Estate: Viabilità Italia, traffico intenso

Vacanze 2016, traffico: consigli per le partenze estive

Sei in procinto di partire per le ferie estive? Attenta: sono previsti flussi di traffico da record per il primo sabato di agosto, giornata clou del Grande Esodo per le vacanze. Consulta calendario delle partenze e non dimenticare i consigli per una guida sicura

Sarà il 6 agosto, il primo sabato del mese in arrivo, la data più critica per milioni di vacanzieri italiani in partenza in macchina, in moto o in camper e per l'esercito di stranieri diretti verso i luoghi cult del nostro Paese. I previsori del traffico temono una giornata campale, da "bollino nero".

L'Anas annuncia il rischio di collasso della circolazione "solo" per la mattinata. Per Autostrade per l'Italia il black colorerà anche il pomeriggio e la serata, sempre del 6. I bollini rossi contraddistinguono invece l'ultimo week end di luglio e il secondo sabato di agosto, caratterizzati da possibili intasamenti e rallentamenti sulle arterie che collegano le grandi città con le località di mare e di montagna più gettonate, in direzione andata. Poi bisognerà fare attenzione alle date hot per i rientri.

Ecco i calendari con le date hot
I calendari con le scale cromatiche del Grande Esodo on the road si possono consultare sui siti di www.stradeanas.it e www.autostrade.it, dove sono segnalate anche le tratte più battute, come l'asse Milano-Ancona, lo snodo di Bologna, la Roma-Frosinone. Oltre che sui portali, informazioni utili e suggerimenti si trovano sui nuovi canali social dell'Anas (Facebook.com/stradeanas e due account Twitter @stradeanas e @VAIstradeanas) dedicati all`esodo, sul servizio Vai (Viabilità Anas Integrata) e sulla app VAI Anas Plus, scaricabile gratuitamente in App store e in Play store. In più c'è il numero unico 800.841.148.

Bollettini anche sui social
Autostrade per l'Italia, presente su Fb e su Youtube, propone bollettini del traffico aggiornati in tempo reale, news, allerte sugli eventi critici in corso e immagini in diretta riprese dalle web cam poste in punti cruciali della rete in gestione. Ci sono poi i canali "classici" : televideo, Cciss viaggiare informati (numero gratuito 1518, sito web www.cciss.it e mobile.cciss.it, applicazione per i-phone), Isoradio (www.isoradio.rai.it) e i notiziari Ondaverde Rai.

Buon senso e attenzione
Non mancano, in tutti i siti, i consigli per una guida sicura. Sono sufficienti il buon senso e qualche accortezza, in concreto, per evitare tamponamenti, carambole, insidie, imprevisti. Prima della partenza, suggerisce l'Anas, "controllare l'efficienza del veicolo con cui si affronta il viaggio e verificare il livello di olio del motore, olio dei freni e acqua nel radiatore". Una volta per strada, "continuare ad ascoltare i bollettini sul traffico, prestare attenzione ai pannelli con i messaggi variabili e fare soste di almeno 15 minuti, evitando pasti abbondanti e l'assunzione di bevande alcoliche".

Occhio ai più piccoli
In auto "dare il buon esempio allacciando le cinture di sicurezza e facendole usare a tutti gli altri occupanti; adagiare i più piccoli su ovetti e seggiolini assicurandosi di aver chiuso correttamente i sistemi di ancoraggio; tenere sempre in macchina qualche gioco per distrarre i figli; durante il viaggio non affidare mai i bambini alle braccia di un adulto; tenere sempre acqua a sufficienza per tutti i passeggeri".

I nemici: sonno e smartphone
Girolamo Lacquaniti, dirigente della Polizia stradale di Verona, altro snodo caldo, aggiunge suggerimenti meno scontati. "Non basta testare la macchina o la moto - ripete -. Prima ancora dobbiamo controllare noi stessi. Mi spiego. Per guidare bisogna essere in buona forma fisica. Mettersi al volante stanchi è come farlo da ubriachi. Si rischia di provocare una strage".

Se si prendono medicine, incalza l'esperto in divisa, "leggere bene il bugiardino e, in caso di effetti collaterali che interferiscono con attenzione e prontezza di riflessi, rinunciare a guidare". Se si decide di partire di notte, per trovare meno traffico, "dormire a lungo, riposarsi bene". Il sonno non è il solo nemico. "L'esperienza ci dimostra che gli incidenti più gravi succedono per la stanchezza e per l'uso del cellulare mentre si guida. Con la dilagante mania del Pokémon Go - conclude - temo che la situazione non potrà che peggiorare".

Vacanze all’estero in auto: occhio a divieti e multe

VEDI ANCHE

Vacanze all’estero in auto: occhio a divieti e multe

Trenitalia cambia le regole per i biglietti

VEDI ANCHE

Trenitalia cambia le regole per i biglietti

Riproduzione riservata