cover magre

Divine sì, ma non troppo. Tutte le stelle di Hollywood si danno un gran daffare per essere come sono: chi beve la limonata a colazione, chi si allena come un Marine, chi non mangia mai dopo le 19. Scopri i loro segreti. Ti aiuteranno a entrare nella tua taglia ideale anche dopo gli stravizi delle feste

Pochi zuccheri per Halle Berry

Halle Berry

LA DIETA
La rivista americana Heat si ha rivelato che l’attrice ha abolito i fritti, evita il ristorante (preferisce cucinare da sé) e dopo le 19 non mangia più (da questo momento in poi il metabolismo si abbassa). Essendo diabetica, poi, deve limitare i cibi ad alto indice glicemico (pane, patate, riso bianco) a favore di legumi, cereali integrali, yogurt, carote crude (le tabelle con i valori di ogni alimento si trovano anche su Internet). «La sua è la dieta della salute» dice la nutrizionista. «Mangiare così fa bene a tutti, perché permette di mantenere costanti i livelli di zucchero nel sangue e di evitare i cali glicemici che fanno venire fame e portano a consumare calorie inutili».

L’ALLENAMENTO
La sua trainer, Ramona Braganza, ha messo a punto un programma ad hoc, il metodo 321: 3 parti di attività cardio, 2 di forza e 1 di tonificazione del “core” (i muscoli del busto), che segue 3 volte alla settimana. «È un allenamento completo, per bruciare calorie ma soprattutto scolpire la parte superiore e far così risaltare il punto vita» dice Viviana Ghizzardi.

Per copiarla Volete un fisico a sirena come lei? Fate così: «10 minuti di corsa sul posto e 5 di salto alla corda; 3 serie da 10 di squat, piegamenti sulle braccia e crunch obliqui. Poi 5 minuti di addominali» consiglia Viviana Ghizzardi. «Ripetete tutto daccapo».

Attenta alle porzioni come Jennifer Aniston

Jennifer Aniston

LA DIETA
In fatto di diete Jennifer Aniston potrebbe tenere corsi di aggiornamento. Perché le ha provate tutte, dalla Zona alla South Beach. Per poi concludere, a 41 anni portati con la leggerezza di una ventenne, che non ce n’è alcun bisogno. Così ora l’attrice, come si legge sulla rivista OK!Usa, sta solo attenta alle porzioni e a mantenere delle buone abitudini alimentari. Per esempio, durante il giorno sgranocchia pinzimoni di verdure fresche, sceglie il pane di segale e adora il salmone e le uova. «Le fonti proteiche su cui punta vanno molto bene per i muscoli e contribuiscono a mantenerla giovane: il salmone è ricco di Omega 3, dal potere antiossidante e di retinolo, la sostanza che dà il colore rosato alle carni, e che potenzia l’azione di questi grassi buoni » dice l’esperta.

L’ALLENAMENTO
Lei lo ha ammesso: «Per stare in forma a 41 anni devo darmi da fare. E tanto. Per questo corro tutti i giorni ». L’ideale per asciugare le forme: «quando si corre i muscoli utilizzano come energia il grasso contenuto negli adipociti, che si svuotano» spiega Viviana Ghizzardi. Ma Jennifer ha un altro trucco: lo yogabeat, piccoli e continui movimenti a ritmo di musica (5 volte alla settimana).

Per copiarla Provate il nuovo Yogilates, tante sequenze yoga mixate al Pilates (Studio Shanti, Milano, tel. 3491903360; Club 52, Palermo, tel. 091516655).

J.Lo vince col triathlon

Jennifer Lopez

LA DIETA
Morbida fuori, rigorosa dentro. Non a caso, dopo la nascita dei due gemellini, Jennifer Lopez è ritornata in forma in un batter d’occhio, con una dieta bilanciata da 1.400 calorie, pubblicata sulla rivista di gossip People. Ma l’arma segreta la tiene in borsetta: durante il giorno annusa olio essenziale di pompelmo rosa, che secondo la naturopatia aiuta a bruciare di più e calma la fame nervosa. «L’ideale è annusarlo prima dei pasti» suggerisce Fiorella Coccolo. «Ma perché funzioni davvero bisogna scegliere un profumo molto gradito, tra quelli che hanno proprietà simili: tutti gli agrumi, per esempio, ma anche la lavanda».

