ragazza con tablet

Reputazione digitale: il decalogo contro il bullismo

Una nuova guida web con le regole per condividere immagini, video e contenuti sui social network in modo corretto, anti bullismo ma non solo 

Una guida web per mettere in guardia i più giovani sui rischi che si possono correre sui social, accomunando messaggi, foto e contenuti senza riflettere e senza pensare alle conseguenze. Si chiama "Pensa, prima di condividere” ed è stata messa a punto da Facebook, Media smarts, il Dipartimento per la giustizia minorile e l'istituto Ifos.

“Il tema centrale è quello della ‘identità virtuale’, alla quale si lega la ‘reputazione digitale’" spiega il coautore dell’adattamento dall'originale canadese, Luca Pisano, psicologo e psicoterapeuta di Ifos. "Ciò che postiamo, compresi gli insulti e le denigrazioni online, dice quello che siamo e ci racconta. Però non tutti e non sempre ne siamo consapevoli. Pubblichiamo sui social la prima cosa che ci viene in mente senza riflettere, in modo emotivo e impulsivo, presi dal ‘tutto e subito’. Occorre colmare questo deficit di autoconsapevolezza, partendo dai più giovani. La prevenzione comincia da loro’”.

Ecco il DECALOGO per i ragazzi (ma non solo) suggerito dagli esperti

1. Calmati prima di condividere

Quando pubblichi qualcosa su di te, tieni presente che potrebbe diventare facilmente accessibile a tutti e quindi anche alle persone con cui non desideravi condividere quel contenuto. Ricorda inoltre che non è una buona idea condividere qualcosa quando stai vivendo emozioni forti come la rabbia, la tristezza o l’euforia. Bisogna calmarsi, prima, così da poter decidere razionalmente se si tratta di una mossa giusta.

2. Fatti 3 domande prima di schiacciare ‘pubblica’

Prima di scrivere o condividere un post, sono tre le domande da rivolgere a se stessi.

-Voglio che le persone mi vedano in questo modo?

-Questo contenuto mi darebbe fastidio se fosse condiviso con altre persone?

-Qual è la cosa peggiore che potrebbe succedere se lo condividessi?

3. Prima di condividere chiedi il parere degli altri

Nella maggior parte dei casi, quando gli amici ti inviano qualcosa, sono d'accordo se condividi quel contenuto con altre persone. Se però non ne sei convinto, pensaci due volte prima di farlo. Per essere ancora più certo, chiedi alla persona se le dispiace se condividi ciò che ti ha inviato. Vale lo stesso se stai condividendo foto o video in cui sono presenti altro soggetti: chiedi il permesso di taggarli e ripubblicare o diffondere” messaggi e altro.

4. Prima di condividere o postare fai sbollire la rabbia

Se hai condiviso qualcosa che non dovevi innanzitutto domanda alle persone cui hai inviato quel contenuto di non diffonderlo. Se qualcun altro ha pubblicato qualcosa che gli hai mandato, chiedigli subito di eliminarlo. Il più delle volte funziona. Non fare nulla quando sei arrabbiato, prenditi del tempo per far sbollire la rabbia e, se puoi, parla direttamente con la persona interessata per trovare una soluzione”.

5. No alle vendette

Qualsiasi cosa accada non vendicarti, perché peggioreresti quasi sicuramente la situazione. Meglio chiedere aiuto, se si finisce in una situazione critica o ambigua, a un adulto fidato: i genitori, un professore o un consulente della scuola (psicologo, pedagogista, educatore). E se si resta vittima di un reato, non c’è che una strada: denunciare.

6. Pensaci bene prima di condividere un'immagine: non si cancellerà mai

Bisogna essere prudenti anche con le immagini e riflettere bene prima di metterle in comune sui social. "Alcune persone pensano che condividere una foto sexy o di nudo con una ragazza o un ragazzo, o con qualcuno che sperano diventerà il loro fidanzato, sia una dimostrazione di amore e fiducia”. Potrebbe non essere affatto così. Anzi. Si rischia di arrivare a conseguenze estreme, irrimediabili. “Un'immagine – rammentano i curatori della guida -può durare molto più a lungo di una relazione. Se qualcuno ti chiede di condividere dei contenuti, e a te non va, hai il diritto di rifiutare. Nessuno che ti ama o ti rispetta fa pressioni o ti minaccia”.

E poi, tieni presente che un'immagine rimossa può rivivere attraverso lo screenshot. La rimozione richiede due secondi, ma non è per sempre. Alcuni siti di social network o applicazioni promettono di eliminare automaticamente le immagini o i video dopo una visualizzazione di qualche secondo. Ma non è sempre così scontato. Ad esempio – cosa alla quale in genere non si pensa - chi visualizza l'immagine potrebbe catturarla con uno screenshot. E allora addio cancellazione definitiva, oblio e tranquillità.

7. Non condividere le password

A volte gli amici condividono le password quando sono in buoni rapporti, purtroppo ciò può trasformarsi in un incubo. Meglio non farlo, dunque.

8. Chiediti se la persona presente in un'immagine o in un video ha piacere che tu lo condivida

“Se qualcuno condivide con te qualcosa in cui è presente qualcun altro, chiediti: la persona che mi ha inviato il contenuto voleva che fosse condiviso? Aveva il permesso della persona presente nel video, nella foto o nella chat? Come mi sentirei se qualcuno condividesse contenuti simili in cui sono presente?”.

9. Non condividere gli scherzi 

Se i contenuti possono mettere un tuo amico o conoscente in cattiva luce, imbarazzarlo o ferirlo, non condividerli. La persona probabilmente te li ha inviati per scherzare, ma gli scherzi possono essere davvero poco divertenti se arrivano alla persona sbagliata.

10. Rimedia al tuo errore

Può succedere di commettere un errore. "Ma a tutto o quasi c’è rimedio" commenta il dottor Pisano. "A ragazzi e adulti può capitare di fare scelte sbagliate. L’importante è sapere che rimediare si può e che si deve dare il massimo per farlo".

Contro il bullismo la nuova privacy a scuola

VEDI ANCHE

Contro il bullismo la nuova privacy a scuola

Non bulli ma criminali. E la legge che li punisce c’è già

VEDI ANCHE

Non bulli ma criminali. E la legge che li punisce c’è già

Riproduzione riservata