Scatena la pin up che è in te

18 05 2015 di Alessandra Appiano

Care amiche di salvataggio, se ai soliti, inconcludenti dibattiti  sulla incomprensione tra maschi e femmine gli esperti di turno cercassero delle risposte davvero esaustive,  emergerebbe un dato inconfutabile: riguardo ai desideri, gli adulti non si raccontano mai la verità. Un esempio illuminante? Se è vero che gli uomini  si sdilinquiscono al cospetto di simil Betty Page,  è altrettanto vero che le donne spenderebbero capitali per essere ritratte (e poi appese al muro) in versione migliorativa, in un tripudio di reggicalze e di bustini con reggiseni a cuore . Le ragazze sanno benissimo che gli uomini se ne fregano della classe e dell’intelligenza, e che per accontentarli  basta poco, per esempio taroccarli senza pietà.  Per ottenere il massimo dei voti è meglio mettersi in posa, altro che in luce: la coscia di traverso, il tacco che slancia, la calza che assottiglia, il push up che innalza. Insomma, sarebbe così semplice andare d’accordo, regalandosi  un sano giretto in un negozio di lingerie, e invece si sbadiglia assieme ai film d’essay.  Ancora: i maschi si affannano a sostenere che aborrono le tettone per poi comperare di nascosto tutti i calendari delle surrogate pin up in circolazione; le femmine si autoconvincono di essere chic con certe orride mise minimal, genere saio da monaco trappista. Comunque, basta immaginare come sarebbe stata sexy la divina Marylin Monroe con certe brache sbrindellate: dal basso della sua statura di tappa, dall’alto dei suoi chili di troppo,  ha fatto innamorare tutti, sempre in abiti svolazzanti o strizzanti, camminando traballante sulle sue scarpette di raso tacco dodici. Quindi, senza tentare di emulare l’impareggiabile Marylin, cerchiamo almeno di trovare alcune regole di  facile applicazione.



Regola numero 1


Le vostre misure sono sempre e tassativamente 60 di vita, 86 di fianchi e 90 di seno. Vi sembrano improbabili, vista la vostra taglia over 44? Consolatevi pensando che tutte le pin up nostrane sbandierano le stesse misure, comprese quelle formato magnum come Valeria Marini.



Regola numero 2


Se siete troppo piccole includete nella vostra altezza i centimetri delle vostre  scarpe  con tacco, che indosserete anche per andare a dormire (del resto ogni donna di spettacolo, anche la più nanerottola, dichiara di essere alta un metro e settanta).



Regola numero 3


La vostra età ondeggia sempre tra i venticinque e i trentacinque anni, non supera mai i trentotto e comunque è vaga come il numero degli ex amanti. Se non sentite la necessaria leggerezza esistenziale per ostentare mossette da fresca pin up, visualizzate tutte le tardone che non mollano l’osso della civetteria, tipo Sandra Milo.



Regola numero 4


La coerenza non è più una qualità, e non solo politicamente. Se dopo aver lottato per l’emancipazione tout court vi sentite ridicole a usare gli stessi mezzi della vostra compagna di scuola più somara (quella che è diventata famosa e ha impalmato un tot di milionari), fate mente locale sulla folla di pin up di ritorno. E ricordate sempre che la bellezza non è d’obbligo. Se passa per sexy Stefania Pezzopane, volete non passare per pin up proprio voi?

Riproduzione riservata