L’ALLENAMENTO
Anche il triathlon è un suo alleato: da quando J.Lo l’ha scoperto (proprio dopo il parto), non l’ha più mollato. «Nuoto, bici e corsa, oltre a scolpire tutto il corpo (dove non agisce uno, interviene l’altro), sono le attività bruciagrassi ideali» spiega Viviana Ghizzardi. «In più aiutano a regolare i centri della sazietà che, quando si è stanchi o stressati, vanno in tilt. E fanno sì che ci si senta più affamati».

Per copiarla
Su www.alltrainer.it trovate le tabelle per iniziare a fare triathlon. Da lì alle prime gare il passo è breve. Tenete presente che la versione Sprint (750 metri di nuoto, 20 chilometri di bici, 5 di corsa) è alla portata di tutti. Anche alla vostra.

Gisele sfida i maschi a baseball

Gisele Bündchen

LA DIETA
Nel menu di Gisele predomina il verde: l’ex modella (dopo la nascita del piccolo Benjamin, 10 mesi fa, ha lasciato le passerelle) ha rivelato alla rivista Heat di adorare i minestroni, le insalatone e i centrifugati di frutta e verdura. Su tutto, poi, aggiunge un pizzico di peperoncino o di zenzero grattugiato. Beve tantissima acqua e, in particolare, al mattino, prima di fare colazione, sorseggia una bella limonata bruciagrassi. «La sua è una dieta povera di tossine, che favorisce la depurazione e la diuresi» commenta la nutrizionista Fiorella Coccolo. «Evidentemente la ragazza più che di grasso, soffre di ritenzione idrica».

L’ALLENAMENTO
Gisele ha sempre fatto di tutto: baseball, paracadutismo, surf, pallavolo, equitazione, yoga. Ma ora, a 30 anni e mamma, ha scelto. È una fan del nuovo Pilates Plus: «Una serie di esercizi focalizzati sugli addominali, con in mano pesetti da un chilo» dice la trainer Viviana Ghizzardi. «Per muovere i manubri, qualunque esercizio sia, si tengono in tensione costante tutti i muscoli del busto. L’ideale per il recupero post parto».

Per copiarla
Procuratevi un DVD di Pilates (per esempio Pilates mattina e sera, Gaiam) ed eseguite gli esercizi con i pesetti in mano.

Jessica Biel mangia sei volte al giorno

Jessica Biel

LA DIETA
Questa bellissima ragazza piluccherebbe di continuo. Incredibile, ma vero. Così ha scovato un sistema per assecondare la sua propensione senza danneggiare il fisico mozzafiato che si ritrova: fa sei piccoli pasti al giorno, tre principali e tre spuntini. L’ha raccontato il suo personal trainer Jason Walsh al settimanale americano Us. «Mangiare di frequente mantiene sempre il metabolismo “acceso”. In questo modo, infatti, il corpo non ha la tentazione di mettere delle riserve da parte, perché ha capito che, a cadenze regolari, qualcosa arriva sempre. E lo brucia subito» dice la nutrizionista.

L’ALLENAMENTO
Il suo trainer la fa allenare con il metodo 30/30: per 30 secondi si fa un esercizio alla massima intensità, poi ci si riposa per i 30 successivi. E così via per 30 minuti in tutto. «Questo “interval training” sposta sempre un po’ più in su la soglia oltre la quale si bruciano i grassi. In pratica, quando il corpo riceve il segnale di stop, subito dopo deve ripartire» spiega Viviana Ghizzardi. «Quindi viene “ingannato” e dopo, a riposo, continua a bruciare ancora».

Per copiarla
Potete applicare questo metodo a qualsiasi attività, dal running al corpo libero. «Aiuta ad alzare la soglia dell’allenamento e a non far rilassare il fisico, che tende ad abituarsi ai soliti ritmi e, a un certo punto, rischia di non bruciare più» dice la trainer.

