giappone terremoto 4 cover

Terremoto in Giappone, le foto

Il Sol Levante sta vivendo il suo più grande incubo dopo Hiroshima e Nagasaki. Un violento terremoto venerdì scorso ha devastato il Paese, innescando un  terribile tsunami sulla costa nordorientale che ha portato morte e distruzione. Sale il bilancio delle vittime mentre sempre più alto il rischio nucleare. Viviamo il dramma nipponico in foto, tra macerie ancora fumanti, sopravvissuti disperati, soccorritori con un filo di speranza...

Terremoto in Giappone: i precedenti nel mondo

Giappone, l'incubo più grande dopo Hiroshima

Il Giappone vive il suo più grande incubo dopo Hiroshima e Nagasaki. Il terremoto di magnitudo 9 della scala Richter venerdì scorso ha devastato il Paese, innescando un terribile tsunami sulla costa nordorientale. E la previsione di vittime nella sola prefettura settentrionale di Myiagi è infatti di almeno 10.000 morti . "Non ho dubbi che si raggiungerà questa cifra", ha detto il capo della polizia locale.

(Nella foto una donna cerca tra le macerie della sua casa distrutta ad Ofunato)

Giappone, dopo il terremoto il rischio nucleare

Sono saltate, anche, tutte le previsioni sul rischio nucleare. Emerge che i reattori di Fukushima non erano stati costruiti per reggere a una scossa oltre magnitudo 8. Oltre ai guai al reattore 1, il sistema di raffreddamento ha fallito nel reattore 3, nel quale è stata avvertita recentemente un'esplosione, e nei due reattori nucleari potrebbe essere avvenuta la fusione.
Seguiamo il dramma del Giappone in foto.

(Nella foto una nave sul tetto di un palazzo a Otsuchi, prefettura di Iwate, Giappone settentrionale)

Soma, in lacrime davanti alla casa in macerie

Soma, prefettura di Fukushima, una donna si asciuga le lacrime vedendo che nulla rimane della sua casa, il 14 marzo.

Soma, tra le macerie chiamando i famigliari dispersi

Soma, prefettura di Fukushima, una donna chiama il nome di un famigliare disperso, il 14 marzo.

Toyoma, in lacrime cercando tra macerie

Una sopravvissuta della città di mare Toyoma, nel nord del Giappone, si asciuga le lacrime in una pausa nella ricerca tra le macerie di casa, il 14 marzo, a tre giorni dal violento terremoto e dal conseguente tsunami che ha colpito la costa nordorientale.

Soma, seduto sul luogo dove lo tsunami ha ucciso i vicini

Soma, nella prefettura di Fukushima, Atsushi Shishido, 30 anni, siede laddove lo tsunami ha spazzato case e ucciso i suoi vicini, il 14 marzo. Sua nonna di 87 anni si è invece salvata.

Minamisanriku, sopravvissuti camminano tra le macerie

Sopravvissuto camminano sulle rovine della città di Minamisanriku, nella prefettura di Miyagi, Giappone del nord, il 13 marzo, a due giorni dai devastanti terremoto e tsunami.

Ishinomaki, a tre giorni dal sisma salvata una bimba di 4 mesi

Un militare sorride dopo aver salvato una bambina di quattro mesi a Ishinomaki, nel nord del Giappone, il 14 marzo, tre giorni dopo il potente terremoto e il successivo tsunami innescato che ha colpito la costa orientale del Paese.

Yamamoto, genitori distrutti accanto all'auto della figlia morta

Eiji Kanno e sua moglie Matsuko accanto all'auto di scuola guida distrutta di sua figlia di 18 anni, Mizuki, dichiarata ufficialmente morta a Yamamoto, a sud di Sendai, prefettura Miyagi, Giappone settentrionale, 12 marzo 2011.

Toyoma, vittime tra le macerie

Toyoma, Giappone del nord, la mano di un uomo morto tra le barriere di cemento del mare.

Minami Sanriku, sopravvissuti camminano tra la devastazione

Alcuni abitanti camminano in una zona devastata di Minami Sanriku, nel settentrione della prefettura di Miyagi, il 14 marzo.

Kawamata, controllo medico contro le radiazioni nucleari

Personale medico controlla una madre e suo figlio e la loro esposizione alla radiazione nel paese di Kawamata, prefettura di Fukushima, il 14 marzo. I livelli di radiazione nell'impianto nucleare danneggiato di Fukushima, 240 chilometri a nord di Tokyo, sono aumentati ben oltre i limiti di legge, ha detto il portavoce del governo Yukio Edano. I reattori della centrale di Fukushima hanno perso le loro funzioni di raffreddamento dopo che i generatori di corrente sono stati rovinati dal sisma.

Miyako, alla ricerca di effetti personali tra detriti

Miyako, Iwate, Giappone settentrionale: una donna cerca i suoi effetti personali tra i detriti.

Natori, disperazione tra le macerie

Natori, donna disperata tra le macerie

Rikuzentakata, vista aerea della devastazione post-tsunami

Rikuzentakata, vista aerea della città devastata dallo tsunami

Kamaishi, genitore e figlio cercano tra le macerie

Kamaishi, Giappone del nord, un genitore e il figlio cercano i famigliari dispersi tra le macerie, il 13 marzo.

Shiogama, fiamme da una raffineria

Shiogama, prefettura di Miyagi, fiamme e fumo salgono da un impianto di raffinazione del petrolio, il 13 marzo.

Kesennuma, soccorsi tra macerie fumanti

Kesennuma, nord del Giappone, soccorritori tra macerie fumanti, il 14 marzo.

Riproduzione riservata