotesi e dopo “raccoglie” le prove a conferma di quella ipotesi

LE DONNE NON SANNO GUIDARE!» disse il carrozziere a mio nonno il giorno in cui lui gli portò, per farmi un favore, la mia auto a cui mio fratello aveva rifatto la fiancata. E lui gli rispose: «Non conosco nessuna donna che guidi meglio di mia nipote. E nemmeno nessun uomo». Il carrozziere dovette tacere. E chissà se, avendo una figlia, la cosa non lo abbia fatto riflettere.

Le donne non sanno guidare: la pensano così anche le donne

Che le donne non sappiano guidare è una convinzione diffusa, anche tra le stesse donne. I nostri automatismi mentali creano pregiudizi, che alimentano, e si alimentano, nei luoghi comuni. E un pregiudizio contiene più errori cognitivi, i cosiddetti bias.

Troppe ragazze senza patente

VEDI ANCHE

Troppe ragazze senza patente

Il pregiudizio comune è che tutte le donne non sappiano guidare

Partiamo dal più comune, il generalizzare: «TUTTE le donne non sanno guidare». Così associamo una caratteristica alla totalità delle donne (pure a me che invece guido da dio!) creando uno stereotipo. Basterebbe già iniziare a chiedersi: «Ma proprio tutte?!» per capire che sarebbe un errore di valutazione dare per scontato che qualunque donna non sappia guidare.

Patente, arriva l’esame in videocollegamento

VEDI ANCHE

Patente, arriva l’esame in videocollegamento

Se pensiamo che le donne non sappiamo guidare ignoreremo tutti i dati contrari

E poi, cosa intendiamo per “saper guidare”? La verità è che la mente applica un metodo inverso a quello scientifico: prima identifica un’ipotesi e dopo “raccoglie” le prove a conferma di quella ipotesi, scartando o ignorando le altre. Per capirci, se crediamo che le donne non sappiamo guidare, ignoreremo i dati che dicono il contrario, e presteremo attenzione solo agli errori commessi dalle donne. A nulla valgono i dati reali sugli incidenti, sulle infrazioni al codice della strada, sui premi assicurativi e così via. La mente umana non analizza oggettivamente la realtà.

Bonus patente 2022: cos’è e chi ne ha diritto

VEDI ANCHE

Bonus patente 2022: cos’è e chi ne ha diritto

Il pregiudizio è il pensiero che conferma la convinzione diffusa

Se stiamo guidando e una macchina gira senza mettere la freccia, noi ci innervosiamo, perché stavamo per andarle addosso. Ma questo è un bias, si chiama Errore fondamentale di attribuzione e scambia causa ed effetto per darci ragione: mica è colpa nostra che le eravamo troppo addosso, è l’altra auto che non ha messo la freccia! Poi vediamo che è una donna, e una vocina nella mente: «Ah, ecco…». Quel pensiero conferma la convinzione diffusa: «D’altronde le donne non sanno guidare» (questo è un bias di conferma e ti dà sempre ragione). Fosse stato un uomo, non avremmo pensato: «D’altronde, gli uomini non sanno guidare»!

di Francesca Vecchioni, Presidente della Fondazione Diversity e autrice del saggio Pregiudizi inconsapevoli

Le donne saudite potranno guidare, finalmente

VEDI ANCHE

Le donne saudite potranno guidare, finalmente

Riproduzione riservata