Kate Hudson: da non imitare

Kate Hudson

LA DIETA
Il suo guru, David Kirsch, l’ha convinta a dire no ai carboidrati. Perciò nel suo menu (pubblicato sulla rivista OK!Usa) non solo non si trova un granello di zucchero, ma neanche un piatto di pasta o una fetta di pizza. Kate Hudson è talmente bella, che viene spontaneo pensare che questa strategia possa essere vincente. «Invece, i danni di certe scelte si vedono sul lungo periodo» dice la nutrizionista. «Gli zuccheri sono indispensabili per nutrire il cervello. E non solo: una ricerca israeliana del 2009 ha evidenziato che un’alimentazione senza pane o patate aumenta il rischio di infarto (i carboidrati servono a far sì che il midollo osseo produca determinate cellule che aiutano i vasi sanguigni danneggiati dai grassi a ripararsi e a ripulirsi) » dice l’esperta.

L’ALLENAMENTO
Kate è sempre in moto. Oltre a correre e andare in bici, frequenta lo Yas Fitness Center a Los Angeles dove pratica danza, Pilates e yoga. «Una così magra non ha bisogno di bruciare ancora. Meglio sarebbe concentrarsi sullo yoga e sul Pilates, che tonificano» commenta la trainer.

Per copiarla
Provate il Jukari Fit to Flex, il nuovo allenamento targato Reebok-Cirque du Soleil. In ogni lezione, tante sequenze di danza e yoga a ritmo di musica, divertenti e tonificanti ma senza esagerare (nei club Fitness First, tel. 800606085, www.fitnessfirst.it).

Ellen Pompeo in forma col PT

Ellen Pompeo

LA DIETA
La star di Grey’s Anatomy ha detto alla rivista Us di aver abolito lo zucchero bianco. Ma di non aver rinunciato ai cibi che ama di più: pizza, lasagne e vino rosso, che si concede una-due volte alla settimana. Per il resto, il suo è un menu vegetariano, che non esclude pesce e sushi. «Visto il fisico snello, è evidente che sta anche molto attenta alle porzioni» dice Fiorella Coccolo. «Il pesce va bene, ma è meglio non mangiarlo tutti i giorni, altrimenti si rischia di accumulare nell’organismo troppi metalli pesanti presenti nelle acque marine. Meglio alternarlo con pesce di fiume e puntare anche su altre fonti proteiche, come i legumi».

L’ALLENAMENTO
Il suo personal trainer, Gregg Miele, uno dei guru di Hollywood, dopo la nascita della piccola Stella Luna (ora ha 1 anno e mezzo), l’ha messa sotto con un programma a base di corsa a ginocchia alte e sessioni di hip hop. Più stretching e yoga. «Un allenamento completo senza essere noioso: la corsa a ginocchia alte modella i muscoli, l’hip hop li scioglie, lo yoga e lo stretching li allungano» dice Viviana Ghizzardi.

Per copiarla
Se avete poco tempo, puntate sull’hip hop (su www.fif.it trovate tutte le palestre) e 5 minuti al giorno di stretching.

Hilary Swank, tonica con gli antiossidanti

Hilary Swank

LA DIETA
Al posto del caffè tè verde, niente zucchero ma solo miele e succo d’agave, tanta frutta rossa e gialla, carne bianca e cereali integrali. L’attrice più tonica d’America l’ha confessato più volte ai giornali. «Consumare cibi ricchi di antiossidanti, dal tè verde ai frutti rossi e gialli, è l’ideale per chi ha una bella muscolatura da difendere. Queste sostanze, infatti, da un lato favoriscono la circolazione e il drenaggio dei liquidi, dall’altro aiutano a rendere “più disponibile” il grasso che, invece di starsene ben “attaccato”, si trasforma in energia da bruciare e si smaltisce meglio» spiega la nutrizionista Fiorella Coccolo.

L’ALLENAMENTO
Dal 2004, quando per girare Million dollar baby Hilary ha messo su cinque chili di muscoli, il suo training è tutto di mantenimento: va a lezione di Krav Maga (la tecnica di difesa dell’esercito israeliano) e fa esercizi ai pesi. «I gesti rapidi della lotta e tante ripetizioni eseguite in velocità definiscono la muscolatura senza appesantirla » dice Viviana Ghizzardi, personal trainer.

