Donna occhiali ufficio computer

Il potere dei cattivi esempi

L'editoriale di Annalisa Monfreda

Da un certo punto in poi della mia vita professionale, mi sono ritrovata a parlare, a ispirare, addirittura a insegnare come fare il capo. È successo involontariamente. Alcune riflessioni affidate al web sui miei errori e su come li avevo corretti, ed eccomi trasformata nella testimonial perfetta della nuova leadership dentro aziende di ogni tipo e davanti ai pubblici più disparati. Al principio, come sempre, la circostanza mi ha lusingata e per qualche tempo pure annebbiata. Impedendomi di vedere che la mia vita quotidiana non era mai all’altezza di ciò che raccontavo. Quando mi è stato chiaro che continuavo a fare errori e che il benessere del team non è mai qualcosa di puntellato in partenza da buone pratiche e sani principi, ma un equilibrio che si ricostruisce ogni mattina e che si alimenta costantemente, mi sono sentita più che mai un’impostora su quei palchi. Che però non ho mai smesso di frequentare, a capo chino e con sempre minore convinzione.

Da qualche settimana è uscito un libro sui pessimi capi la cui lettura - temutissima - mi ha sorprendentemente riconciliato con quel costante senso di inadeguatezza che mi attanaglia. E non solo perché l’autrice, Domitilla Ferrari, chiarisce che i cattivi esempi sono più utili dei buoni ai fini dell’apprendimento (amara consolazione!). Ma perché, catapultata dalla lettura nel caleidoscopico universo dei leader fallimentari, ho capito che è praticamente impossibile non esserlo stato almeno per un giorno. E probabilmente non smetteremo mai di avere momenti da pessimo capo da qui all’eternità. Ma possiamo sicuramente tenerci alla larga dalla caratteristica strutturale e universale del pessimo capo, ovvero colui che «non impara, non cambia, non innova, ma trama per far restare tutto com’è. Anche se stesso».

Continueremo a seminare errori, è inevitabile. L’importante è che ciò avvenga lungo il cammino, nel tentativo di cambiare e di essere all’altezza di questi tempi incerti. Si sbaglia, ci si corregge, si prende una nuova strada. Come in tutto, nella vita.

Leggi tutti gli editoriali di Annalisa Monfreda

Come riconoscere un pessimo capo. E sopravvivergli

VEDI ANCHE

Come riconoscere un pessimo capo. E sopravvivergli

Cos’è lo “Stem gap” e come combatterlo

VEDI ANCHE

Cos’è lo “Stem gap” e come combatterlo

Riproduzione riservata