PewDiePie: dai videogame agli aforismi

PEWDIEPIE: DAI VIDEOGAME AGLI AFORISMI

All’anagrafe Felix Kjellberg, è nato in Svezia, ha 26 anni ed è specializzato in recensioni “comiche” dei videogame. Si è trasferito nel nostro Paese per amore di Marzia Bisognin che, col nome di CutiePieMarzia, è la vlogger (video blogger) italiana più famosa.

I suoi numeri  Ha oltre 42.000.000 di iscritti al propro canale e a settembre ha frantumato tutti i record toccando i 10 miliardi di visualizzazioni totali: nessun altro youtuber al mondo aveva mai raggiunto una cifra simile. Si dice che il suo “stipendio” dell’anno scorso si aggiri attorno ai 12.000.000 di euro.
La sua filosofia  È appena uscito Questo libro ti ama (Piemme), una raccolta di massime e aforismi accompagnati dai disegni dello stesso autore. Un esempio? «Non puoi fallire, se non ci provi».
Perché piace  «Si presenta come un ragazzo qualunque cresciuto su YouTube, uguale a quelli che lo guardano, tanto da diventare quasi un amico: parla la stessa lingua di chi ha di fronte, e di lui è questo che conquista» osserva Lorenza Castagneri, giornalista de La Stampa esperta di nuovi media

Le star del web: ecco i nuovi youtuber

Sono giovani, carini e super amati. Hanno meno di 30 anni, nomi buffi, contratti d’oro. Influenti? Be’, vantano cifre da record sui social. Creativi? Altroché: dalla Rete passano ai libri e alle fiction. Scopri i più seguiti dai teenager

PewDiePie, Willwoosh, Albericoyes, Benji & Fede. Ne hai sentito parlare, ma su di loro non hai le idee chiarissime? Sono gli Youtuber più amati dai teenager. Fenomeni nati sul web che ora scrivono libri, fanno serie tv, interpretano film, incidono dischi. Per la generazione digitale, figlia di YouTube e della PlayStation, sono un modello da seguire e da imitare. Per le mamme e i papà qualcosa da scoprire e capire.

«YouTube ha definitivamente abbattuto la distanza che esisteva con gli altri media» osserva Guido Nicolosi, docente di Sociologia della comunicazione all’università di Catania. «Gli adolescenti percepiscono questi personaggi come figure vicine, sincere, capaci di esprimere le loro stesse emozioni. Hanno l’impressione che si rivolgano personalmente a ognuno e lo facciano sentire speciale. Non solo: apprezzano il fatto che siano nati dal basso, senza bisogno di raccomandazioni. Pensano: “Allora ci posso riuscire anche io”. Questi Youtuber hanno anche un altro punto di forza: raccontano la propria realtà di tutti i giorni mettendola in diretta relazione con quella dei fan dall’altra parte dello schermo».

Chi sono le star più seguite oggi? Eccole.

Guglielmo Scilla, il fenomeno di Youtube ora in tv con la fiction Baciato dal sole

VEDI ANCHE

Guglielmo Scilla, il fenomeno di Youtube ora in tv con la fiction Baciato dal sole

Albericoyes: da bambino timido ad amico autentico

Nato a Bari a 17 anni Alberico De Giglio è il più giovane tra le “Youstar”. Ha aperto il suo vlog a soli 11 anni: oggi lo usa anche per raccontare come si può sopravvivere al bullismo (di cui lui è stato vittima da piccolo). È il più amato dalle teenager.

I suoi numeri  Sono quasi 50 i milioni di visualizzazioni raggiunti dal suo canale. In uno dei suoi ultimi video dichiara: «Scusate se ultimamente non sto postando: non riesco a star dietro a tutto quello che mi sta succedendo».
La sua filosofia Ha scritto il libro YouDream (Mondadori Electa), nato «per raccontarvi chi sono: la mia vita di oggi, ma anche tutto quello che mi ha fatto diventare la persona che sono». E grazie a questa “filosofia” ha superato in classifica i bestseller di Fabio Volo e Nicholas Sparks.
Perché piace  «È sicuro di sé e un po’ sbruffone: tratto tipico di chi, come lui, appartiene alla seconda generazione di Youtuber che sono più consapevoli del mezzo, hanno esempi a cui ispirarsi e spesso anche agenti che li seguono. Alberico, però, continua a girare e montare i suoi video da solo, senza perdere in autenticità» nota Lorenza Castagneri de La Stampa.

Willwoosh: da comico fai-da-te ad attore

Guglielmo Scilla è nato a Roma 28 anni fa. Ha aperto il suo canale a Capodanno del 2008, ottenendo un successo tale che lo ha portato a girare diversi film (10 regole per farla innamorare, Fuga di cervelli), condurre trasmissioni in radio (A tu per Gu su Radio Deejay) e scrivere romanzi (il thriller L’inganno della morte edito da Kowalski).

I suoi numeri  È stato il primo italiano a fare il boom su YouTube. Oggi vanta più di 700.000 iscritti e quasi 90 milioni di visualizzazioni totali.
La sua filosofia  Ha appena debuttato come protagonista della fiction Baciato dal sole, storia di un giovane showman con molti segreti. Non sono mancate le critiche, ma lui dice: «Parla di un ragazzo di successo, ma soprattutto di ciò che nasconde dietro la sua maschera». Che sia un riferimento autobiografico?
Perché piace «Le ragazze lo considerano dolce e carino, i maschi simpatico e alla mano: insomma, mette tutti d’accordo. E soprattutto è capace di rivelare le mille complessità della sua generazione, come dimostra anche nella fiction tv» spiega Lorenza Castagneri de La Stampa.

Benji e Fede: da cantanti sul web a ospiti di Sanremo

Benjamin Mascolo e Federico Rossi, entrambi modenesi, hanno 22 e 21 anni, e già da 5 sono il duo italiano più seguito in Rete. A ottobre hanno pubblicato il primo album con una major discografica, la Warner Music Italy: si chiama 20.05, come l’orario del primo messaggio in cui Fede chiedeva a Benji di suonare insieme.

I loro numeri Sono i re del teen-pop italiano su YouTube: il video di Lettera conta 4 milioni di visualizzazioni. La loro pagina fan su Facebook è vicina ai 500.000 “mi piace”. Hanno anche scritto Vietato smettere di sognare (Rizzoli).
La loro filosofia  Dopo essere arrivati sul palco dell’Ariston come supporter dell’ex cantante dei Dear Jack Alessio Bernabei, ora sono in tour per l’Italia. E puntano sempre più in alto.
Perché piacciono  «Agli arrangiamenti freschi e originali aggiungono il fatto di aver creato da soli la propria popolarità, senza passare da nessun talent show come spesso accade oggi. Il che li rende pressoché unici nel panorama italiano» dice Lorenza Castagneri de La Stampa.

Riproduzione riservata