Per copiarla
In un unico corso, il nuovo Mix Combat & Strength (nei club Virgin Active, tel. 800914555, www.virginactive.it) trovate il divertimento del combattimento e i benefici della tonificazione.

Salma Hayek: colazione ricca

Salma Hayek

LA DIETA
Le sue curve sono piene, ma non scoppiano. Salma Hayek ha imparato a contenerle, pur avendo un debole per la buona tavola. Merito della sua nutrizionista, Carrie Wyatt, che ha rivelato al settimanale OK!Usa di aver messo a punto una dieta a misura di golosa: colazione ricca con latte, caffè e un dolce da forno (l’attrice va pazza per i brownies, quadrotti di torta al cioccolato). A pranzo una piccola porzione di pasta o carne con due contorni di verdura e, a cena, minestra o pesce. «La colazione è l’unico pasto in cui si può mangiare ciò che si desidera, perché si ha davanti l’intera giornata per smaltirlo» dice Fiorella Coccolo.

L’ALLENAMENTO
L’attrice ama il mare. E alle palestre preferisce le piste da ballo. Da brava messicana tutta curve è una fan (manco a dirlo) dei ritmi latini. «Le danze caraibiche, basate sui gesti ondulatori, fanno bruciare calorie ma lasciano il corpo morbido e sinuoso» dice Viviana Ghizzardi.

Per copiarla
Provate la Zumba, un divertente mix di salsa, merengue e rumba eseguiti a ritmi intensi, per allenare il cuore e la sensualità (nei club Virgin Active, tel. 800 914555, www.virginactive.it).

Reese Witherspoon fa yoga ballando

Reese Witherspoon

LA DIETA
«Se non sto sempre attenta a quello che mangio, ingrasso» ha confessato l’attrice al settimanale People. Così Reese punta su un menu dissociato: cereali integrali e verdure a pranzo, carne o pesce con contorno a cena. La frutta, invece, sempre lontano dai pasti. «Giusto mangiare mele, pere, banane come spuntino (vanno bene anche a colazione). A fine pasto gonfiano e fanno alzare la glicemia» dice la nutrizionista.

L’ALLENAMENTO
Il suo trainer è lo stesso di Jessica Biel. Ma per lei ha studiato un programma a base di Yoga Hop, un mix di yoga e hip hop, completato da spinning, corsa e danza. «Con questo tipo di lavoro non si mette su un grammo: sono tutte attività aerobiche ad alto dispendio calorico, da 300 a 450 calorie all’ora» dice la trainer.

Per copiarla
Scatenate come lei? Provate il Military Fitness (ww.italianmilitaryfitness.com), una serie di esercizi in gruppo, all’aperto, presi in prestito dall’allenamento dei Marines.

Gwen Stefani, in marcia!

Gwen Stefani

LA DIETA
«Sono sempre stata a dieta, da quando frequentavo le scuole superiori». Così al settimanale americano People, la stella della musica pop, Gwen Stefani. Finalmente una che lo ammette. Anche per lei tanta verdura, carne bianca e patate dolci al posto del pane. «Questo tipo di tuberi vanno bene perché rispetto a quelli comuni hanno un indice glicemico minore. Mi auguro, però, che la star si conceda ogni tanto un pasto libero o qualche sgarro: nutrirsi in modo troppo rigido fa male al buonumore » dice la nutrizionista.

L’ALLENAMENTO
Inquadrata com’è, ci ha messo poco a tornare come prima delle gravidanze (i suoi bimbi ora hanno quattro e due anni). Gwen dopo sei mesi aveva riconquistato la sua 42. Ma soprattutto una pancia extra piatta, grazie a un mix efficacissimo: la marcia abbinata al TRX Suspension Training. «La marcia, ovvero una corsa a bassa intensità, intacca le riserve di grasso, mentre gli esercizi in sospensione scolpiscono al massimo» spiega la trainer. «Il corpo, infatti, in ogni sequenza è in una condizione di instabilità che costringe tutti i muscoli, ma soprattutto l’addome, ad attivarsi».

Per copiarla
TRX Suspension Training, nei club Virgin Active (tel. 800914555, www.virginactive. it).

Riproduzione riservata