adolescenti-cellulare

Tik Tok, il nuovo social dei ragazzini

Finito il “tormentone” di Musically.it, ora è la volta del nuovo social, che punta su filmati brevissimi e ritmi molto veloci, lancia “challenge” e attrae giovanissimi, ma anche alcune mamme. Ecco perché piace

Si chiama “Tik Tok”, che ricorda lo scandire del tempo da parte delle lancette e qui, sul nuovo social che spopola tra i giovanissimi, proprio il tempo è il vero protagonista insieme ai video, immancabili sul web.

Dopo aver conquistato gli Stati Uniti, dove conta 65 milioni di utenti e persino il New York Times si interroga sul suo successo, il social continua a crescere anche in Europa e in Italia, dove ha oltre 2 milioni di utenti attivi ogni mese (dati Digiday): si tratta soprattutto di donne (65%), per lo più ragazze, ma non mancano le mamme, che nella comunità si presentano esplicitamente come tali o postano filmati con hashtag come #MomwithKids.

Abbiamo provato a entrare nella comunità di Tik Tok, per capire cosa attrae e come funziona.

Tik Tok: cos’è e come funziona

Si scarica la App, ci si iscrive (si può entrare con il proprio account Facebook o una email valida a cui arriva il codice per poter accedere) e il gioco è fatto: ci si trova immediatamente immersi in un mondo che, come recita lo slogan, è fatto di “Real short videos”, filmati brevissimi, anche di soli 10 secondi che possono arrivare a un massimo di 1 minuto, con una base musicale, replicati potenzialmente all’infinito, a meno di non passare a quello successivo.

L’effetto di stordimento iniziale prosegue scorrendo i video, spesso accelerati, modificati, frutto di veri montaggi semiprofessionali, che hanno come protagonisti ragazzi e ragazze, per lo più adolescenti, che si cimentano seguendo gli hashtag di tendenza. Il primo nel quale ci siamo imbattute, ad esempio, è stato #micronde o #microwaveschallenge nella versione inglese, dove la “sfida” prevede di mimare movimenti al rallentatore per dare l’idea di ruotare, come all’interno di un forno a microonde, possibilmente davanti a uno specchio e con l’immagine di se stessi sdoppiata, per aumentare l’effetto “distorsione”. È possibile, ovviamente, mettere commenti, “like” o condividere i filmati su Istagram o Twitter. A quest’ultimo assomiglia per la limitatezza dello spazio, ma al posto dei 140 caratteri (poi saliti a 280) ci sono video altrettanto contingentati nella lunghezza.

Cosa piace

L’appeal di Tik Tok sui giovanissimi è lo stesso che per mesi ha avuto Musically.it, il social dove ci persino i bambini di 10-11 anni cimentavano in balletti o performance musicali diventati veri tormentoni, e che - guarda caso - è stata comprata dalla cinese Bytedance, che l’ha sostituita con la nuova versione. Tik Tok attrae perché è dinamico e veloce, persino troppo per gli standard di un adulto, che per lo più è ancora legato al “vecchio” Facebook, tanto che all’inizio si ha un po’ la sensazione di “stordimento”. Come quando ci si imbatte nell’hashtag #nobullismo, dove decine di teenagers diventano protagonisti di mini-video in cui, col ricorso a qualche effetto speciale (e molte ore di trucco), si calano nei panni di vittime di bullismo, con tanto di lividi sul volto ed espressioni forti.

L’effetto su un adulto, però, è quello di un pugno nello stomaco e allora ci chiediamo cosa piaccia di questo social, tutto ritmo, musica, velocità e molti filmati ironico-demenziali (sotto l’hashtag #comedy o #funny, tra quelli che contano più like in assoluto). “Come per Fortnite, che rappresenta il videogioco social che ha conquistato soprattutto i maschi, Tik Tok piace molto alle femmine per la sua capacità di aggregare. Ci si sente parte di un gruppo, come spesso accade per tutto ciò che ha a che fare con la Rete: io gioco o seguo una challenge e dunque appartengo a quel gruppo” spiega la psicologa Barbara Volpi dell’università La Sapienza di Roma ed esperta di educazione digitale e adolescenti.

