Il gelato non sostituisce il pasto

Il gelato non è ideale come sostituto del pasto. E dal punto di vista delle calorie, tra artigianale o industriale non c'è grande differenza. Ecco cosa devi sapere di gelati e sorbetti

Il gelato è uno dei piaceri dell’estate, re dei dolci di stagione, consumato come dessert o come merenda, è diventato anche un sostituito del pasto. Ma sappiamo davvero cosa mangiamo quando scegliamo un cono, una coppetta da passeggio o un prodotto confezionato?

Come si prepara il gelato: base bianca e base d’acqua

Acqua, zucchero, latte… E poi? Con cosa viene fatto il gelato? Quanti eccipienti ha? Servono addensanti? Se vogliamo sapere cosa mangiamo dobbiamo partire dalla base per il gelato. Ce ne sono due: una bianca e una "d’acqua". La prima è composta da latte, panna, latte in polvere, burro, proteine in polvere oppure pasta, e infine zuccheri. Questi ultimi possono essere glucosio, destrosio o saccarosio. La base bianca è il punto di partenza per la preparazione delle creme, a cui sono aggiunti aromi differenti a seconda dei gusti. Sia i gelati artigianali sia quelli industriali partono da questa base che si differenzia nella qualità e nella scelta di ingredienti naturali. Nei gelati artigianali, poi, il burro non si usa.

La base d’acqua, invece, è utilizzata per i gusti alla frutta, e per le creme senza lattosio e il cioccolato fondente (che non ha latte). Prevede l’uso solo di proteine in polvere (o in pasta) e zuccheri.

Gelati artigianali e industriali

Una volta ottenuta la base, cosa si aggiunge? «La maggior parte dei gelatieri aggiunge ciò che dà il gusto specifico al gelato, oltre a ingredienti che permettono di migliorare la cremosità o la spatolabilità, ma sempre prodotti naturali» spiega Claudio Pica, segretario generale dell’Associazione Italiana Gelatieri. «Per esempio, al posto degli addensanti proteici industriali sono usati i semi di carruba oppure altre fibre naturali. Invece dei grassi idrogenati si utilizza la panna».

La miscela finale del gelato artigianale è frutto di un lavoro accurato, che porta a selezionare ogni singolo ingrediente: «I gelatieri tradizionali come mia mamma, per esempio, usano un solo tipo di zucchero, ossia il classico saccarosio, mentre col tempo se ne sono aggiunti altri: glucosio, ma anche stevia, per ridurre l’apporto calorico, ma occorre fare attenzione al bilanciamento finale, in modo da mantenere la freschezza ed evitare la formazione di ghiaccio» aggiunge l’esperto.

Sorbetti e semifreddi

Quando si parla di gelati spesso si fanno rientrare in questa categoria anche i sorbetti (più o meno liquidi, da sorseggiare o gustare al cucchiaio) e i semifreddi. Ma che differenze ci sono? «I sorbetti sono gelati a tutti gli effetti, con la particolarità di avere una maggiore quantità di frutta: si può arrivare persino all’80%, senza ricorrere ad acqua aggiuntiva perché si utilizza quella della frutta» spiega Claudio Pica, segretario generale dell’Associazione Italiana Gelatieri. «Oggi, però, i sorbetti non sono più solo alla frutta, ma anche al cioccolato o al pistacchio. Lo stesso vale per i semifreddi, nati come prodotto negli anni ’80. Hanno la caratteristica di avere una maggiore quantità di latte, sono più pannosi rispetto a un normale gelato. Ci sono però varianti anche senza lattosio, che permettono una migliore digeribilità».

La novità: il gelato gastronomico e il gelato cocktail

«Ormai oggi i gelatieri sono piccoli chimici, molto attenti alla qualità, ma anche alle novità. Se i gusti più richiesti in Italia rimangono cioccolato e pistacchio (in Calabria anche la nocciola), si fanno largo tendenze nuove come lo zenzero e la vaniglia del Madagascar. Tra gli stessi cioccolati si contano fino a 30 varietà differenti. In occasione di una manifestazione nel 1980 a Rimini raggiungemmo il record di 30 gusti diversi, oggi penso che non faticheremmo a toccarne 3.000. Tra queste ci sono i gusti dei cosiddetti gelati gastronomici, come quello al parmigiano reggiano» spiega il segretario dell’Associazione italiana gelatieri. «Si tratta di gelati serviti in abbinamento ad alcuni piatti particolari. A me è capitato, per esempio, di mangiare pesce con un gelato al bergamotto».

«Un’altra novità è rappresentata dal gelato allo Spritz o al Mojto. Sono preparati utilizzando spezie come la menta e i barman li aggiungono agli apertivi, per renderli più freschi. Ma in alcuni casi si trovano anche come gelato da gustare a passeggio. Nello stesso filone ci sono i gelati alla grappa o al vino: nella Regione Lazio ne sono state realizzate 18 varietà differenti, riuscendo a mantenere il gelato intatto, senza che si sciogliesse a causa dello zucchero presente nel vino stesso» racconta Claudio Pica.

Il gelato non sostituisce il pranzo

Infine, l’annosa questione: il gelato è un dolce da gustare a fine pasto oppure lo sostituisce?

«Il gelato non va considerato un sostituto del pasto perché non è un equivalente né da un punto di vista nutrizionale né calorico. A volte si può fare, ma va ricordato che da un punto di vista nutrizionale il gelato è ricco di zuccheri, ma povero in proteine, vitamine, fibre e grassi, specie se si scelgono gusti alla frutta. Un altro aspetto da non sottovalutare è che il gelato solitamente non sazia a lungo e può dare un picco di glicemia» chiarisce Luca Piretta, Nutrizionista, Gastroenterologo, specialista in Scienza della Nutrizione Umana dell’Università Campus Biomedico di Roma.

La pausa pranzo ai tempi del Covid

VEDI ANCHE

La pausa pranzo ai tempi del Covid

Qual è l'apporto calorico ed energetico

In generale i grassi di un gelato, artigianale o industriale, possono variare da 3/4 grammi ogni 100 nel caso dei gusti alla frutta fino ai 15 delle creme più elaborate. Attenzione, però, anche all’apporto di zuccheri e carboidrati: in media i gelati ne hanno un quarto (circa 25 grammi ogni 100 sia che si tratti di gusti alla frutta che di creme). Se la quantità di proteine non varia molto (circa 7 gr. Su 100) l’apporto calorico complessivo oscilla dalle 200/270 kcal in caso di prodotti non eccessivamente ricchi di cioccolato o cialde ricoperte di cioccolato.

Volendo pensare alla linea, meglio un gelato sfuso e uno industriale, in termini calorici? «Da questo punto di vista non cambia molto. La vera differenza tra l’artigianale e l’industriale sta negli ingredienti: solitamente per realizzare prodotti sfusi si presta maggiore attenzione qualità delle materie prime, soprattutto per i gusti alla frutta, per i quali generalmente i gelati artigianali prevedono una maggiore ricerca. In termini strettamente calorici, invece, essendo i gelati industriali più gonfi di aria, a parità di peso hanno un apporto inferiore. La differenza non è comunque sostanziale» spiega il nutrizionista Luca Piretta.

Il pane precotto deve essere confezionato

VEDI ANCHE

Il pane precotto deve essere confezionato

Riproduzione riservata