Adesso tocca a lui. È l'esito finale di un processo lento ma inesorabile, l'ultima evoluzione della specie: l'uomo oggetto. Sguardo vacuo e attributi in primo piano, sguaiato eppure affascinante, imperversa negli spot e sui cartelloni. E ora siamo noi a divertirci!

 

Riproduzione riservata