#Challenge e balletti

Come per ogni prodotto della rete pensato per gli adolescenti, le challenge sono tra le più seguite. Molte riguardano balletti da imitare e riproporre in versioni e location sempre nuove, come #loveme, dove coppie improbabili (fidanzatini, ma anche fratelli) in location altrettanto varie (dalla cucina al giardino di casa, al bar in centro città) si esibiscono sfidando gli altri utenti o mettendosi alla prova: “Secondo voi stiamo insieme seriamente o è solo un prank?” chiedono una lei e un lui mentre saltano in perfetto sincrono, oppure “Farò questo ballo fino a che sarò a 500 like” scrivono altri. Comune denominatore sono i tempi limitati delle esibizioni: “I balletti e i video sono tutti molto corti e veloci. È come se solo con la velocità i ragazzi si ‘animassero’, provando emozioni e stimolando le passioni, che spesso non sono più in grado di accendere con altre attività. Spesso quello che gli manca è la curiosità, che riescono a soddisfare solo sul web: guardano cosa fanno gli altri e li copiano. Tutto ciò è sempre esistito, ma una volta la ricerca di se stessi era intimistica, oggi invece si va su internet, con i social, ma l’effetto è quello di ampliare il senso di disorientamento” dice l’esperta, che aggiunge: “Non va poi dimenticato l’effetto della dopamina che si ottiene con i like e le visualizzazioni: ormai molti studi hanno provato l’effetto ‘dopante’ dei social, che crea dipendenza come per le sostanze stupefacenti, anche senza assumere nulla. Non a caso la dipendenza da videogiochi è stata inserita tra le malattie mentali dall’Oms”.

E le mamme?

A colpire è che tra gli utenti di Tik Tok ci sia anche una nutrita schiera di mamme, più o meno attempate. Sono presenti sia come comparse nei video dei figli, sia come protagoniste di sketch: molte seguono hashtag come #lecosecheodio, presentando filmati con montaggi ad arte e persino la voce in distorsione, insomma video degni di programmi come Le Iene, in formato estremamente short. Altre, invece, hanno il profilo addirittura condiviso con la figlia o il figlio, e si cimentano nelle diverse sfide o tormentoni, come la riproduzione della canzone “Soldi” di Mahmood - vincitrice a Sanremo - con ballo annesso e mimo del gesto dell’artista italo-egiziano.

Non mancano neppure le nonne.  “Sta accadendo sempre più spesso che le mamme non riescano ad accettare la separazione dai figli, nel momento in cui questi diventano adolescenti e occorre lasciarli andare. Il social fa da strumento di elaborazione del lutto, per la perdita del loro ruolo di madri, e così si cerca di riacquistare il proprio spazio di donne nel web, per lo più regredendo allo stadio adolescenziale. Ecco allora che spesso vestono come le figlie o le imitano sul web (o a volte tentano di controllare i figli sui social), perché non accettano di poter essere qualcosa d’altro oltre che madri” spiega la psicologa e psicoterapeuta.

Problemi di privacy

Come dimostrano i numeri, il successo di Tik Tok non è in dubbio. Le rilevazioni dicono che dei milioni di utenti (4 in Francia e Germania, ogni mese) la maggior parte arriva anche a 6 accessi al giorno con una media di oltre mezz’ora di permanenza giornaliera). A sollevare problemi, invece, è stata l’accusa di aver ottenuto migliaia di dati di minori, tanto che il social lo scorso mese è stato multato dalla Federal Trade Commission statunitense per 5,7 milioni di dollari. Per accedere, infatti, viene chiesta l’età ma, come abbiamo fatto anche noi, è possibile inserire una data di nascita a caso per accedere alla App, senza alcun tipo di verifica o di richiesta di autorizzazione da parte di un genitore nel caso di minori. "Purtroppo anche i genitori stessi non sanno cosa facciano esattamente i figli sui social, pur sapendo che ci passano molto tempo. In alcuni casi, poi, raccontano con orgoglio che i figli stessi hanno molti like o followers e non si preoccupano minimamente del problema della privacy, neppure quando sono molto piccoli. Anzi, sono i primi a postare le foto dei bambini, fin dalla nascita" dice Volpi. 

Chi insulta sui social commette reato

VEDI ANCHE

Chi insulta sui social commette reato

Pubblichi sui social? Attenta al copyright

VEDI ANCHE

Pubblichi sui social? Attenta al copyright

Riproduzione riservata