Scuola, il calendario e le novità

Parte la Lombardia il 5 settembre, poi a ruota tutte le altre Regioni, tra l'11 il 15 settembre. Ecco le date di inizio Regione per Regione e le novità di quest'anno

Sui banchi solo se vaccinati

Da quest'anno scatta l'obbligo delle 10 vaccinazioni indicate dal ministero per poter essere iscritti a scuola. Ma la legge prevede un periodo di transizione. Circa il 10% degli alunni infatti non è pienamente coperto dalla profilassi e si tratta di numeri alti perché tutti possano adempiere entro le prossime settimane: nella fascia d'età che frequenterà la materna sono circa 200mila i piccoli non sottoposti a profilassi, 300mila alle elementari, poco meno di 200mila alle medie e 150 mila alle superiori. Entro il 10 settembre per i nidi si deve presentare la relativa documentazione o l'autocertificazione (da completare con la documentazione entro marzo) oppure copia della prenotazione dell'appuntamento all'Asl.

Manca il personale

I Sindacati denunciano la mancanza di personale in varie Regioni: In Lombardia mancherebbero ancora all’appello 1.400 insegnanti di sostegno e almeno 500 bidelli, in Veneto  almeno 2000 figure tra insegnanti, assistenti, segretari e presidi. Questo nonostante lo sblocco delle assunzioni effettuato dal Ministero: 51.773 cattedre, 6.260 unità di personale Ata e 259 dirigenti scolastici.

Il liceo in 4 anni

Parte da quest'anno la sperimentazione del liceo quadriennale: le scuole possono fare domanda e presentare dei progetti ad hoc. Cento saranno selezionate per sperimentare la didattica innovativa che permetterà di risparmiare un anno. Alcuni punti fermi; una materia (non linguistica) sarà trattata e studiata in inglese, il numero massimo di alunni sarà 25 per classe, l’alternanza scuola lavoro si svolgerà durante le vacanze.

Diminuiscono gli studenti

Negli ultimi tre anni la scuola ha perso 100mila studenti. Quest'anno saranno 33mila meno del precedente. Un calo che, secondo l'Istat, è il trend anche dei prossimi anni. La causa? L'inarrestabile diminuzione del tasso di natalità tra gli italiani e la stabilità tra gli immigrati che invece, fino a qualche anno fa, crescevano.

I presidi si ribellano

I presidi boicottano la cosiddetta "chiamata diretta", uno dei fiori all'occhiello della Buona Scuola, cioè la possibilità di scegliere, sulla base dei criteri decisi dal Collegio dei docenti, gli insegnanti che completeranno l'organico della scuola. Lo scorso anno, infatti, è stato un flop: dopo avere nominato i docenti sono intervenute le assegnazioni provvisorie col risultato che molti dei nominati sono stati trasferiti in altre scuole. Un lavoro inutile e tante scartoffie burocratiche. Tra l'altro, il carico di lavoro dei dirigenti scolastici, negli ultimi 5 anni, è aumentato del 20% per l'accorpamento di molti istituti. A fronte di uno stipendio invariato.

Gli insegnanti chiedono più soldi

Quelli delle primarie chiedono uno stipendio equiparato ai colleghi europei. "Per insegnare occorre la laurea, abbiamo specializzazioni e master, al concorso ci chiedono competenze di informatica e di inglese. Eppure valiamo di meno in busta paga dei colleghi che insegnano alle medie, alle superiori e in università: non è giusto" si legge nelle petizioni online che hanno raccolto in pochi giorni migliaia di firme.

Il calendario dell'inizio scuola

Provincia di Bolzano - 5 settembre 2017

Trentino Alto Adige – 11 settembre 2017

Piemonte – 11 settembre 2017

Friuli Venezia Giulia - 11 settembre 2017

Provincia di Trento - 11 settembre 2017

Abruzzo – 11 settembre 2017

Basilicata – 11 settembre 2017

Lombardia -12 settembre 2017 (5 settembre per la scuola dell’infanzia)

Veneto - 13 settembre 2017

Molise - 12 settembre 2017

Umbria - 13 settembre 2017

Valle D’Aosta – 14 settembre 2017

Liguria – 14 settembre 2017

Campania - 14 settembre 2017

Calabria – 14 settembre 2017

Sicilia - 14 settembre 2017

Sardegna – 14 settembre 2017

Emilia Romagna - 15 settembre 2017

Toscana - 15 settembre 2017

Marche – 15 settembre 2017

Lazio - 15 settembre 2017

Puglia – 15 settembre 2017

Le lauree che ti danno uno stipendio alto

VEDI ANCHE

Le lauree che ti danno uno stipendio alto

Laurea in matematica lavoro assicurato

VEDI ANCHE

Laurea in matematica lavoro assicurato

Riproduzione riservata