Evasione fiscale ed etica: Robin Hood insegna

19 06 2015 di Chiara Grandin
1991 --- L'attore americano Kevin Costner sul set di Robin Hood il principe dei ladri
1991 --- L'attore americano Kevin Costner sul set di Robin Hood il principe dei ladri
Per tutte quelle volte in cui abbiamo desiderato che arrivasse qualcuno a rispristinare l'ordine!

Ogni 16 giugno, al fatidico pagamento delle tasse, è inevitabile per me fare alcune riflessioni, e quest’anno mi è venuto spontaneo fare un paragone con il regno di Nottingham e Robin Hood (versione Disney) e con i suoi molti personaggi, sul concetto di etica e di evasione fiscale.

Se non conosci la storia ecco a te un breve riassunto: in una Inghilterra mediovale, in assenza di Re Riccardo (detto Cuor di Leone) il fratello, il Principe Giovanni, assume il comando della nazione tassando il popolo fino all’ultima goccia di sangue. Per contrastare questa ingiustizia si fa avanti il personaggio di Robin Hood, che ruba al ricco per sfamare il povero. Ecco a te alcune riflessioni ispirate a questa storia.

#RIFLESSIONE 1 -
Alcuni dei pensieri che stanno dietro l’evasione fiscale divisi per personaggi


Sei un ROBIN HOOD?


I Robin Hood, spesso, lavorano in nero (in toto o in parte) perchè la pressione fiscale è talmente alta che ritengono che questa sia l’unica strada che garantisce loro la sopravvivenza. A volte, non sempre, sono quelli che rischiano tutto per cambiare le cose, ma lo fanno con la rabbia nel cuore. Sono quelli che credono che bisognerebbe andare a pescare nelle tasche dei pesci grossi per tornare a sfamare i pesci piccoli. Come dare loro torto? I Robin Hood, sono i ribelli, ma spesso nel permanere nella loro condizione di Robin Hood, non riescono a rendersi conto, che il loro agire contro il sistema, alla lunga colpisce anche loro. A volte dimenticano cose semplici come il fatto che oggi in Italia decine di mamme stanno partorendo assistite senza sborsare 10.000 euro, come accade in altri paesi tipo gli USA, perché qualcuno nonostante tutto ha deciso di versare le tasse per sostenere i servizi pubblici, di cui ciascuno usufruisce.

 

Sei uno SCERIFFO DI NOTTHINGAM?


Gli Sceriffi, sono quelli che hanno un lavoro in "bianco" di cui pagano regolarmente le tasse, e che poi hanno un secondo lavoro totalmente in nero. L’idea che sta dietro questo spesso è: “In fondo quello che devo allo Stato è già molto, e il resto me lo tengo per me”. Come dare torto anche a loro? Eppure gli Sceriffi, che solitamente sono persone intelligenti, fanno presto a rinchiudersi nel loro piccolo orticello di tornaconti personali, usando la loro inventiva più che per il bene del sistema per il bene proprio.

 

Sei un FRA TAC?


I Fra Tac sono quelli che si rendono perfettamente conto dell’ingiustizia del sistema, e con i mezzi (spesso pochi) che hanno ha disposizione cercano costantemente di tamponare i danni e aiutare chi è in difficoltà. Spesso vivono con il minimo indispensabile certi che il denaro sia la causa di tutti i mali, mentre in realtà è la cattiva gestione di esso ad esserlo. I Fra Tac sono fondamentali ma non sufficienti.

 

Sei un PRINCIPE GIOVANNI?


Questi sono gli ingordi che Dante avrebbe messo in uno dei gironi peggiori del suo Inferno. I Principe Giovanni, sono quelli che guardano costantemente al proprio tornaconto personale, quelli che credono che salvandosi loro, tutto andrà bene. Quelli che creano leggi per combattere l’evasione fiscale e sono i primi a farla. Quelli che creano il cavillo ad hoc per permettere di salvarsi nel caso venissero scoperti. Quelli che quando fanno “nero” si fingono dei Robin Hood, ma che poi hanno la doppia casa pagata con tutti i soldi che hanno evaso. Sono i politici che usano il bottino raccolto per rimborsi spese fasulli come cene lussuose per scopi personali. Come non desiderare che facciano una brutta, bruttissima fine? Eppure, persino queste persone hanno la possibilità di svegliarsi e tornare a fare la cosa giusta.

 

... Oppure SEI IL QUINTO PERSONAGGIO?


All’interno della storia di Robin Hood, troppo spesso mi scordo che esiste anche un quinto personaggio: RICCARDO CUOR DI LEONE, ovvero colui il quale rimette le cose nel loro giusto ordine con equità e saggezza.

I Riccardo Cuor di Leone, sono quelli che portano giustizia con fermezza e lucidità. Sono quelli che si rendono conto che il sistema è corrotto e sistemano le cose usando tutto il potere che hanno per farlo: danno una pacca sulla spalla ai Robin Hood e li fanno sedere al loro fianco come consiglieri, ringraziano i Fra Tac, ravvedono gli Sceriffi, e fanno scontare la giusta punizione ai Principe Giovanni.

 

#RIFLESSIONE 2


Albus Silente a un giovane Harry Potter dice “verrà presto il tempo in cui dovremo scegliere tra ciò che è comodo, e ciò che è giusto”. Non ha importanza chi tu sia in questo momento. Puoi sempre in ogni momento scegliere chi sarai d’ora in avanti. Essere un Riccardo Cuor di Leone, di certo non è comodo eppure è l’unica strada che alla lunga sarà sostenibile.

Cara ragazze e ragazzi di ogni età, so che questo post, potrebbe dare adito a molte polemiche ed obiezioni: sentitevi liberi di commentare, sfogarvi e anche inveire (nei limiti della decenza).

Una volta fatto questo tuttavia, il mio invito è quello di guardare in direzione di ciò che è giusto partendo da quello che chiunque di noi può fare e cogliere il messaggio più importante, ovvero creare un futuro sostenibile oltre il tornaconto personale… AVANTI TUTTA!

Chiara Grandin,

Italiana, Veneziana, Cittadina del mondo, moglie, figlia, sorella, life coach, scrittrice, ma soprattutto DONNA che crede ancora nella parte migliore delle persone e nel fatto che tutti possiamo svegliarci e creare un GIOCO DI VITA sostenibile

Riproduzione riservata